Come si diagnostica la somatizzazione?- dubbi su patologie organiche

Buona sera a tutti esporrò brevemente il mio problema.
Da circa 8 mesi che soffro di problemi di stomaco: bruciore, senso di oppressione, crampi, mattone, rigurgito acido e frequenti eruttazioni e forte stiichezza (ogni tanto diarrea). Ho fatto tutti gli esami del caso tranne la Ph metria esofagea e la colonscopia (la più importante per me). Conclusione non è uscito niente, secondo i medici potrebbe essere somatizzazione infatti sabato andrò da uno psicoterapeuta. Leggendo ho letto che la somatizzazione per diagnosticarla innanzi tutto bisognerebbe fare tutti gli esami relativi al caso e a me ne mancano due , inoltre i sintomi dolorosi devono essere quattro in differenti parti del corpo e io ce li ho solo a livello gastroentestinale. Siccome studi ancora e non lavoro i miei genitori non mi vogliono finanziare la colonscopia ma solo gli psicologi. Ho un gran timore che sia tumore all'intestino. Vorrei sapere precisamente e chiaramente come si diagnostica la somatizzazione e potrebbe riguardarmi?
Cordiali Saluti.
[#1]
Dr. Francesco Saverio Ruggiero Psichiatra, Psicoterapeuta 41.3k 1k 63
Gentile utente,

Una diagnosi relativa ad una condizione psichica può trovare il conforto anche della diagnosi psichiatrica con i relativi trattamenti del caso.

In presenza di negatività di esami la condizione di somatizzazione può essere effettivamente tale.

La somatizzazione in sè non è comunque una condizione diagnostica corretta in quanto la sintomatologia lamentata può rappresentarsi in diverse patologie di interesse psichiatrico che andrebbero valutate e trattate.

https://wa.me/3908251881139
https://www.instagram.com/psychiatrist72/

[#2]
Dr. Stefano Martellotti Psichiatra 72 1 7
Gentile utente,
nel ricordarle che una valutazione del problema più seria richiederebbe un'accurata anamnesi e una presa in visione di tutti gli esami strumentali richiesti (a proposito, com'è andata la gastroscopia?), le segnalo che non tutti i disturbi somatoformi devono soddisfare i criteri da lei accennati per essere diagnosticati.
Alla sua età, lo sviluppo di una neoplasia maligna del colon è un evento decisamente inconsueto. Posso chiederle come mai ha pensato proprio a quella malattia?

Dr. Stefano Martellotti
www.stefanomartellotti.com

[#3]
Attivo dal 2012 al 2012
Ex utente
Buona sera grazie dottori per la vostra disponibilità.

Dottor Martellotti dalla gastroscopia è uscito che ho una lieve gastrite cronica.
Penso sia un tumore all'intestino perché i sintomi combaciano tutti, inoltre, appunto la colonscopia è l'unico esame che mi manca dove appunto si vedrebbe se ho questo tipo di tumore, e poi andando per esclusione l'unica cosa potrebbe essere appunto il suddetto tumore.
Inoltre sono sempre debole, con giramenti di testa, affaticamento e non penso che questi sintomi siano dati dalla somatizzazione, anzi molto probabilmente dal tumore..

Un'ultima domanda dottori ma poi lo psicoterapeuta non dovrebbe avere TUTTI gli esami relativi al caso? C'è non sarebbe più tranquillo così? Spero proprio che questo psicoterapeuta dica ai miei genitori di eseguire gli esami mancanti.
Cordiali Saluti.
Roberto.
P.S: grazie ancora della vostra gentilezza!
[#4]
Dr. Francesco Saverio Ruggiero Psichiatra, Psicoterapeuta 41.3k 1k 63
Gentile utente,

se lo psicoterapeuta non è medico non può valutare i referti in maniera appropriata proprio perchè non nelle sue competenze.
Lo psicoterapeuta non ha, comunque, il compito di stabilire quali esami deve fare anche se fosse medico.

Per ulteriore chiarezza sui suoi dubbi, la presenza di un problema gastrico non implica necessariamente la presenza di una problematica intestinale.

La possibilità di effettuare un esame invasivo come la colonscopia, e dei possibili rischi interconnessi, è una valutazione di chi la visita direttamente.

Spesso, pur di ridurre le ansie del paziente si concede di effettuare esami senza che vi sia il reale motivo clinico per farlo.

Ad oggi, lei certamente deve fare una terapia farmacologica per la gastrite cronica che, comunque, va tenuta sotto controllo e sarebbe opportuno seguire un trattamento specifico per i disturbi ansiosi qualora effettivamente essi siano stati diagnosticati.
[#5]
Attivo dal 2012 al 2012
Ex utente
Grazie della risposta dottore. Ma la somatizzazione ha davvero il potere di far soffrire così tanto anche se è una cosa della testa? Cioè, mi spiego meglio. Se fosse somatizzazione ok, il mal di stomaco c'è ma non così forte come ce l'ho io.. Quello è più una condizione organica.
Oggi andrò dal mio medico curante e mi faro prescrivere un esame del sangue per un'eventuale anemia. E aspetto sabato!
Quanto ci si mette a diagnosticare la somatizzazione, se c'è? (Approssimativamente).
Dottore un'ultima cosa i miei problemi di stomaco (quindi possibile somatizzazione), possono essere correlati a delle cose strane che faccio?? ( Mi imbarazzo anche a dirlo), come toccare 2 volte una stessa cosa, se no mi sento a disagio, c'è devo farlo sennò faccio dei pensieri negativi. Sciacquare ogni cosa prima di metterla in bocca, forchetta, bicchieri. Lavarmi le mani a lungo, non per la paura di germi ma bensì per la paura che quando mangio possano esserci ancora dei residui di sapone che posso ingerire. C'è mi faccio delle cose con dei numeri, tipo per bere devo fare solo 4 sorsi, se ne faccio di più poi sto male (cioè a disagio). Spero abbia capito. E se può essere correlato.
Cordiali Saluti,
Roberto.
[#6]
Dr. Francesco Saverio Ruggiero Psichiatra, Psicoterapeuta 41.3k 1k 63
Il solo continuare a ripetere esami senza motivo è sintomo della somatizzazione.
[#7]
Attivo dal 2012 al 2012
Ex utente
Grazie dottore mi ha aperto gli occhi.