Utente 262XXX
Salve Dottori, sono da 5 giorni in cura con Zoloft dopo aver tentato varie terapie con altri farmaci ahimè fallite, comunque a parte un pò di iperattività piacevole i primi giorni, oggi al contrario sono molto stanco e deconcentrato, ovviamente sò che dovrò aspettare per vedere risultati...ieri sera è sopraggiunto uno strano effetto collaterale mai provato prima, e cioè difficoltà a deglutire, senso di nodo in gola (sensazione che i muscoli della deglutizione si siano indeboliti) che non rende per niente piacevoli i momenti a tavola, cosa che si protrae anche dopo cena con un senso di intorpidimento in fondo alla gola, penso sull'esofago o appena sopra...ora la mia domanda è questa, potrebbe essere un effetto collaterale dello zoloft visto che è apparso in concomitanza con l'assunzione di quest'ultimo? E se fosse così si attenuerà con il proseguo della terapia secondo le vostre esperienze o tenderà addirittura a peggiorare? Ovvio che appena tornerà dalle ferie ne parlerò con il mio psichiatra, ma mi piacerebbe sentire altri pareri... Grazie in anticipo

[#1]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Dopo 5 giorni non ci sono pareri da dare sull'effetto della terapia.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 262XXX

La ringrazio della risposta, ovvio mi è stato riferito dal mio psichiatra che dovrò aspettare per i risultati sull'umore, il mio quesito era però riferito al problema della deglutizione, le risulta che questo effetto collaterale sia legato al farmaco? in caso è in genere transitorio o permane con il proseguo della terapia? Grazie ancora...

[#3]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
La difficoltà a deglutire è un effetto raro e potrebbe non essere correlato al suo caso.

Ad ogni modo, se la difficoltà a deglutire aumenta è utile farsi visitare da un medico per escludere che non ci siano fenomeni allergici in atto.

Dr. F. S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it
https://www.facebook.com/francescoruggiero.it/
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139

[#4] dopo  
Utente 262XXX

Grazie Dottori, la difficoltà nel deglutire parlando con il medico è dovuta a reflusso esofageo, forse colpa di problemi di digestione causati probabilmente dal farmaco...

...altra mia domanda visto che il mio psichiatra mi ha riferito che già dopo un paio di settimane dovrei aver sentito l'effetto calmante dello zoloft, sono a 18 giorni con Zoloft 50mg 'per via di attacchi di panico, depersonalizzazione, ansia sociale e depressione, ma ancora accuso nervosismo e insonnia, più accentuata dell'inizio della terapia, dove addirittura aveva fatto sparire la mia ansia sociale che ora per via del nervosismo sembra tornata, sento di positivo un buon effetto attivante , cioè voglia di fare "cosa che non sentivo da molto tempo" ma ancora vincolato dal mio essere "troppo nervoso", almeno sull'ansia sta agendo in modo positivo diminuendo i casi di panico e eccessiva preoccupazione, in più la mente sembra più lucida anche se a giorni ho delle ricadute abbastanza pesanti...

Sento che a differenza degli altri antidepressivi che ho provato, Mirtazapina (troppa sedazione), Vortioxetina (perdita di efficacia e riacutizzazione dei sintomi) e Paroxetina (libido azzerata e umore sempre depresso), lo Zoloft abbia quella marcia in più per via della sua azione attivante...

Secondo la vostra esperienza dopo 18 giorni ancora posso aspettarmi cambiamenti in positivo soprattutto sulla mia ansia sociale oppure di solito il farmaco dovrebbe aver esplicato la sua massima efficacia sui sintomi? Soprattutto vorrei sapere se nervosismo e insonnia siano solo effetti collaterali transitori oppure in genere permangono con il proseguo della terapia? Grazie

[#5]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

La terapia funziona in un mese.
Lei ha espresso come problema "sensazione che i muscoli della deglutizione si siano indeboliti", il che non significa che abbia problemi di deglutizione. Se comincia a parlare in questi termini si crea confusione.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#6] dopo  
Utente 262XXX

Si ha ragione dottore in effetti ho dato un titolo un pò allarmistico alla cosa, a parte che quel sintomo sembra risolto, ho postato quì altri effetti collaterali che sto sperimentando con l'utilizzo dello zoloft senza aprire un altra discussione...purtroppo ieri si è presentato uno strano effetto collaterale, e cioè un forte senso di estraneazione dal luogo che mi ha preso mentre ero alla guida, un effetto stranissimo come di perdere il controllo, senso di pressione sul cranio e brividi, la cosa è durata tipo 1 minuto ma è stato molto intenso, stessa cosa quando sono tornato a casa dove mi sentivo la testa ovattata e la lucidità compromessa e ancora senso di estraneazione...

...tutta la notte sono stato molto male con stomaco in continua tensione tachicardia e insonnia, la mattina ero a pezzi, difficoltà di concentrazione come se il cervello fosse anestetizzato, sono andato al lavoro con molta difficoltà poi pian piano le cose sono migliorate, stasera ho ancora questa sensazione di testa ovattata e ansestetizzata, ma questo sintomo mi preoccupa molto, non è la prima volta che l'ho avuto, anche prima di zoloft, ma così forte mai, e soprattutto questa sensazione alla testa...

Secondo la vostra esperienza è un sintomo classico dell'ansia o potrebbe essere qualcos'altro? E' un sintomo raro o comune?

Non cerco diagnosi su internet ovviamente, perchè mi affiderò al mio psichiatra che vedrò tra una settimana, ma esperienze, grazie :)

[#7]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Ogni giorno produrrà domande di vario tipo, ed essendoci la cura si concentreranno sulla cura che è un elemento nuovo e quindi "da controllare". La valutazione dell'utilità è rimandata a un mese, e le domande che pone alla fine rispecchiano semplicemente, se ci fa caso, quel che sa già o tutte le ipotesi possibili
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it