Utente 417XXX
Gentile Dottore ,
le spiego brevemente il mio caso .
Circa un 12 anni fa , a seguito di periodi di forte stress emotivo , sono scivolato dapprima con uno scoppio di ansia e poi progressivamente in uno stato di anedonia , quindi depressione da cui ne sono venuto fuori con successo solo con Anafranil , dopo aver provato molti degli ssri a cui non reagivo positivamente. Dopo questo periodo c'è stato un periodo di serenità , ma ultimamente ho "assaporato" l'ansia vera e propria , dovendo in primis eliminare il caffè ( basti pensare che uno solo di essi mi generava ansia ) e trovando sollievo assumendo integratori di vitamina b ( prima be total ora neuraben ) .
L'ansia è stata probabilmente scatenata anche dal caldo che in soggetti ansiosi come me ( classico tipo che si preoccupa per ogni cosa , scrupoloso , paga una multa 20 giorni prima della scadenza ecc.) a anche agli stress emotivi che la vita ci regala ogni giorno e le negatività che si subiscono spesso gratuitamente.
I sintomi sono : preoccupazione eccessiva , respiro lento , pensieri irrazionali negativi , lassatezza , difficoltà di concentramento.
Eliminando la caffeina ho trovato immediati benefici , sto praticando anche sport e sto continuando con l'integratore di vitamina b .
La mia domanda è la seguente : basta continuare su questa strada o è necessario un intervento farmacologico? i sintomi si sono attenuati , ma basta , per esempio , un caffè per andare in panico una giornata di nuovo ; una sensazione davvero straziante l'ansia , forse più gestibile della depressione ,ma ugualmente devastante perché ti fa chiudere in te stesso , rischiando di troncare molti rapporti sociali per paura di commettere errori , non esser compreso ecc ( classiche paranoie ansiose) ; l'episodio è ricollegabile a 12 anni fa? Nel senso che vi è qualche rimanenza della dep passata che , nonostante la scomparsa dei sintomi , andava curata per più mesi o sono due episodi separati?
Vi ringrazio per la vostra risposta preziosa che i fornirete .
Grazie mille.

[#1]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
L'ansia non è una malattia provocata dal caldo, dal freddo o da altre cose. È una patologia che si manifesta a seguito di alcuni fattori responsabili che provocano una alterazione nella distribuzione dei neuro modulatori nel cervello.

Fatta questa premessa è utile considerare di sottoporsi ad una visita psichiatrica da cui può scaturire una terapia farmacologica che servirà a ridurre i sintomi ed a portare ad un processo di guarigione da rendere stabile nel tempo.

Dr. F. S. Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
https://www.facebook.com/francescoruggiero.it/
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139

[#2] dopo  
Utente 417XXX

Grazie per la risposta , accetterò il suo consiglio

[#3] dopo  
Utente 417XXX

Volvo solo chiederle una cosa ; visto che in passato non ho reagito molto agli SSRI , nel caso di un trattamento farmacologico di questo stato ansioso la scelta ricadrebbe sull'Anafranil? ( a cui reagii positivamente)

[#4]  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
Anafranil è efficace anche nell'ansia cronica. In genere si preferiscono gli SSRI perchè danno meno effetti collaterali e sono più maneggevoli, comunque ne parli con lo specialista che consulterà.
Franca Scapellato

[#5] dopo  
Utente 417XXX

Gentile Dottore , lei sceglierebbe più Revotril o Anafranil per i sintomi sopra descritti???

[#6]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003