Quando i pensieri suicidi devono essere presi sul serio

Buona sera,
in un periodo di oggettiva difficoltà e dolore...quando i pensieri suicidi sono veramente pericolosi e quando invece fanno parte di un normale percorso per riuscire a tirarsene fuori?
Insomma..come si fa a capire se sono solo pensieri ''brutti'' o c'è un vero pericolo?
Grazie.
[#1]
Dr. Francesco Saverio Ruggiero Psichiatra, Psicoterapeuta 40.8k 992 63
Può entrare nello specifico della questione che pone?

https://wa.me/3908251881139
https://www.instagram.com/psychiatrist72/

[#2]
dopo
Utente
Utente
Da due anni a casa per un brutto infortunio sul lavoro, dovevo rientrare in questo periodo con un avanzamento di posizione...e invece la ditta mi ha gentilmente comunicato che è il caso che mi trovi un altro posto...nello stesso periodo ho preso la decisione di dire al mio attuale compagno di andarsene da casa, dopo 8 anni di convivenza....perché era un trascinare una situazione penosa e denigrante...sto chiudendo una relazione che ho avuto da 4mesi con un uomo sposato.....che mi ha fatto stare benissimo..ma non ha futuro...
E mi ritrovo a cercare on line i modo migliori per suicidarsi...e quando mi sveglio al mattino il primo pensiero è se avrò oggi il coraggio di farlo...perché sono inutile come persona....e non riesco a credere che davvero passerà...non ci credo più.
So che è sbagliato....ma il pensiero va, se lasciato libero,.corre a come deve essere addormentarsi in macchina e non svegliarsi più...
[#3]
Dr. Francesco Saverio Ruggiero Psichiatra, Psicoterapeuta 40.8k 992 63
Se i pensieri sono così insistenti è il caso di far valutare la situazione opportunamente da uno specialista.
[#4]
dopo
Utente
Utente
Grazie.