Utente 265XXX
Buongiorno,
ho da poco ritirato i risultati delle analisi della mia bambina, fatte in seguito a disturbi all'alvo (alternanza, nella stessa giornata, di feci molli/maleodoranti/semiliquide a feci normali); il tutto condito con uno scarso incremento del peso corporeo (a 23 mesi pesa 11,2kg).
Questi i valori alterati (o segnati come tali dal laboratorio):
AST (SGOT) 36 ; riferimento 1-31 U.I./L
concentrazione media emoglobine 31.8; riferimento 31.9-36.9 G/DL
Volume medio piastrine 8.7; riferimento 9-13 femtolitri
VES 1 ora 24; riferimento 0-20 mm

Antigliadina igg deamidata 5.7; riferimento 0-20 unità/ml
Antigliadina iga deamidata 17.5; rferimento 0-20 unità
Ferritina 6; riferimento 10-291 NG/ML
IGE totali 2 U.I./ML
Anti rans-glutaminasi IGA 18.1; riferimento 0-20 Unità/ML.

La coprocoltura e la urinocoltura hanno dato esito negativo.

Vorrei specificare che ho notato miglioramenti all'alvo nel fine settimana, quando propongo alla bambina cibi privi di glutine. I disturbi si acutizzano durante la settimana, nei giorni in cui la bambina pranza al nido, senza alcuna restrizione nei cibi assunti. Inoltre, proponendole per cena alimenti privi di glutine, non ha più alcun risveglio notturno (prima si svegliava nelle prime 3-4 ore di sonno, piangendo ed emettendo aria).

C'è qualche avvisaglia di celiachia? di intolleranza al glutine? Ovviamente vedremo anche la pediatra della bambina, che però ci ha dato appuntamento tra due settimane e sto valutando di fare una visita privata per accorciare i tempi.
Grazie




[#1] dopo  
Dr. Gaetano Pinto

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
0% attualità
20% socialità
NOCERA INFERIORE (SA)
TORRE ANNUNZIATA (NA)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2011
gentile signora
le cause di alterato incremento ponderale non prevedono solo la celiachia ma anche altre patologie.Oltre allo screening per la celiachia vanno fatti ulteriori accertamenti.Le consiglio di consultare anche un gastroenterologo pediatra,inoltre se lo desidera può leggere le nuove linee guida sulla celiachia nella news della mia pagina
cordiali saluti
Dr. Gaetano Pinto

[#2] dopo  
Utente 265XXX

La ringrazio per la gentile risposta, nel frattempo ho risentito la pediatra che segue mia figlia, che però non ha ritenuto necessario indagare ulteriormente. Si è limitata a prescrivere un integratore di ferro, senza però spiegarmi come mai una bambina che mangia tutti gli alimenti e în quantità sufficienti abbia una carenza di ferro. Per questo motivo andrò a fare una visita in privato, in modo da avere un quadro della situazione più ampio. Seguirà senz'altro una visita gastroenterologica, perché i problemi persistono (segnalati puntualmente anche dalle maestre del nido). Aggiungo che la bambina ha l'alito pesante e pare sia disturbata anche dall'assunzione di latte intero, avendo notato miglioramenti in seguito alla somministrazione di latte delattosato.

[#3] dopo  
Utente 265XXX

buongiorno,
scrivo a distanza di qualche mese, la situazione è ancora dubbia.
- maggio:
°fatta visita di gastroenterologia pediatrica, diagnosi di diarrea cronica aspecifica
° cambiata dieta con eliminazione delle verdure presso l'asilo nido (a parte carote e patate) e dei succhi di frutta. A casa dieta normale.
° non più episodi di scariche molli/maleodoranti/semiliquide

- luglio:
°ripetute analisi del sangue per controllare il livello della ferrititna, scesa da 6 a 4 nonostante l'assunzione di ferro; prescritta dose massima giornaliera di integratore. L'emoglobina ha avuto un lievissimo incremento (32.1), forse la ferritina si è abbassata a causa di numerosi episodi di epistassi (attribuiti a varici settali dall'otorino);
°AST (SGOT): ancora 36

agosto:
°due episodi di vomito mattutino, a distanza di 10 giorni l'uno dall'altro;
°prescritta eco addome superiore, che ha rilevato presenza di linfonodi celiaco mesenterici ingrossati, il maggiore di 20mmx5, illo reattivo e riconoscibile.
°Ripetute analisi per controllare i valori dell'antitransglutaminasi, IGA scesa da 18 a 4.

A questo punto non so più che altra indagine potremmo fare; la bambina sta bene, non ha avuto febbre e/o infezioni; resta il mancato assorbimento del ferro e i linfonodi ingrossati. Perché il valore della'antitranglutaminasi è sceso? La bambina ha continuato ad assumere glutine, anche se durante il mese di agosto in quantità minori (pasta una volta a settimana - in famiglia preferiamo il riso, qualche biscotto, pane ogni tanto); sarà questo il motivo? grazie

[#4] dopo  
Utente 265XXX

gent.mi,
solo per completare la situazione: fatta ricerca sangue occulto su 3 campioni (negativo) e calprotectina, che ha restituito un valore di 269, risultato "attiva malattia organica con infiammazione nel tratto gastrointestinale". Mi piacerebbe avere ulteriori pareri sul prosieguo diagnostico.
Grazie