Utente 994XXX
Buonasera, da circa 1 mesetto ho i sintomologia che solo 10 gg fa il mio medico ha chiarito essere ansia e attacchi di panico,inizialmente pensavo di avere non so quale strana malattia per i sintomi fisici, ovvero tachicardia, fame d'aria, nauesa(è la cosa che mi da più fastidio visto la mia repulsione da sempre a vomitare), tremori di gambe stamchezza continua e e paura continua di stare male o per morire, fobie di ogni genere con la paura di uscire di casa.
è 10 gg che mi è stato prescritto lo xanax con 5 gg prima di andare a dormire e all'occorrenza altre 5 durante la giornata in caso di attacchi di panico.
Nel frattempo ho fatto le analisi del sangue, con un po di colestereloro leggermente superiore e il valore ALT anche quello leggermente superiore, quindi oggi mi sono stati prescritte nuove analisi per scrupolo a questi valori. elettrocardiogramma ok. ho preso appuntamente da una psicoterapeuta che mi ha dato appuntamtne a marted' 10 prossimo.
Mi pare che sto procedendo nel migliore dei modi, volevo un vostro cortese consulto sulla mia situazione, magari in attesa di incontrare la psicoterapeuta se ho la possibilità con qualche metodo di cercare di rilassarmi e non vivere in questo stato continuo di ansia.
rigraziandovi per il tempo dedicatomi, cordiali saluti.

[#1]  
Dr. Giuseppe Santonocito

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
8% attualità
20% socialità
FIRENZE (FI)
SIGNA (FI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Gentile utente
Da ciò che riferisce, mi sembra non ci sia molto da dire: esami medici ok, appuntamento dalla terapeuta già fissato, e lei stesso dichiara che tutto sta procedendo nel migliore dei modi.

Forse ciò che voleva dire, in realtà, è che tutto ciò ancora non la rassicura, che vorrebbe essere rassicurato un po' di più prima ancora del suo consulto reale, mi sbaglio?

Cordiali saluti
Dr. Giuseppe Santonocito - Psicologo Psicoterapeuta
Specialista in psicoterapia breve strategica
www.giuseppesantonocito.it

[#2]  
Dr. Daniel Bulla

52% attività
0% attualità
20% socialità
CREMA (CR)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2003
Gentile Utente,
è tipico dell'ansia il portarci a richiedere ulteriori rassicurazioni. Inoltre la "fretta" è tipica di questo disturbo: forse aspettare fino al 10 la mette a disagio, no?

Se vuole ammazzare il tempo può leggere questo articolo sull'ansia https://www.medicitalia.it/minforma/psicologia/205-caro-psicologo-mi-sento-ansioso-i-disturbi-d-ansia-e-la-terapia-cognitivo-comportamentale.html

E se vuole portarsi avanti, raccolga le idee su un foglio circa gli obiettivi che le piacerebbe raggiungere con la terapeuta, caso mai un domani gli li dovesse richiedere
Cordialmente

Daniel Bulla

[#3] dopo  
Utente 994XXX

Innanzi tutto grazie per i riscontri ai dottori.
Si, credo che ho bisogno ancora di rassicurazioni aspettando il 10, purtroppo in questo periodo ho "fretta" a svolgere tutto, anche cose banali o piacevoli prima di questo periodo, anche guardare un film o leggere vorrei averla già finito di fare ancora prima di iniziarla, non perchè magari non ne ho voglia per l'ansia di affrontarla, non so se mi sono spiegato bene.
Naturalmente Dott. D. Bulla leggerò l'articolo consigliato a provvederò ad annotare obbiettivi da raggiungere. da ieri sera ho iniziato dei metodi di meditazione e controllo del respiro e devo dire che mi hanno sorprendemente dato un buono stato di rilassamento che credo miglirerà facendo esercizi.
grazie ancora e cordiali saluti.

