Utente 164XXX
Salve a tutti,
mio fratello dopo varie forzature siamo riusciti in un consulto psichiatra, gli ha diagnosticato una depressione e seguire una cura (entact 15 gocce mattina, haldol 15 gocce sera) per 20gg, ma lui si rifiuta tenacemente alla cura con psicofarmaci e non c'e modo di convincerlo, la situazione peggiora (parla da solo, e compulsivo su tutto, fa mosse di karate per strada ecc.)
Non sappiamo che fare...
Fargli fare la cura di nascosto, ce una cura senza psicofarmaci?
Che effetti collaterali danno nei primi dosaggi.
grazie, in attesa di leggervi,
cordiali saluti
Mario

[#1]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

il trattamento di suo fratello non e' propriamente una terapia per la depressione.

La somministrazione di nascosto non e' utile e potenzialmente dannosa.

Sarebbe il caso di convincere suo fratello a seguire le prescrizioni o eventualmente far provvedere ad un trattamento obbligatorio qualora ne ricorrano le condizioni.
https://www.facebook.com/francescoruggiero.it/
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139

[#2] dopo  
Utente 164XXX

Spett.le Dr.F. S. Ruggiero,
grazie per la celere risposta.

La terapia doveva essere l'inizio per 20gg, ma non la convince ?
cmq non la mai iniziata e non ne vuole sapere reagisce molto aggressivo solo a parlarne, ci sta sfinendo in casa con degli atteggiamenti imprevedibili (non c'e e diverso)
"La somministrazione di nascosto non e' utile" almeno per i primi giorni ?
Un trattamento obbligatorio la vedo come rimedio estremo
grazie ancora

[#3]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Gentile utente,

un trattamento obbligatorio non deve essere valutato da lei ma da chi ha in cura suo fratello.

Vi sono delle condizioni specifiche che vanno valutate e alle quali si deve richiamare chi fa la proposta.

Non mi convince il fatto che si parli di depressione e vi e' l'inserimento di un neurolettico per il trattamento che non ne giustifica l'uso in caso di sola depressione, anche perche' la puo' anche peggiorare.
https://www.facebook.com/francescoruggiero.it/
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139

[#4] dopo  
Utente 164XXX

Spett.le Dr.F. S. Ruggiero,

Le sue visite da un medico sono state solo due:
La prima da un psicologo e dopo 5 mint siamo dovuti andare via si rifiutava di parlare ecc.
Poi dopo qualche giorno la prima e unica visita di circa 30 minuti da un psichiatra, da li la diagnosi e inizio cura sopra citata.
Dopo 3 settimane da quella visita..Oggi è una giornate veramente critica...sta male, ho chiamato il dr per spigargli il problema, che la cura non la vuole fare e sono dei giorni che sta peggiorando da paura, e gli ho chiesto cosa potessi fare subito, mi ha chiesto dei medicinali prescritti gli ricordato haldol e non mi sono ricordato al momento del secondo(Entact) mi dice di dargli solo haldol per 3/4 giorni 15gocce 3 volte a giorno di nascosto, e poi "convincerlo" a fare la cura prescritta.
Cosa mi consiglia di fare ?
grazie.

[#5] dopo  
Utente 164XXX

Ps. sarà un caso ma oggi per la prima volta a preso haldol 15gocce è ritornata a casa completamente fuori di testa gli parlavo nel vuoto...abbiamo avuto un lite furiosa sbatteva porte, rispondeva male mia madre, a preso soldi di nascosto e gridava voi mi volete chiudere in manicomio ecc...NON LA MAI FATTO ho richiamato dr ma detto di dargli 15 gocce (come?) o chiamare il 118, ho chiamato 118 come a sentito le sirene e scappato...lo ritrovato davanti a un bar a bere bere spasmodicamente abbiamo aspettato per un pò per farlo calmare a fine serata quasi del tutto ubriaco l'abbiamo riportato casa, se voluto fare una doccia a certo punto pianti e pugni sul muro e gridava sto male sto male siamo entrati era disteso nella vasca e piangeva.
Per domani mattina si deve fare quacosa non vorrei chiamare carabinieri per traumatizzarlo di più.
Mi aiuta per favore cosa mi consiglia di fare

[#6]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
[#7] dopo  
Utente 164XXX

Con l'aiuto di un cugino infermiere e un stratagemma siamo riusciti a portarlo in auto davanti al Dipartimento Salute Mentale, avvisati prima della situazione...una volta arrivato l'abbiamo "convinto" a fare due chiacchiere con il dottore (di turno) dopo 15 minuti si è agitato che voleva andare via e non voleva farsi ne un calmante subito ne seguire una terapia nei giorni successivi, spiegandogli che in alternativa cera TSO...dopo un pò sempre peggio a minacciando il dottore di mandare lui all'ospedale, dopo 40 minuti a ripetere sempre la stessa cosa, noi a chiudere le porte e bloccarlo e lui che voleva andare via "vi denuncio" faceva mosse di karate, "ma questo che vuole" ecc, l'abbiamo bloccato e sedato.
E portato all'ospedale reparto psichiatria...

