Utente 718XXX
Buongiorno,
sono una neomamma di un bimbo che tra poco compirà il suo primo mese di vita. Il primo figlio e con mio marito siamo purtroppo preda di continue ansie e preoccupazioni per la salute del ns bambino.
Leggendo sulla pubblicità di alcune carrozzine abbiamo visto come certi modelli si propongano di minimizzare i contraccolpi con il suolo accidentato (tipo strade sterrate) onde evitare il rischio dello shaken baby. Incuriosita da cosa si trattasse ho cercato info e mi sono allarmata. Nelle poche passeggiate in villa che abbiamo effettuato (pur avendo già un passeggino a tre ruote ammortizzato) ho visto che nei leggeri sterrati la testa del bimbo oscilla anche per piccoli ostacoli (minimi avvallamenti, sassolini..) Ora mi chiedo ci sono rischi nell'effettuare escursioni su terreno non asfaltato considerato che io e mio marito siamo appassionati di montagna e gite all'aperto?
Pongo altre due domande anche a costo di sembrare paranoica ma ormai mi ha preso l'ansia e preferisco chidere il vs parere piuttosto che tenermi il pensiero fisso..
- qualche giorno fa tenevo in braccio il piccolo dalla parte sinistra con la testa appoggiata nell'incavo del braccio e con il braccio destro agitavo come scritto sulla confezione molto energicamente un flaconcino di goccine che dovevo somministrargli per diversi e diversi secondi gli occhi guardavano la mano che agitava il boccettino. Quando mi sono voltata dal bimbo ho visto che il movimento effettuato comunque si ripercuoteva anche su di lui. Sembrerà stupido ma dopo quello che ho letto sullo shaken baby mi sono agitata..
- sempre mentre lo tenevo con la testa appoggiata nell'incavo del braccio in un'altra occasione cercando di capire se voleva ancora essere allattato o meno il bimbo ha spontaneamente compiuto alcuni movimenti con la testa che hanno provocato degli effetti basculanti (prima verso il seno poi all'indietro poi ancora in avanti pur avendo la testa appoggiata al mio braccio non capisco neanche come sia riuscito).
Cortesemente mi potete rassicurare (sperando che sia così...) che tutti questi comportamenti non abbiano provocato danni?
Con mio marito prestiamo mille attenzioni poi cadiamo in ansie incontenibili al primo dubbio o problema.
Mi scuso per la prolissità del post
Grazie anticipatamente.

[#1]  
Dr.ssa Stefania Paesani

24% attività
4% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Gentile signora,

la Sindrome da Shaken Baby non avviene passeggiando in un parco con il passeggino ( anche se NON ammortizzato!) e nemmeno se il piccolo viene tenuto in braccio con la testa sorretta come lei descrive mentre sta agitando un flaconcino con l'altro braccio.

L'American Academy of Pediatrics specifica che il movimento di scuotere il bambino che puo' portare alla Sindrome da Shaken baby è cosi violento che chi osserva lo riconosce come molto pericoloso e facilmente causa di danni al bambino.
Le lesioni sono sempre il risultato di un trauma violento e non sono causate da piccole cadute, convulsioni e ancor meno lievi scosse trasmesse al bambino da passeggiate o addirittura dal gioco .
Il trauma violento è spesso innescato dalla tensione e frustrazione da parte del genitore o di chi cura il bambino .

Viene inoltre specificato che alcune azioni giocose come far saltellare un bambino sulle ginocchia , non causano lesioni cerebrali.
Il tipo di scossamento che si pensa porti a tali lesioni è descritto come afferrare il bimbo dal torace o da un'arto e scuoterlo violentemente avanti e indietro tanto da causare un colpo di frusta alla testa con ripetute accelerazioni e decelerazioni nelle due direzioni.

In conclusione, le consiglio di non preoccuparsi e di continuare a passeggiare nel parco con il suo bimbo!



Dott. Stefania Paesani
Specialista in Pediatria
Diplomata American Board of Pediatrics
https://www.facebook.com/stefaniapaesani.md/

[#2] dopo  
Utente 718XXX

Grazie Dottoressa per la cortese risposta,
in questi giorni non ho fatto che tormentarmi nella paura di aver fatto danni e devo anche dirle che l'episodio in cui mentre lo allattavo a fine poppata ha cominciato a scuotere la testa è accaduto ancora.
Normalmente allatto distesa a letto con il bimbo coricato su un fianco e a mia volta anch'io su un fianco. Anche se ce la metto tutta ad imparare a fare la mamma sono ancora molto goffa. Quando lo allatto seduta la posizione non è corretta e la sua testa invece di stare nell'incavo del braccio sta sull'avambraccio. Accade poi che a fine poppata il bimbo pur essendo attaccato al seno dimostra segni di nervosismo si agita braccia gambe testa pur continuando a succhiare ancora per diversi secondi. E' stato in queste occasioni di agitazione che appoggiato con la testa sull'avambraccio è comunque riuscito a farla basculare diverse volte (anche in modo piuttosto brusco ma erano movimenti fatti da lui) prima che io la fermassi con l'altra mano...