[#4] dopo  
Utente 994XXX

SALVE, MI SONO STATE PRESCRITTE(E FATTE STAMANI) NUOVE ANALISI CHE VI ELENCO NELLO SPECIFICO: AST - EPATITE C ANTICORPI - EPATITE B: HBASB - ALT - INSULINA - EPATITE B:HBCSB - FOSFATASI ALCALINA - EB-VCA - EPATITE B:HBSAG - GAMMA GT.
TUTTO QUESTO PERCHè NELLE ANALISI GENERALI I SEGUENTI VALORI ALTERATI:
VES 21 (1-20) - GLUCOSIO 61(60-110) - ALT 41 (0-35)
COLESTEROLO TOTALE 219 (100-200)
TENENDO PRESENTE CHE FINO A 5 GG PRIMA DI FARE LE ANALISI ERO STATO IMBOTTITO DI CORTISONE E ANTIBIOTICO.
VOLEVO SAPERE COSA POTREBBERO COMPORTARE QUESTI ESAMI, L'ATTESA DEI RISULTATI AHIMè MI AUMENTA L'ANSIA...

[#5]  
Dr. Giuseppe Santonocito

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
8% attualità
20% socialità
FIRENZE (FI)
SIGNA (FI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Gentile utente
Dovrebbe reinserire la sua domanda in un'area medica, ad esempio Medicina generale o Psichiatria.

Ad ogni modo aspetti a preoccuparsi, prima di aver saputo come stanno esattamente le cose.

Cordiali saluti
Dr. Giuseppe Santonocito - Psicologo Psicoterapeuta
Specialista in psicoterapia breve strategica
www.giuseppesantonocito.it

[#6] dopo  
Utente 994XXX

grazie dottore, avevo già visitato il suo portale, trovando degli articoli molto interessanti sull'ansia.
inseriro l'articolo in altra area medica.
cordialmete, S.
buona giornata

[#7] dopo  
Utente 994XXX

Come ho detto nel primo post la sensazione più fastidiosa e la nausea, che appena mi agito o mi innervosisco per per qualcosa mi compare, creandomi ancora più ansia. poi magari appena mi calmo anche in 15-20 masismo mezz'ora minuti diminuisce fino a quasi sparire. la nausea mi si presenta quasi sempre nel pomeriggio, quando sono a lavoro, lavorando a contatto con il pubblico in questo momento mi mette ansia parlare con le persone, spesso solo la presenza mi mette agitazione.
volevo un vostro parere se è giusto continuare ad aspettare che passi o magari all'occorenza prendere medicine anti nausea.

[#8]  
Dr. Giuseppe Santonocito

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
8% attualità
20% socialità
FIRENZE (FI)
SIGNA (FI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Gentile utente
Dato che oggi è stata appena introdotta una nuova funzionalità all'interno del sito, sposterò per lei la sua domanda in area Psichiatria.

Cordiali saluti
Dr. Giuseppe Santonocito - Psicologo Psicoterapeuta
Specialista in psicoterapia breve strategica
www.giuseppesantonocito.it

[#9]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

sono stati effettuati gli esami relativi alla funzione tiroidea?

Come e' possibile fare una diagnosi rispetto ad un disturbo senza avere escluso le altre cause?

oltretutto il trattamento con benzodiazepine, una volta fatta la diagnosi, non e' assolutamente indicato per il suo disturbo.
https://www.facebook.com/francescoruggiero.it/
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139

[#10]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

Il medico ha formulato la diagnosi "ansia e attacchi di panico" che però non è una diagnosi vera e propria (disturbo di panico ?). La terapia impostata con xanax non è affatto una buona scelta, men che meno la prescrizione dello xanax al bisogno in caso di attacchi. In questa maniera si lega ad una funzione ansiolitca dello xanax che niente ha a che vedere con la prevenzione del panico o del trattamento dell'ansia iponcodriaca. Si faccia visitare da uno psichiatra prima di intraprendere a senso unico una strada terapeutica che nessuno ha esplicitamente indicato.
Le migliori risposte, una volta accertata la diagnosi, se si tratta effettivamente di disturbo di panico, sono date dalla combinazione di psicoterapia e farmacoterapia.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#11]  
Dr. Marco Marilungo

