Utente 134XXX
buongiorno, sono molto preoccupata perchè da luglio sono andata in depressione, e a seguito di questo evento ho iniziato a curarmi con Entact ormai da 3 mesi. I sintomi ansiogeni principali sono regrediti notevolmente, ma rimane la cosa che mi reca più angoscia cioè il fatto sentimentale. Infatti, poco dopo essere andata in depressione ho notato un perdita di sentimenti per il mio partner e i miei conoscenti(in particolare per lui), ma ogni volta che in mente mi viene l'idea di lasciarlo ho una forte crisi di panico con pianto. In più, mentre prima ero una persona solare e piena di vita e non vedevo l'ora di avere marito e figli, oggi mi sembra che il mio mondo finisca con la sera, e non mi interessa il fatto che arrivi domani perchè so già che per me il domani non avrà senso. Inoltre ho fissazioni su pensieri che non reputo miei (ad esempio sento di detestare mia madre, non riesco a vedere coppie felici intorno perchè subito mi viene in mente che io non potrò esserlo), queste fissazioni durano circa un giorno, poi il giorno seguente se ne formano altre che mi rimettono alla prova nuovamente. In tutto ciò quello che mi spaventa è la condizione con il mio partner (lui si manifesta comprensivo e mi da tranquillamente tempo), il fatto di non sentire i sentimenti per lui mi manda fuori di testa, ma io quando lo vedo non posso non manifestargli fisicamente il mio amore (abbracciandolo o baciandolo), ma non riesco a sentire dentro ciò che vorrei e questo mi fa dubitare, ma comunque considero sempre tabù la parola lasciare ed anche il pensiero di un'altra persona al mio fianco, non mi interessa, e il fatto di pensare questo mi fa sentire in colpa nei suoi confronti. Ho davvero bisogno di un consiglio.
grazie mille
cordiali saluti

[#1]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

La terapia che sta facendo può agire brillantemente su alcuni aspetti e meno bene su altri. Inoltre talvolta l'effetto secondario di farmaci come questi sul desiderio e lo slancio sessuale e sentimentale è di relativo appiattimento. Di solito questo riguarda l'aspetto erotico, non quello degli affetti familiari.
Di solito se dopo 3 mesi la situazione non è soddisfacente la cura si modifica. Il suo psichiatra che ne dice ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 134XXX

Salve, volevo ringraziarla per la sua rapidità di risposta. Dal medico dovrei tornare, ma ho il timore che mi dica che sono guarita e quindi non avrei più un problema serio a cui dare la colpa alla mancanza di sentimenti. Comunque dovrò affrontare questo problema. Secondo lei questa fase di apatia e mancanza di sentimenti è una fase passeggera dovuta alla depressione o potrebbe perdurare e trasformarsi in altro?
cordiali saluti

[#3]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

dal tipo di domande che si pone ho timore che si tratti di domande ossessive, ovvero che non risentono di alcuna risposta. Addirittura arriva a pensare al posto del medico e questo è motivo di dubbio sul rivolgersi a lui.
Eviti questi dubbi di fatto superflui, perché le domande sul futuro non hanno risposta e i dubbi si hanno sulle risposte avute se mai non su quelle ancora da avere.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it