Oggi sono 4 giorni di TSO, andiamo a vederlo 2 volte al giorno.
I primi due giorni sempre quasi a dormire e con poche parole sconnesse che voleva denunciare il dott ecc.
Con l'ansia se cera un monitoraggio ECG se non avesse dei problemi cardiaci...

Da 2 sempre sotto sedativi dice "che ci faccio qua dentro, io tengo la mia vita, mi devono far uscire li denuncio come esco"
Gli ho ripetuto all'infinito che sta li perché non a voluto seguire le cure farmacologiche, che deve capire che non sta bene e che deve collaborare con il dottore se vuole uscire presto da li.

Il dottore che a fatto il ricovero é un pò particolare, non è molto loquace:
1 giorno dopo il ricovero "si è ripristinato"
2 giorno "e ancora presto per dire qualcosa nel campo della psichiatria"
3 giorni "sta migliorando"

domani continua...

[#8]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

I comportamenti che descriveva non davano l'impressione di niente di depressivo, anche se può essere stato un termine utilizzato per far accettare le terapie dalla persona. E' pressoché inevitabile che certe malattie siano trattabili solo con il ricorso al trattamento obbligatorio in certe fasi, perché la persona non ha coscienza di malattia, cioè non riconosce i propri sintomi se non quelli ansiosi magari, che però spesso ritiene prodotti da cause che egli individua all'esterno.

L'haldol è un farmaco per i sintomi psicotici, che si adatta a più situazioni. Le due psicosi principali sono quelle di tipo bipolare e quelle di tipo schizofrenico (statisticamente meno frequenti).
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#9] dopo  
Utente 164XXX

Grazie per il vs supporto!
E' stato dimesso sabato e lunedì deve andare al Dipartimento Salute Mentale dal dr, quello che ha fatto TSO e seguire la terapia.
Alle dimissioni gli stato diagnostica accumulo di stress di anni sfociato episodio paranoideo, e la terapia ora piglia 1 compressa Invega e Tavor 3 compresse 1 mg al giorno, per 9 giorni.
Il problema numero uno al momento e che sta come uno "zombi" Dalla mattina insiste e testardo che vuole uscire da solo andare da amici (che non vogliono vederlo) vuole fare delle passeggiate o andare a correre da solo, andare al bar prendere un caffe, la sera andare dove ce gente o addirittura a ballare, ogni momento trova sempre qualcosa da fare, dove possibile viene accontentato ma è uno sfinimento... a dirgli sempre che non è in grado di camminare e gli possono mancare le forze ecc.
Qualche suggerimento su come gestirlo?
Lunedi l'incontro con il dr. e parte già ostile e quello che la ricoverato, e normale che lo segua lui e non un altro ?
Siamo sfiniti... ma ritornerà come prima?
Grazie ancora

[#10]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Non c'è una diagnosi. Episodio paranoideo si capisce, è una diagnosi generica della fase in sé, accumulo di stress non significa niente, chi è paranoico è comunque stressato per forza di cose, ha convinzioni persecutorie, non potrebbe essere altrimenti.
Adesso però è il caso di ricostruire una diagnosi più precisa, forse è necessario anche un periodo di osservazione ulteriore. Quegli effetti collaterali possono essere il risultati di entrambi i farmaci. L'evoluzione e anche le decisioni sui farmaci sono fondamentalmente legati alla diagnosi precisa del disturbo.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#11] dopo  
Utente 164XXX

Oggi siamo stati dal D.S.M., ha fatto una chiacchierata con dr. da solo, dopo sono entrato e ha confermata la terapia sopraccitato per 60 giorni, domani va in ferie prossima visita 7 agosto (mi poteva essere di supporto in questa fase piena di domande senza risposte).
Siamo in tre a seguirlo mi ripeto la cosa più da estenuante e il continuo stato di irrequietezza dalla mattina alla sera tardi, vuole uscire e fare servizi, vedere amici e di sera vuole uscire da solo a piedi...programma di andare a ballare per fine settimana. stamane stavamo in giro perche voleva uscire e se sentito male lo dovuto far sedere al primo posto arrangiato che non si reggeva in piedi... ci siamo fermati a un bar e bevuto e riposato 15 minuti siamo ritornati a casa che non stava tondo bene, dopo poche ore voleva uscire di nuovo...
Il Dr. gli ha spiegato che doveva essere "cosciente" che non era il caso di fare alcune cose, per il suo stato farmacologico ecc ..."si si ma loro mi stanno addosso io devo vivere la mia vita ecc" .... dal mattino dopo inizia da capo fino a mezzanotte.
Ma si calmerà tra qualche giorno o cosa ci aspetta?
Grazie ancora !

[#12]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

la diagnosi va chiarita, una psicosi schizofrenica e una mania psicotica sono due entità diverse, con linee terapeutiche diverse. Non sono le uniche due psicosi possibili, ma questo è per dire che per il momento l'anomalia non sta né nel decorso, né nella cura che è ad ampio spettro, ma nella definizione più precisa della malattia.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it