24% attività
0% attualità
8% socialità
APRILIA (LT)

Rank MI+ 32
Iscritto dal 2002
allora, cerchiamo di far quadrare il cerchio. di certo colloqui di psicoterapia e di counseling sono appropriati. certo è anche vero che lo xanax è palliativo, meglio sarebbe assumere la melissa fitoterapica diluita al 50% in alcol. ho letto che è stato definito un ipocondriaco, non concordo, forse la sua è solo insicurezza che si materializza davanti al pubblico. le faccio una domanda, per caso è insicuro lei, ed ha paura di se stesso? ci rifletta.
Dr. Marco Marilungo
marcomarilungo@hotmail.it

[#12] dopo  
Utente 994XXX

buongiorno a tutti e grazie per i vostri cortesi riscontri.
Innanzi tutto non mi sono credo stati prescritti esami per la tiroide, almeno che non siano inclusi in quelli elencati sopra, purtroppo sono ignorante in materiaPer quanto riguarda lo Xanax il mio medico ha deciso di lasciarmi quello fino all'incontro (domattina) con la psicoterapeuta con la quale ho fissato un incontro.
Infine per rispondere al Dr. Marilungo, non so se sono ipocondriaco, di certo sono sempre stato un soggetto leggermente ansionso, ultimanente con tutti questi esami e non venire a capo della situazione mi fa a vere paura di tutto, seho mal di pancia chissàa quale malattia ho, se ho mal di testa chissà quale malattia ho..ecc ecc..
si, sono estremeamtne insicuro di me, diciamo che per una serie di eventi negl'ultimi mesi mi rendo conto di aver perso stima di me stesso..e mi pare di aver fallito in troppe cose..

[#13]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Gentile utente,

se il suo psicoterapeuta non e' un medico non potra' indicarle di ridurre lo xanax o di toglierlo.
Se non fosse neanche psichiatra non potrebbe darle un trattamento adeguato per i suoi disturbi.

Inoltre, quando si prospetta una diagnosi di tipo psichiatrico, la prima esclusione di cause deve essere fatta con degli esami opportuni, compresi gli ormoni tirodei e gli anticorpi che spesso possono comportare alterazioni dell'umore e crisi ansiose che possono scaturire dal nulla.

Per quanto riguarda l'insicurezza, la presenza di sintomi di tipo depressivo tende ad aumentare la sfiducia e a diminuire l'autostima, pertanto se non viene risolto il problema adeguatamente tali alterazioni continuano nel tempo creando una circolo vizioso che tende alla cronicizzazione.

Per questi motivi ritengo opportuno consigliarle una visita psichiatrica.
https://www.facebook.com/francescoruggiero.it/
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139

[#14] dopo  
Utente 994XXX

Dr. Ruggiero buongiorno. allora ho chiamato il mio medico e ho cercatoinformazioni sulla psicoterapeuta che in realtà per la precisione è un medico specializzato in psichiatra psicoterapia, quindi dovrebbe avere avre le carte in regola per consigliarmi al meglio nella mia situazione. Certamente seguirò il suo consiglio riguardo anche agli esami alla tiroide, fatto 3 facicamo 31 giustamente, chiederò al mio medico di farmi eseguire questi esami.
La ringrazio per le utili delucidazione, cordialmente,
S.

