Utente 111XXX
Buongiorno, sono una ragazza di 32anni e un anno fa, dopo 5 anni di benessere, in seguito ad un periodo di stess ho avuto una ricaduta di depressione.Inizialmente la mia psichiatra mi aveva prescritto una cura con deniban ma il ciclo mi era scomparso così da un mese ho iniziato una nuova cura. assumo mezza pasticca di Anafranil 75 mg e dovrò continuarla per almeno 2 mesi. Volevo chiedere dopo quanto tempo si ottengno i benefici e se la stitichezza attuale andrà a posto. Per quanto tempo è meglio proseguire la cura? é un dosagio elevato e mi porterà benessere con il trascorrere del tempo?grazie

[#1]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

un mese e' poco per poter vedere l'andamento del trattamento che comunque sembra essere sottodose.
In ogni caso, l'assunzione deve essere protratta per un periodo non inferiore a sei mesi, in assenza di sintomi ulteriori, e comunque mantenuta per un tempo lungo.
https://www.facebook.com/francescoruggiero.it/
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139

[#2]  
Dr. Stefano Garbolino

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
8% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
TORRE PELLICE (TO)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Gentile utente,
aggiungo che la posologia del farmaco (1/2 cpr di anafranil da 75) è funzionale rispetto al tipo di depressione ed alle caratteristiche del soggetto (valutate esclusivamente dallo psichiatra vis a vis), in quanto di per sè, potrebbe solo apparentemente essere un dosaggio "blando".

Inoltre, considerando che tale caso appare una ricaduta, la tempistica deve essere valutata attentamente ed in tempi lunghi.

Cordialmente
www.psichiatriasessuologia.com

[#3] dopo  
Utente 111XXX

Ringrazio per le vostre risposte. Per fortuna con questo farmaco sono scomparsi alcuni sintomi negativi quali sbalzi d'umore, rabbia, sensi di colpa ma soprattutto quel senso di disperazione ed angoscia. Spero che con il tempo potrò recuperare anche quell'entusiasmo che mi apparteneva fino a prima di aver questa ricaduta.. Volevo chiedere se anche a questo dosaggio blando è possibile avvertire alcuni effetti indesiderati e se con il protrarsi della cura tendono a scomparire.

[#4]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

La dose è minima. Due mesi non sono un termine ragionevole, le terapie per la depressione hanno una durata maggiore, due mesi sono il tempo per valutare appieno l'effetto.
Gli effetti tendono a persistere anche se alcuni si attenuano con il tempo, non c'è modo di saperlo prima.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#5] dopo  
Utente 111XXX

Gentili Medici, quando mi ammalai 5 anni fa, fu la prima volta che la depressione mi colse e fu un'esperienza drammatica,un disturbo invalidante e molto forte e la mia psichiatra mi prescrisse Cipralex per un anno e mi sentii rinascere...un ano fa ebbi una ricaduta sicuramente più leggera difatti non ho mai smesso di lavorare, svolgere le mie attività quotidiane,uscire con il ragazzo e gli amici anche se dentro stavo male. Questa volta la stessa psichiatra mi ha prescritto Anafranil che mi sta risollevando piano piano, anche se sento che di strada da fare ne ho ancora molta..La mia domanda è questa: chedifferenze ci sono tra cipralex e anafranil? Pro e contro? Grazie.

[#6]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

sono farmaci diversi per indicazioni simili. Il problema è che le dosi che funzionano bene non sono "qualsiasi", ci sono per ciascuno dosi di riferimento. I tempi di risposta sono simili, la durata della cura dipende dalla diagnosi e dalla strategia di prevenzione delle ricadute.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#7] dopo  
Utente 111XXX

Buonasera,vi riscrivo per parlarvi di un ulteriore problema che mi pesa parecchio. Non appena ebbi una ricaduta di depressione dieci mesi fa,uno dei primi disturbi che avvertii fu un drastico calo di libido. Premetto che sono sempre stata una ragazza carica di passione ed interesse per ciò che riguarda il sesso,ma dopo questa ricaduta non ho quasi più provato desiderio nei confronti dell'eros. Il desiderio è iniziato a scemare prima di iniziare le cure... con Deniban prima e con Anafranil adesso non provo più nè desiderio nè bisogno di sesso.Volevo saperese con il tempo potrò tornare quella di prima, per me il sesso è sempre stato molto importante e bello...ho un ragazzo che mi piace e che am. Durante i nostri rapporti nn ho più fantasie travolgenti ed è diventato un vero problema non riuscire neanche più a raggiungere l'orgasmo. Come posso risolvere questo logorante problema? Ho solo 32 anni, tornerò ad avere un'appagante vita sessuale?Che poso fare?Grazie anticipatamente per le vostre risposte.

[#8] dopo  
Utente 111XXX

Volevo aggiungere che la prima volta 5 anni fa che mi ammalai non avvertii un calo di libido e usavo cipralex..Questa volta invece è un disastro, motivo di frustrazione a soli 32 anni. Frustrazione nella depressione...Prendendo mezza compressa di anafanil da 75 mg al girno, secondo voi con il tempo risolverò q

[#9]  
Dr. Stefano Garbolino

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
8% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
TORRE PELLICE (TO)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Gentile utente,

in corso di depressione uno dei primi sintomi a manifestarsi (ed uno degli ultimi a scomparire) è il calo di desiderio sessuale.

Vero è che anche i farmaci antidepressivi possono influenzare la sfera sessuale (specialmente nel caso di diminuzione del desiderio e di allungamento dei tempi di orgasmo - in alcuni casi fino all'anorgasmia). Tali effetti legati ai farmaci rientrano molto in fretta alla sospensione degli stessi.

Nella mia esperienza devo spesso valutare tale incidenza a livello sessuale e personalmente utilizzo diversi accorgimenti in merito (cambio di farmaci, vacanza terapeutica, antidoti, ecc.).

Le consiglio di discuterne in modo approfondito con il suo psichiatra.
Cordialmente
www.psichiatriasessuologia.com

[#10]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Se la sua situazione ormonale è normale, il problema del ridotto desiderio sessuale andrebbe inquadrato insieme dal suo psichiatra e dal ginecologo di riferimento.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it