Utente
soffro di dap da ottobre ma ho iniziato a curarli 5 settimane fa con daparox 10 gocce l mattino e mezza compressa d prazene la sera. Il medico constatando dei miglioramenti nel senso che non ho più attacchi di panico senza causa ma solo se c'è un fattore scatenante, mi ha detto di prendere 1/4 di compressa di prazene solo per un'altra settimana e poi interrompere totalmente e continuare solo col daparox. secondo voi è giusto interrompere col prazene o questo potrebbe causare un ritorno dei sintomi di dap anche ingiustificati? ringrazio in anticipo per la risposta, sono un pò preoccupata in quanto sono stata davvero male e non vorrei fare passi indietro dato che ancora la situazione non è ottimale

[#1]  
Dr. Giuseppe Nicolazzo

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
4% attualità
16% socialità
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

in generale è bene usare gli ansiolitici come il Prazene per periodi definiti e non lunghi; piuttosto il Daparox, che presumo le sia stato detto che dovrà assumerlo per tempi congrui, non è a dosaggio terapeutico,

Saluti
Dr G. Nicolazzo
Specialista in Psichiatria
Psicoterapeuta

[#2]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Gentile utente

il trattamento e' corretto nella riduzione del prazene pur non essendo attualmente presente un dosaggio terapeutico efficace di paroxetina.

L'aumento sarebbe dovuto già avvenire.
https://www.instagram.com/psychiatrist72/

https://wa.me/3908251881139

[#3]  
Dr. Vassilis Martiadis

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
12% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FORMIA (LT)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
Gentile utente,
concordo con i colleghi nel sostenere che la paroxetina (daparox) è attualmente al di sotto del dosaggio minimo terapeutico che è considerato quello di 20 mg. Continuare a quersto dosaggio, se pure può tenere a bada i sintomi d'ansia più eclatanti, non consente di raggiungere un altro importante obiettivo della terapia farmacologica, che è quello della riduzione del rischio di ricadute.
Ne parli con il suo specialista di fiducia.
Cordiali saluti
Dott. Vassilis Martiadis
Psichiatra e Psicoterapeuta
www.psichiatranapoli.it