Utente 455XXX
Buonasera,
mi chiamo Leonardo e sono prossimo ai 20 anni. E' da due settimane circa che ho un problema di cui non riesco a capirne le cause. Mi sento stanco, debole, nonostante risposassi correttamente 7-8 ore al giorno. In questi giorni, però, la cosa è peggiorata. Soffro anche d'ansia, avevo la pressione anche un po' più alta del normale (133/87). Di solito è 115/70. In questi giorni mi sento più stanco del solito, attualmente ho anche cedimenti nell'equilibrio. Ieri sono stato al pronto soccorso in seguito a questo problema che mi impedisce di affrontare la giornata correttamente. Mi hanno eseguito ECG e, calcolando che ero in ansia, mi hanno detto che era tutto nella norma. Mi hanno fatto anche esami del sangue, che a detta del medico sono perfetti. Solo la concentrazione emoglobina corpuscolare media eccede di poco (37,7 il valore in un range tra 32,5 e 36,0). Nel referto di dimissione mi hanno detto solo di riposare e fare un esame per verificare le funzioni tiroidee. Cosa ne pensate? In questi ultimi giorni mi sento davvero stanco, seppur riposando. Oltre a questo esame, potrei fare altro? Quali potrebbero essere le cause? Sono abbastanza preoccupato. In più, ho dei dolori al petto abbastanza frequenti.

[#1] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

Di riposare in che senso ?

La diagnosi di dimissione c'è o è rimasto un "nulla di fatto" in termini diagnostici ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 455XXX

Buonasera dottore e grazie per la risposta.
Di riposare nel senso di dormire di più, forse, o di star tranquillo, poichè ho riferito di avere ansia. La diagnosi di dimissione è: "riferita astenia". Ciò che mi hanno detto di fare è di consultare il mio medico ed eventualmente farmi prescrivere un esame per le funzioni tiroidee. Questa sera sono stato dal medico e mi ha detto, facendomi varie domande, che i miei sintomi (dalla stanchezza alle vampate di calore) sono frutto di ansia poichè tutti gli esami fatti in pronto soccorso sono regolari. Mi ha prescritto Xanax da 0.5 a rilascio prolungato per 10 gg. Il punto è: è possibile che le vampate di calore al petto e in tutto il corpo possano essere frutto d'ansia?

[#3] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Non frutto d'ansia, sintomi di un disturbo d'ansia, questo sì.

Pare strano come consiglio a uno che riferisce astenia di riposarsi (evidentemente non stiamo parlando di essere stanchi per sforzo eccessivo, altrimenti la cosa sarebbe chiara, e se uno è stanco è chiaro che si riposa perché non ce la fa, più che altro), così come pare strano dire a uno che ha ansia di stare tranquillo..

Se siamo giunti allo xanax, sarebbe però il caso di avere un'indicazione più mirata: xanax è un sintomatico d'emergenza, utile come rimedio del momento, per brevi periodi, ma non cambia il decorso della malattia.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#4] dopo  
Utente 455XXX

Buongiorno dottore,
la ringrazio per l'ulteriore risposta. Anche adesso, essendo per malattia a casa da qualche giorno, nonostante riposi mi sento abbastanza stanco. Al pronto soccorso mi hanno fatto fare alcuni test, come equilibrio di braccia e gambe ad occhi chiusi e forza, e sono andati bene. Tuttavia inizio davvero a preoccuparmi. Secondo lei tutti questi disturbi possono essere solo frutti d'ansia o ci potrebbe essere dietro una patologia più seria? Cosa mi consiglia di fare? Pensa che il mio medico curante abbia fatto una giusta diagnosi? Secondo lei quale sarebbero le possibile cause, e come potrei muovermi?

[#5] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Le ho detto, poiché già la terapia è stata data, andrebbe impostata una terapia più specifica, curativa e per una diagnosi meglio definita. Se il medico non ne conosce o non le sa gestire, lo specialista è lo psichiatra.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it