Utente 242XXX
Salve.Sono incinta di 37+5.Quand'ero di 21 sett ho cominciato a soffrire di fortissimi attacchi di panico,di cui soffrivo anche prima della gravidanza,ma che ero riuscita in parte a debellare.Il mio psichiatra,visto ilmio stato abbastanza tirato,mi ha prescritto delle compresse di tavor.Al mattino 1 compressa da 1mg,al pom mezza compressa (cioe' 0,50 mg) e alla sera 1 compressa da 1 mg.In tot 2,5 mg al giorno.Assumo questa terapia dalla 21 sett.Ora che sono quasi a termine mi e' sorto un dubbio.Avro' creato prob al bambino avendo fatto una terapia cosi' importante?

[#1] dopo  
Dr. Mario Savino

40% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Fino a qualche anno fa Tavor e benzodiazepine in genere erano poco utilizzati in gravidanza, di recente vari studi (tra cui uno della clinica ostetrica Mangiagalli - che usò lo Xanax) hanno sostanzialmente "sdoganato" questi farmaci quando necessari in gravidanza. Certo un trattamento prolungato potrebbe anche indurre una certa "astinenza" nel neonato dopo qualche giorno dal parto, lieve ipotono muscolare alla nascita, un po' di "pigrizia" respiratoria solitamente lievi e transitori, quindi discuterei col suo medico una riduzione graduale del Tavor in questo ultimo periodo. Se il panico si riaffaccia può usare farmaci non benzodiazepinici sicuri sotto la direzione del suo medico e con la consulenza del numero verde 'farmaci e gravidanza' 800 88 3300.
In generale la situazione è ben gestibile, stia tranquilla.
Mario Savino
medico
Specialista in Psichiatria
www.mariosavino.com

[#2] dopo  
Utente 242XXX

Avevo provato a chiamare a questo num e mi e' stato detto di stare tranq che il tavor in gravidanza si puo' usare.Mi hanno anche rassicurata sul fatto dell'astinenza del bambino,in quanto dicono che e' una cosa rara che si presenti.Di solito,dicono,la mamma deve assumere dosi molto piu' alte perche' il bimbo possa aver prob.Io francamente mi trovo in una posizione alquanto grave,nel senso che l'ansia x l'imminente parto e gli attacchi che durante il giorno mi prendono x qualsiasi cosa,fanno si che la riduzione del farmaco prima del parto non possa avvenire.Le chiedo....se dovesse cominciare il travaglio con conseguente parto dopo l'assunzione giornaliera di 2,5 mg di tavor che succederebbe?

[#3] dopo  
Dr. Mario Savino

40% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Giusto, la placenta è una formidabile barriera (anche contro lee radiazioni, secondo studi recenti).
Mi fa molto piacere che la abbiano tranquillizzata i Colleghi dell'Istituto Mario Negri, ne sanno di sicuro più di me sui farmaci in gravidanza.
Per quanto riguarda il suo quesito, lei è abituata al Tavor da mesi e quindi questo non dovrebbe causare disagio alcuno.
Carissimi auguri!
Mario Savino
medico
Specialista in Psichiatria
www.mariosavino.com