Tra l'altro usciti dall'ospedale mangiava e dormiva che era una meraviglia. Ora nonostante le visite dal pediatra che riscontrava semplicemente un po di aria nella pancia e prescriveva relativa terapia anche di giorno è tuttaltro che sereno (mangia ma dopo anzichè addormentarsi si lamenta con piccoli versi anche per ore accenna ad abbozzi di pianto piagnucola e via così). L'unico sistema per farlo dormire è ... metterlo in passeggino e camminare.. effetto anestesia e crolla.. Ma cosa può avere? A volte cerca il seno si attacca per pochi secondi succhia in modo nervoso e poi si stacca

In aggiunta da una settimana sono comparse tanti brufolini sul viso.. proprio brufoli piccoli piccoli.

La ringrazio per la sua disponibilità!

[#3]  
Dr.ssa Stefania Paesani

24% attività
4% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2003
Il fatto che il bimbo scuota la testa a fine poppata e che spesso è irritabile, mi fa pensare o a una condizione frequentissima nei neonati, come un reflusso gastroesofageo "fisiologico" nei primi mesi di vita, oppure un po' di intolleranza alle proteine del latte che ingerisce la mamma.

Provi ad adottare le misure antireflusso come :
1) tenerlo in posizione semi eretta per circa 15-20 min dopo la poppata
2)fargli fare i ruttini di frequente durante il pasto
3) quando lo mette a dormire in cylla, sollevi la testata della culla o del lettino di circa 30 gradi ( metterndo per esempio un asciugamano arrotolato sotto il materassino)

Inoltre cerchi di evitare una dieta ricca di latticini..

Non c'è di che!

Dott. Stefania Paesani
Specialista in Pediatria
Diplomata American Board of Pediatrics
https://www.facebook.com/stefaniapaesani.md/

[#4] dopo  
Utente 718XXX

Gentile Dottoressa,
nel ringraziarla approfitto ancora una volta della sua disponibilità..
A costo di sembrare paranoica.. anche in queste occasioni in cui il bimbo a fine poppata scuoteva la testa e l'ha fatta basculare diverse volte prima che la fermassi non ci sono stati danni?
Non navigherò più alla ricerca di malattie su internet .. questa è stata l'ultima volta perchè poi mi faccio assalire dall'ansia. Ho letto ad es che tra i sintomi dello shaken baby c'è : nervosismo e costipazione.. ebbene il bimbo che solitamente dimostrava irritazione la sera ha cominiciato a dimostrare nervosismo durante tutto il giorno e anche un po di costipazione intestinale. Tra l'altro proprio oggi che le ho segnalato il problema è stata la prima giornata interamente tranquilla dal mattino alla sera (zero pianti, nè lamenti, feci perfette..)

Le porgo un'ultima domanda.
Mio marito ed io abbiamo una forte passione per la montagna. Fino a che quota si può portare un neonato che alla data delle ferie avrà 2 mesi? Occorre raggiungere gradualmente qualsiasi quota anche irrisoria fermandosi magari per una notte per l'acclimatamento?
E da che età si può portare un neonato in aereo? I viaggi intercontinentali sono sconsigliati?

Quando compirà tre mesi tre mesi e mezzo devo tornare al lavoro.
Sento pareri molto contrastanti in merito: lasciarlo al nido foriero di malattie o ai nonni? Cosa mi consiglia?

Grazie per la sua infinita pazienza!

[#5] dopo  
Utente 718XXX

PS Rettifico come non detto: neanche finito di scriverle che la serata si è modificata.
Bimbo nervoso piagnucolante cercava il seno ma appena attaccato succhiava in modo vorace nervoso rabbioso per pochi minuti nel contempo agitava braccia gambe corpo ed emetteva vagiti di fastidio/dolore, olo staccavo perchè magari dopo quei pochi minuti tendeva ad addormentarsi ma dopo poco via dinuovo a cercare il seno succhiare in modo agitato con contorsioni ecc.
L'intera sera così fino a mezzanotte quando si è addormentato.
Non è la prima volta che accade mi sembra un comportamento più sovente la sera.
Anche questo può essere sintomo del reflusso? Non so cosa pensare..
Grazie e buona giornata!

[#6]  
Dr.ssa Stefania Paesani

24% attività
4% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2003
Prima di tutto, è normale che una nuova mamma come lei sia piena di dubbi e di paure: per questo ci si affida a persone con piu' esperienza come le nonne o al pediatra di famiglia.
Le consiglio di navigare con cautela e filtrare le notizie che apprende.

