Utente 716XXX
salve dottori,
sono un ragazzo di 24 anni; da più di due anni ho la sindrome dell'occhio secco e secchezza mucose generale,affaticamento precoce.
Con il caldo l'affaticamento aumenta e il respiro diventa più affannoso(ancora di più con l'afa).Comunque, per non dilungarmi troppo,se volete potete leggere i sintomi e i molti accertamenti fatti nel dettaglio,consultando la mia storia clinica.
Vorrei chiedervi: il mio medico di base mi ha consigliato(per ora senza prescrivere)di fare
- emogasanalisi arteriosa (quanto sangue viene prelevato? Quanto dura?
come si effettua?)
- spirometria basale (ma è abbastanza?Comprende i volumi polmonari statici e dinamici?Se non li comprende che tipo di spirometria va fatta
e in che cosa consiste?)
- diffusione alveolo capillare del co (il mio medico ne ha solo accennato,non mi sembra che me lo abbia consigliato,comunque è fastidioso? Come si fa ? Quanto dura?)

Vorrei sapere se tutti questi controlli sono realmente utili per i sintomi che ho, o se ci sono altri esami respiratori che secondo voi sono ancora più indicati.

Grazie per l'attenzione, Vi porgo cordiali saluti.

[#1]  
20563

Cancellato nel 2010
L'emogasanalisi e' un prelievo arterioso, normalmente praticato all'arteria radiale (interno polso, lato pollice). Bastano 1-2 mL. Il prelievo dura pochi secondi.

Sulla spirometria ho lontani ricordi scolastici e mi astengo dal commentare. Quanto alla possibile utilita' clinica, tenga presente che anche esami del tutto normali hanno un loro peso per escludere certe patologie piuttosto che altre.

Il suo medico si sta verosimilmente chiedendo se la patologia che le ha colpito i parenchimi ghiandolari, sostituendoli con tessuto cicatriziale, non stia per caso interessando il polmone, ostacolando gli scambi gassosi.


[#2] dopo  
Utente 716XXX

grazie dottore, è stato gentile a rispondermi. la saluto cordialmente.