Utente 130XXX
Gentilissimi, scrivo per avere qualche delucidazione sul Solian 200. Mio marito non ha mai avuto prima episodi di depressione, era di carattere uno con poca autostima e poca forza nell'affrontare i problemi, nel senso che vede i problemi più grandi di quello che sono, vede sempre il bicchiere mezzo vuoto. Ha sempre condotto una vita normale, pieno di interessi e voglia di fare. A marzo 2008 io ho avuto dei problemi di lavoro, poi risolti, ma mio marito ha vissuto molto male la situazione, ed è caduto in depressione (umore basso, pensieri negativi ossessivi, paura di non guarire, paura di non essere mai stato felice, scarsa voglia di fare, disinteresse per le cose che amava). Il medico gli ha prescritto il Prozac, e nel giro di un mesetto è tornato "normale", cioè come era prima. Una delle cose che lo infastidivano di più erano i rumori dei vicini. A maggio di quest'anno si è prestato un nuovo "problema", cioè dei nuovi vicini con un cane. La sola notizia dei nuovi vicini lo ha fatto star male, paura che avrebbero fatto rumore, che non sarebbe riuscito a dormire. Pensando che questo fastidio (che ha SEMPRE avuto) fosse dovuto al fatto che era ancora malato (come se il Prozac potesse cambiargli il carattere), è corso dal medico che gli ha prescritto Solian, una compressa da 200 mg al giorno. Due settimane fa ha chiesto al medico di sospendere il Solian visto che si sentiva bene e visto che il Solian ha dato parecchi effetti collaterali (calo della libido, aumento di peso, gambe pesanti). La sospensione è avvenuta scalando a 100 gr per due settimane e poi basta. Qualche giorno dopo la sospensione ha cominciato a stare malissimo, ma in un modo in cui non è MAI stato, pensieri ossessivi tutto il giorno, non ha voglia di niente, pensa che tutto quallo che ha fatto nella vita non abbia significato, ha paura di non guarire mai, che tutti sono meglio di lui. Quest'estate gli era successa la stessa cosa, perchè di testa sua aveva sospeso il Solian per alcuni giorni.
Domanda 1: la situazione in cui si trova ora può essere dovuta alla sospensione troppo veloce del Solian (da 100 a zero)? Si può risolvere da sola?
Domanda 2: 200 mg non erano troppi?
Domanda 3: il medico ora gli ha detto di tamponare la situazione con Lexotan, e solo dopo insistenza di mio marito gli ha detto che si potrebbe provare a riprendere il Solian, 50 mg al giorno.
Intanto abbiamo fissato un incontro con uno psicologo, cosa che penso utilissima per risolvere le cause della depressione, ma intanto cosa si può fare? Così non riesce neanche ad andare a lavorare, ma nemmeno a stare a casa da solo tutto il giorno. Basta il Lexotan?

[#1]  
Dr.ssa Ilenia Sussarellu

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
4% attualità
16% socialità
BRESCIA (BS)
CREMA (CR)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2006
Gentile Utente
in questa sezione non ci sono dei medici che possano darle le indicazioni che cerca,
dovrebbe postare la domanda nella sezione psichiatria.

Cordiali saluti
Dr.ssa Ilenia Sussarellu, i.sussarellu@libero.it
Psicoterapeuta Cognitivo-Comportamentale, Psicologo Cilinico-Forense

[#2]  
Dr. Giuseppe Santonocito

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
8% attualità
20% socialità
FIRENZE (FI)
SIGNA (FI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Gentile utente, girerò per lei la domanda in area Psichiatria.

Cordiali saluti
Dr. Giuseppe Santonocito - Psicologo Psicoterapeuta
Specialista in psicoterapia breve strategica
www.giuseppesantonocito.it

[#3]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

La questione non chiara è questa. La diagnosi iniziale presumo (ma mi confermi) è stata di depressione e quindi terapia antidepressiva (prozac), dopo però l'introduzione di solian fa pensare (trattandosi di un farmaco antipsicotico a quella dose) che vi sia stato un episodio di eccitamento/agitazione o la comparsa di sintomi psicotici (deliri, allucinazioni).
La diagnosi pertanto non può più corrispondere alla semplice depressione con questa terapia a base di solian (presumo da solo, senza più prozac).
La sospensione della terapia lascia la persona con il disturbo non "coperto", e quindi se il disturbo è ancora attivo si esprime nuovamente in maniera rapida, a volte puà contribuire uno sbalzo legato alla sospensione, ma fondamentalmente il meccanismo è legato al disturbo di fondo.
va chiarita la diagnosi.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#4] dopo  
Utente 130XXX

No, nessun sintomo di agitazione, nè tantomeno deliri e allucinazioni. Quando è stato prescritto il Solian mio marito era "giù di morale", perchè pensava di essere guarito, e invece diceva che provava le stesse cose di prima, cioè fastidio per i rumori dei vicini, insicurezza, paura ad affrontare i problemi, come se i soli farmaci potessero cambiargli il carattere. Ha continuato a prendere il Prozac più il Solian.
Chiedo: 200 mg erano effettivamente troppi? Possono aver fatto più danni che dato vantaggi?
Ieri il medico gli ha reintrodotto il Solian a 50 mg, e gli ha detto di prendere il Lexotan quando i pensieri negativi si fanno troppo intensi. Secondo lui la ricaduta non è dovuta all'effetto "fisico" della sospensione del Solian, ma alla paura, conscia o inconscia non lo so, di non farcela senza farmaco. Settimana prossima abbiamo fissato la prima visita con uno psichiatra. Sicuramente dovrà lavorare sull'autostima, visto che mio marito pensa di non essere all'altezza degli altri, e sul suo passato, sul rapporto coi suoi genitori, visto che pare turbarlo molto. In reltà tutte queste sue paure, tutto questo pensare di essere meno degli altri, tutto questo rancore verso i suoi genitori, ci sono sempre stati, ma non gli avevano mai creato problemi così intensi. Tante cose se le è sempre tenute dentro e non ne aveva mai parlato, cosa che sta facendo ora. Io lo ascolto, vedo che ha voglia di parlare a ruota libera. Nei momenti in cui si sente meglio dice che capisce da solo cosa non va, solo non sa come cambiare, ma dice di voler affrontare tutte le sue paure una volta per tutte. Siamo ottimisti.

[#5]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

basta controllare le indicazioni del solian a quella dose, è un farmaco antipsicotico. Forse dovete chiarire la diagnosi con lo specialista. Lei riferisce sintomi depressivi, può darsi che i fastidi per i rumori con i vicini corrispondessero ad un delirio, e per questo sia stato dato il solian, altrimenti non vedo una logica precisa.

Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#6] dopo  
Utente 130XXX

Non era un delirio, li sento anch'io i rumori! Solo che a lui danno molto più fastidio (da sempre) di quanto dovrebbero, perchè pensa che lui sia più "sfigato degli altri" e la sua casa non è silenziosa. Non vorrei fare la saccente, ma non ho dubbi sulla diagnosi, è depressione, anche le cause mi sono abbastanza chiare.
Il Solian è stato prescritto come dire, per dare una botta alla depressione. E' stato un errore usare questo farmaco? O era sbagliata la posologia? Può aver peggiorato la situazione? Che strascichi potrebbero esserci?

[#7]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentilee utente,

Siamo fuori strada. La diagnosi non è per niente chiara, né ha senso che affermi Lei di conoscerla e di non avere dubbi. La diagnosi è medica e non torna con uno dei due farmaci prescritti (solian 200). La chiarisca con il medico o chieda un secondo parere.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it