Per quello che riguarda le sue domande: non cè dato in letteratura di neonati che si causano da soli la sindrome da shaken baby!!!
L'irritabilià e nervosismo specialmente serale sono molto comuni nei bimbi di questa età.
Le suggerisco di farlo vedere dalla pediatra per valutare se l'irritabilità sia dovuta al reflusso, a banali colichette gassose o a intolleranza alle proteine del latte.

Per quello che riguarda la montagna, nei bambini sani non ci sono controindicazioni per le alte quote e non ci sono nemmeno controindicazioni nel prendere l'aereo.


Ricambio la buona giornata
Dott. Stefania Paesani
Specialista in Pediatria
Diplomata American Board of Pediatrics
https://www.facebook.com/stefaniapaesani.md/

[#7] dopo  
Utente 718XXX

Gentile Dottoressa,
mi propongo di non stressarla più ma credo di aver commesso un'imprudenza e un'altra volta non mi dò pace..
Ho portato il bimbo un paio di volte a casa dei miei genitori per poco tempo (un paio d'ore) e senza pensarci visto che non hanno una culla l'ho messo sul loro letto. Tre giorni dopo ho realizzato che sul copriletto (che -stendiamo un velo -mia madre non lava da tempo immemore) ha dormito anche il gatto (domestico ma nell'abitazione di campagna esce). Non ho pensato a stendere sotto il bimbo un asciugamano o un lenzuolo. Poi quando sono andata a riprenderlo e ho visto che dalla fame cominciava a succhiarsi le manine mi è preso il panico... e se avesse contratto la toxoplasmosi???
Io sono immune e lo allatto al seno non so se questo (ma dubito) sia sufficiente a trasferirgli i miei anticorpi.
Ancora una volta attendo con molta ansia il suo parere
Mi scusi se ho divagato dal post iniziale..
Grazie mille

[#8]  
Dr.ssa Stefania Paesani

24% attività
4% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2003
Una delle grandi importanze nell'allattare al seno è proprio il trasferimento dell'immunità dalla madre al bambino!
Ancora una volta stia tranquilla, il suo bimbo è certamente protetto da qualche pelo di gatto!!

Le ricordo che la toxoplasmosi viene trasmessa tramite ciclo orofecale: il gatto (in particolare i gatti abituati all' esterno e non gatti che stanno sempre in casa) mangia carne infetta da questo parassita (magari uccellini o topini) , viene infettato lui stesso e forma delle cisti all'interno del suo intestino che vengono escrete con le feci. Il contatto con le feci del gatto infettato o con le sue zampine puo' essere causa di contagio, ma non il dormire su un copriletto dove forse ha anche dormito il gatto!

Buon week end
sperando non faccia tanto caldo!
















Dott. Stefania Paesani
Specialista in Pediatria
Diplomata American Board of Pediatrics
https://www.facebook.com/stefaniapaesani.md/

[#9] dopo  
Utente 718XXX

Grazie per la tempestiva risposta!
La mia paura è che sul copriletto possano in qualche modo essere rimasti piccolissimi escrementi del gatto magari rilasciati mentre si faceva la toilette o portati dalle sue zampe. Tra l'altro ho allattato proprio distesa su un fianco in cui aveva la bocca rasente al copriletto.
I miei anticorpi potrebbero essere efficaci per evitargli la toxo anche nella (spero irrealistica) ipotesi in cui fosse venuto a contatto con il toxoplasma?

La ringrazio e contraccambio gli auguri di un ottimo we!

[#10]  
Dr.ssa Stefania Paesani

24% attività
4% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2003
Gli anticorpi materni proteggono anche per questo
Stia serena.
Dott. Stefania Paesani
Specialista in Pediatria
Diplomata American Board of Pediatrics
https://www.facebook.com/stefaniapaesani.md/

[#11] dopo  
Utente 718XXX

Grazie Dottoressa,
ma sembra che la tranquillità debba alloggiare nella porta accanto alla mia e non voglia entrare..
Oggi siamo state dalla pediatra: il bimbo ha compiuto un mese e per la prima volta mi ha detto di aver avvertito un soffio cardiaco..
Panico .. mi ha tranquillizzato spiegandomi non ho ben capito cosa a livello di valvole che nel tempo vanno assestandosi ma intanto mi ha prescritto nientemeno che : visita cardiologica elettrocard e ecocardiogramma dopler (soffio I/VI in neonato nella richiesta).
Sul libretto sanitario ha scritto: soffio sistolico I/VI apparentemente innocente.
Ancora una volta ho navigato su internet.. se il soffio è innocente non è eccessivo come ho letto prescrivere addirittura un ecocardiogramma??
Temo mi abbia rassicurato ma ho una paura folle che ci siano altri problemi. Eppure ho effettuato ecografica morfologica che rilevava un cuore nella norma senza alterazioni.. non era attendibile?
Non so cosa pensare. Anche questo stress non ci voleva.
Ancora una ennesima volta mi affido al suo parere e alla sua disponibilità
Grazie!