[#15] dopo  
Utente 994XXX

Salve dottore, ho fatto la prima seduta di psicoterapia ede è andata bene, mi sono sentito a mio agio e rassicurato dalla dottoressa, abibamo già fissato il secondo incontro della terapia. sto diminuendo le dosi di xanax per far posto a Daparox, e per la nauesea mi ha prescritto delle gocce di natur aomeopatica, ma fino ad oggi da dopo l'incontro non ne ho mai avuto bisogno.
ieri ho ritirato le analisi supplementari per escludere patologie, è risultato la mononucleosi con valori di:
EBV(CLIA)VCA-G >750 ;
VCA-M <10.0
EBNA-G 423
EA-G < 5.0
HBcAb Totali Negativo
HCV Ab Negatvo
HBSAg Negativo
HBsAb 0.00
Secondo lei la mononucleosi più avervi creato una spinta ai miei stati ansiosi?
Grazie per l'attenzione

[#16]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Gentile utente,

sinceramente diffido di chi utilizza metodi tradizionali e metodi non tradizionali accoppiati tra di essi.

Infatti la medicina non tradizionale e l'omeopatia sono delle scienze che hanno una loro nicchia di interesse ma che sviluppano delle teorie che sono differenti dall'utilizzo dei farmaci tradizionali.
Infatti, vi e' una teoria olistica secondo la quale un sintomo rappresenta un alterazione interna che deve essere appunto curata con i farmaci omeopatici, rendendo tale sintomo peggiore per poi avere un miglioramento (spiegata un po' per grandi linee senza grosse pretese).

Se la prescrizione dell'antiemetico non suffraga questa teoria probabilmente c'e' qualcosa che non va.

Se capitasse a me, che pero' sono della materia e conosco entrambe le ideologie, mi sentirei preso in giro.

"Far posto" al daparox spero sia una sua espressione e non della sua psichiatra, perche' anche in questo senso la riduzione delle benzodiazepine non deve far posto proprio a nulla mentre vanno ridotte per evitare la dipendenza.

Inoltre, mi pare che ancora non siano stati fatti gli opportuni esami tiroidei, che sono gli esami che escludono patologie della tiroide a volte responsabili di quadri come da lei descritti.

Detto questo, chiarisca sin da subito il trattamento che le deve essere fatto, l'orientamento psicoterapeutico, la durata (approssimativamente) del trattamento, senza andare dietro a troppi fronzoli, perche', mi pare, che le sia stato fatto perdere abbastanza tempo.


https://www.facebook.com/francescoruggiero.it/
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139

[#17]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Non è necessario ridurre lo xanax per introdurre o aumentare il daparox. Fanno cose diverse in tempi diversi, potrebbero benissimo essere iniziate assieme. In ogni caso, se l'intento finale è di utilizzare il solo daparox, il risultato sarà uguale.
Gli esami virologici fanno riferimento a teorie tutt'ora non confermate in maniera decisiva. Quindi possono aver senso in un progetto di ricerca, meno in una pratica ambulatoriale.
L'omeopatia è una teoria che riferisce le cure tutte ad una teoria, atteggiamento che mi lascia molto diffidente. Infatti, quando si prendono queste posizioni si ha l'impressione che alla base della teoria ci sia la supposizione che la teoria sia vera, il che la proietta fuori da ogni metodologia scientifica.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#18] dopo  
Utente 994XXX

Gentili dottori, mi sono esppresso male io.
il daparox , il "far posto" , è un'esppressione mia, sto seguento la terapia farmacologica di ultilizzare entrambi, uno non annulla l'altro, mi è stato spiegato che hanno funzioni diverse.
Per quato rigurda l rpodotto omeopatico , nn saprei che dirvi, io mi fido della persona cui mi sono affidato, premettendo che non ne ho fatto uso a oogi dato che il sintomo della nausea no si è ripresentato.
Mi farò prscrivere anche le analisi per la tiroide Dr. Ruggiero, giusto per escludere patologie in quella sfera.
Sono stanco di fare esami e spero di trovare presto la strada per rimettermi in sesto, fisicamente e mentalmente.
Grazie ancora per il vostro tempo dedicatomi.