Utente 970XXX
Buongiorno,

mia figlia, 3 anni lo scorso giugno, è allergica alle graminacee (prick test di un anno fa).

Mentre lo scorso anno ha sofferto di rinite allergica, quest’anno, da tutto marzo fino a metà luglio, ha sofferto di una forte tosse secca/stizzosa.

A luglio l’allergologo ha prescritto Flixotide per un mese, un puff al mattino ed uno alla sera, e finalmente in un paio di settimane la tosse è sparita. Al termine della cura siamo partiti per il mare ma già dopo 10 giorni la tosse è ricomparsa, saltuariamente ma comunque presente. Ora sono un po’ incerta, la concentrazione di graminacee in questo periodo è minima, per cui mi chiedo se le cause di questa tosse vadano cercate da un’altra parte, per questo motivo sto scrivendo nella sezione pediatria e mi scuso in anticipo se sto sbagliando.

Inoltre il prossimo 8 settembre devo fare alcune vaccinazioni a mia figlia e temo che la terapia con Flixotide rappresenti una controindicazione (ho infatti ricominciato a somministrarlo da qualche giorno).

Attendo cortesemente un vostro riscontro.

Grazie




[#1] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PARMA (PR)
VICENZA (VI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008

Gentile Signora, La tosse è sintomo comune a molte patologie, alcune banali, altre potenzialmente gravi : non c’è dubbio che il medico vada sempre consultato. Poichè però il problema permane nonostante le indagini diagnostiche e le cure che abitualmente si prescrivono nel suo caso, varrebbe forse la pena di considerare un aspetto solo apparentemente secondario: lo schema respiratorio che il paziente presenta. Infatti, quando si respira con la bocca anziché con il naso, una considerevole quota di aria inspirata salta il fisiologico filtro costituito dall'epitelio nasale ciliato e , senza essere preriscaldata umidificata e filtrata nelle fosse nasali e nei seni paranasali, investe la gola, irritandola cronicamente. Anche batteri e virus sono facilitati ad entrare e ad insediarsi in maniera cronica o ricorrente nelle vie respiratorie. Si tratta solitamente di pazienti che nel sonno russano e presentano bruschi risvegli, e di giorno tendono a mantenere la bocca semiaperta. Bisognerebbe appurare se nel suo caso succede così.
Se così fosse, sarebbe il caso di consultare anche un dentista esperto in problemi respiratori.
Le suggerisco anche di dare un’occhiata agli articoli linkati qui sotto, nell’ipotesi che possa riscontrarvi alcuni motivi di somiglianza con il quadro da lei descritto. Il primo è scritto in chiave pediatrica, ma il razionale che espone è simile anche nell’adulto
Cordiali saluti ed auguri

www.studiober.com/pdf/Tosse_Medico_Pediatra.pdf
N.B.: dopo aver aperto il link, deve clikkare su: "continua e apri il sito.."

http://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/1416-laringospasmo-laringite-ipoglottica.html

www.studiober.com/pdf/Malocclusioni e patologie respiratorie ostruttive.pdf

http://www.medicitalia.it/minforma/Odontoiatria-e-odontostomatologia/983/Problemi-di-naso-chiuso-a-volte-la-causa-sta-in-bocca
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com