Utente 366XXX
Salve...scrivo per la mia bimba di 4 anni...è da un po' di tempo che soffre di tosse con conseguente respiro affannoso...ma la sera del 2 novembre la piccola si lamentava del pancino e ha vomitato...dopo essersi addormentata però ho notato che quando respirava produceva un forte rumore come di catarro,aveva il respiro affannoso e veloce...durante la notte si è svegliata con forti dolori addominali ed era piuttosto debilitata e stanca così,dopo aver vomitato, l'ho portata in ospedale e mi hanno consigliato di farle fare l'aerosol con il Clenil e il Broncovaleas e le prove allergiche...Fatta la cura è migliorata e dopo aver fatto il prick test abbiamo scoperto che è allergica agli acari (grado +++).Due sere fa ha iniziato di nuovo ad avere la tosse e le ho dato una compressina di Bentelan senza ottenere nessun risultato...La notte si è svegliata di nuovo con forti dolori all' addome e il respiro affannoso e rumoroso...Quello che mi preoccupa di più è il fatto che ha passato tutta la notte a lamentarsi non della tosse ma del dolore al pancino e questo mi ha fatto pensare che forse i sintomi che lei ha non sono legati all'allergia ma a qualcos'altro...Stamattina ha vomitato di nuovo senza aver mangiato assolutamente niente e si vedeva che era molto stanca e pallida ...Preciso che una volta durante questi sintomi mi ha detto di sentire dolore anche vicino al cuore...Adesso se provo a palparle lo stomaco dice di sentire dolore..Sono molto preoccupata e mi è venuto il dubbio che questi sintomi siano scatenati da qualche altra causa e non dalla banale allergia su cui tutti ci siamo basati fino ad adesso...in attesa di risposta ringrazio vivamente

[#1] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PARMA (PR)
VICENZA (VI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Gentile Signora, La tosse è sintomo comune a molte patologie, alcune banali, altre potenzialmente gravi : non c’è dubbio che il medico vada sempre consultato. Poichè però il problema permane nonostante le indagini e le cure che abitualmente si prescrivono nel suo caso, varrebbe forse la pena di considerare un aspetto solo apparentemente secondario: lo schema respiratorio che il paziente presenta. Infatti, quando si respira con la bocca anziché con il naso, una considerevole quota di aria inspirata salta il fisiologico filtro costituito dall'epitelio nasale ciliato e , senza essere preriscaldata umidificata e filtrata nelle fosse nasali e nei seni paranasali, investe la gola, irritandola cronicamente. Anche batteri e virus sono facilitati ad entrare e ad insediarsi in maniera cronica o ricorrente nelle vie respiratorie.
La respirazione orale favorisce il respiro rumoroso e il russare notturno (lei scrive ".dopo essersi addormentata però ho notato che quando respirava produceva un forte rumore come di catarro".
E' probabile che , in questi casi, la bambina abbia anche episodi di apnea, il che spiegherebbe anche il dolore addominale e in zona sternale: bisognerebbe appurare se nel suo caso succede effettivamente così.
Le suggerisco quindi di dare un’occhiata agli articoli linkati qui sotto: veda se riconosce la situazione della sua bambina.
Cordiali saluti ed auguri

www.studiober.com/pdf/Tosse_Medico_Pediatra.pdf
N.B.: dopo aver aperto il link, deve clikkare su: "continua e apri il sito.."

www.studiober.com/pdf/Malocclusioni e patologie respiratorie ostruttive.pdf
N.B.: dopo aver aperto il link, deve clikkare su: "continua e apri il sito.."

http://www.medicitalia.it/minforma/Odontoiatria-e-odontostomatologia/983/Problemi-di-naso-chiuso-a-volte-la-causa-sta-in-bocca
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com

[#2] dopo  
Utente 366XXX

Gentilissimo dottore la ringrazio per la sua risposta...quindi è inutile fare un elettrocardiogramma come io avevo pensato?..io mi sono preoccupata perché in ospedale le avevano diagnosticato una tracheobronchite acuta e navigando su internet ho letto che questa poteva portare ad uno scompenso cardiaco...collegandolo al fatto che la bambina mi sembra sempre stanca mi sono preoccupata ma se lei mi dice che è una cosa del tutto secondaria mi sento più sollevata...grazie dottore

[#3] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PARMA (PR)
VICENZA (VI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
La mia ipotesdi é che sia secondaria alla respirazione orale, e che nel sonno èpossa andare in apnea, il che non sarebbe un problema secondario
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com

[#4] dopo  
Utente 366XXX

Gentilissimo dottore...scusi la mia insistenza ma vorrei sapere lei cosa mi consiglia di fare. .come devo procedere..a chi rivolgermi?grazie mille anche per la pazienza e il tempo che mi ha dedicato

[#5] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PARMA (PR)
VICENZA (VI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Gentile Paziente, la situazione da lei descritta potrebbe far pensare ad episodi di apnea ostruttiva nel sonno.
Il russare notturno e l’apnea ostruttiva nel sonno rappresentano un conflitto tra la lingua e le strutture molli del faringe, in particolare palato molle, ugola, e, specie nei bambini, tonsille e adenoidi. Il russare è dovuto al fatto che l’aria inspirata (in questi casi per lo più attraverso la bocca, e non il naso come sarebbe auspicabile), trova uno stretto passaggio in cui viene accelerata. Le strutture molli che circondano appunto questo passaggio, entrano in vibrazione originano il caratteristico e sgradevole rumore del russamento. L'apnea si verifica quando il passaggio si occlude del tutto. Al senso di soffocamento segue di solito un brusco e angoscioso risveglio.
Nel sonno il bambino é scosso da movimenti bruschi, scalcia, agita la resta, lo si trova scoperto o girato test-piedi, riferisce incubi o comunque nel sonno parla , piange, , chiama e cerca la sicurezza del lettone. Quando lo "conquista" il suo sonno agitato rende impossibile quello dei genitori,
Un primo orientamento diagnostico si ottiene con semplici domande al paziente e al partner: accade quanto sopra descritto? il bambino russa abitualmente o ha comunque un respiro rumoroso? arresta il suo respiro anche per una decina di secondi almeno? riferisce bruschi risvegli notturni?, al mattino si alza stanco? di giorno é stanco e sonnolento o, al contrario, iperattivo e deconcentrato? In caso di risposte positive il quadro va approfondito per la conferma diagnostica e per la scelta della più adeguata terapia.
Eventualmente mi faccia sapere se riconosce il problema di suo figlio in questa descrizione e nell'articolo qui sotto linkato.
Cordiali saluti ed auguri.

http://www.studiober.com/pdf/Ostruzione%20nasale%20ipertrofia%20adenotons%20OSAS%20malocclusione.pdf
N.B.: dopo aver aperto il link, deve clikkare su: "continua e apri il sito.."

Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com