Utente 351XXX
Buongiorno per contrastare gli effetti depressivi della mia neuropatia del nervo pudendo lo psichiatra ha aggiunto ad aripiprazolo mezza compressa da 5, Zoloft mezza compressa da 50. Ci sono possibilità che l'associazione dei due farmaci, magari a posologia maggiorata, mi dia un miglioramento dell'umore e una conseguente riduzione della sensazione dei dolori? Grazie

[#1]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

Sta facendo una domanda a vuoto. Ha indicato la ragione per cui le è stato prescritto il farmaco, poi chiude chiedendo se potrebbe essere utile per quella ragione....

Trattasi di una dose minima, comunque, in genere inefficace.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 351XXX

Ma a dosi maggiorate l'associazione dei due può avere effetto sul rimuginio che la malattia mi provoca visto che i fastidi sono presenti giornalmente e non mi riesce di distogliere l'attenzione da essi? E' giusto anche supporre che gli antidepressivi agiscono di per se anche sulla percezione del dolore? Grazie

[#3]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Sta appunto facendo la domanda iniziale. Uno le prescrive una cura per un problema che lei descrive, poi si chiede se la cura è utile per questo problema.

Non metto in dubito la diagnosi di neuropatia, però spesso queste forme, diagnosticate in maniera dubbia o per esclusione, o come "lievi", o che comunque non giustificano il tipo di ansia e disagio, sono riferibili ad un disturbo ossessivo piuttosto che non alla neuropatia in sé.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#4] dopo  
Utente 351XXX

Dottor Pacini la cura mi è stata prescritta per la depressione e l'ansia conseguente alla disfunzione del nervo che purtroppo è stata dimostrata da visita ed E.M.G. Le ricordo che la neuropatia del nervo pudendo è molto invalidante e, secondo la gravità dei sintomi, può portare sconvolgimenti pscicologici in individui magari predisposti. Nel mio caso, ossessione o no, ho disturbi continui da quasi 2 anni e vorrei poter alleviare la mia sintomatologia . Le chiedevo se posso essere sulla strada giusta con un adeguamento posologico di queste due molecole. Grazie e mi scusi!

[#5]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Questo due farmaci non hanno efficacia sulla nevralgia ma solo sulla depressione.

Studi attuali indicano come non corretta l'associazione tra i due prodotti.

Dr. F. S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it
https://www.facebook.com/francescoruggiero.it/
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139

[#6]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
" Le ricordo che la neuropatia del nervo pudendo è molto invalidante"

Grazie per avermelo ricordato.

Quello che si poteva dire è stato detto. I commenti sono legati a quello che ha rifeirto e il modo in cui lo ha riferito.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#7] dopo  
Utente 351XXX

grazie dottor. Ruggero, grazie dottor Pacini e mi scusi se c'è rimasto male per qualcosa nelle mie parole! Ma non intendevo assolutamente polemizzare. Il fatto è che sono proprio stanco e non intravedo soluzioni ai miei giornalieri disturbi.

[#8]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Mi basavo sull'osservazione che diversi casi sono mi sono arrivati con diagnosi di neuropatie da conflitto o schiacciamento, ma leggendo bene le diagnosi dei colleghi in realtà si capiva che i sintomi lamentati erano sproporzionati, oppure che la situazione anatomica, per quanto presente, era un'ipotesi per spiegare i sintomi. Idem per casi di difficoltà nell'evacuare, o dolori post-operatori in varie sedi.
Quindi questo aspetto va considerato, e diagnosticato indipendentemente dalla presenza di disturbi associati. Altrimenti si rimane nella fascia nebbiosa del disturbo oggettivamente presente ma che non spiega completamente il disagio lamentato.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it