Utente 292XXX
Sono mamma di un bimbo di 6 mesi, in salute, sviluppo nella norma, attaccato a me ed al papà, molto socievole con gli estranei.

Mio figlio non si è mai attaccato al seno fino all'età di 4 mesi e mezzo. Per meglio dire, si attaccava esclusivamente con l'ausilio del paracapezzolo. Mi è stato spiegato che questo può succedere nei bimbi che ricevono uno stimolo qualunque ad annusare o succhiare il silicone durante i primi momenti di vita. Non nascondo che questo aspetto della nostra relazione madre-figlio (non riesco a viverla diversamente, proprio come un aspetto del nostro rapporto...) mi ha turbata e resa insicura in passato, ed anche oggi. Da un mese abbondante però la natura sembra aver fatto il suo corso e mio figlio si attacca tranquillamente a seno libero.

Arrivo al punto. Sto per rientrare al lavoro, il bimbo resterà alternativamente coi miei genitori e coi miei suoceri. Mi ritrovo ad essere gelosa delle nonne, dei piccoli rituali e della complicità che ognuna di loro naturalmente creerà col mio bimbo. Arrivo perfino a domandarmi come, in base a cosa, mio figlio potrà continuare a nutrire per me l'amore speciale che si riserva alla mamma, nel momento in cui non sarò più io ad occuparmi di lui per tutto il giorno?

Mi rendo conto che il mio quesito può risultare molto ingenuo se non addirittura infantile, ma sarei grata di un parere dei Pediatri in merito.

Cordialmente

[#1] dopo  
Dr. Lorenzo Giacchetti

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
0% attualità
20% socialità
SVIZZERA (CH)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2012
Gentile mamma,
Le sue paure sono legittime ed assolutamente non stupide.
Nei primi 6 mesi di vita ma anche nei primi 12 il bambino e' chiaramente della mamma più che del papà e di chiunque altro.
Vedrà che ci sarà il modo di mantenere il rapporto di intimità che gradualmente ha costruito con il suo bambino.
Nei nostri tempi ormai non è la sola che deve tornare a lavoro così precocemente.
Sicuramente tra l'asilo nido e la possibilità di lasciare il suo piccolo con i nonni, non avrei dubbi a preferire la seconda situazione.
Cordiali saluti
L.g.
Dr. Lorenzo Giacchetti
Specialista in Pediatria - Neonatologia e Patologia Neonatale, Varese.
Capoclinica Pediatria Ospedale di Lugano (Svizzera)

[#2] dopo  
Utente 292XXX

Grazie dottor Giacchetti, lei è stato davvero molto cortese e comprensivo. Certo sono consapevole della grande fortuna che abbiamo avendo i nonni disponibili, mio figlio non potrebbe andare a star meglio in nessun caso.

Grazie ancora, buona giornata.