Utente 522XXX
Gentili Dottori,
sono attualmente seguita da uno psichiatra a causa di un disturbo depressivo e assumo alcuni psicofarmaci. Il mio problema è il seguente: sono una fumatrice (fumo 6-7 sigarette al giorno) e da pochi mesi a questa parte (più o meno in coincidenza di una mia ricaduta in depressione) quando dalla sigaretta, non percepisco più la "boccata" di fumo. In altre parole, quando fumo una sigaretta per me è come se fumassi aria, o comunque una sigaretta molto molto leggera. Aspiro anche profondamente ma è come se non sentissi niente. È come se il cervello non percepisse più la stessa sensazione di piacere che si riceve quando si fuma.
Ho provato un tabacco diverso, ma la sensazione è la stessa. Ho provato anche a fumare di meno, ma niente. Ho chiesto ovviamente al mio psichiatra se i farmaci potessero essere la causa, ma la sua risposta è stata negativa. Effettivamente non riscontro alterazioni né del gusto né dell'olfatto; percepisco odori e sapori normalmente, quindi com'è possibile che io non percepisca il fumo o che comunque lo percepisca in maniera del tutto affievolita e inusuale rispetto a una condizione normale? È possibile che io abbia riportato un danno ai recettori nicotinici o che comunque abbia un problema neurologico? So che la cosa migliore sarebbe che smettessi di fumare, ma attualmente già sto faticosamente uscendo da un periodo di forte sofferenza psichica e l'aggiunta di questo problema per me è parecchio frustrante.
Nell'attesa di una risposta, vi ringrazio per la cortese attenzione.

[#1] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
È solo una sua sensazione suggestiva.


Dr. F. S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it

[#2] dopo  
Utente 522XXX

Potrebbe darmi qualche delucidazione in più? Conosce altri casi simili? Secondo lei è un problema risolvibile o destinato a essere permanente? Da cosa può dipendere la soluzione?
Grazie.

[#3] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Vuol dire che è una sua idea che non ha riscontro.

Probabilmente ha dei tratti ossessivi.
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it