Utente 551XXX
Gentili Dottori,a mio padre di 72 anni a dicembre è stata fatta diagnosi di Psicosi con delirio mistico religioso da uno Psichiatra privato,sono riuscita a convincerlo a farsi vedere ma credo che non riuscirò più,( patologia che ha da 30 anni) non vuole accettare nessuna cura perchè lui non si ritiene malato,occasionalmente nelle fasi più acute come in questo periodo gli stiamo somministrando di nascosto gocce di Serenase per calmarlo,Sabato ha riferito che le voci non le sente più,il problema è che da Venerdi ha iniziato ha prendere le pastiglie di Solian,metà compressa da 200mg prescritte dal medico di famiglia come rilassante e per favorire il sonno.
Volevo sapere se il Solian a dosaggi di 100 mg preso per un pò di tempo potrebbe avere effetti anche sulle psicosi,inoltre volevo chiedere come mi devo comportare con il Serenase che nelle fasi acute funziona,immagino che i due farmaci insieme siano fortemente sconsigliati,mi potete dare qualche delucidazione in merito.
Ringraziandovi porgo Cordiali Saluti

[#1]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

Il solian a quella dose non produce un grande effetto antipsicotico, e l'effetto è comunque sovrapposto in termini di meccanismo d'azione al serenase. Cercherei di vedere se il medico curante, ci cui lui pare fidarsi, riesce a proporgli qualcosa di più utile, sia per composizione che per dose.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 551XXX

Grazie per la pronta risposta,il problema è che il medico di famiglia è informato perchè sono stata io a parlarne,mio padre di queste psicosi e deliri con lui non ne parla,espone solo i problemi di sonno e stress.
Scrive che l'effetto del solian è comunque sovvrapposto in termini di meccanismo d'azione al Serenase,ma visto la criticità del momento si potrebbe dare entrambe le medicine magari abbassando le dosi del serenase.

[#3]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Non è possibile qui indicare cosa dare. Invece è bene che sappia tutto il medico di base, perché non è il caso che prescriva cose senza sapere che ce ne sono già altre in ballo. Lui è lì appositamente per tentare di gestire la situazione in qualche modo, se è possibile.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#4] dopo  
Utente 551XXX

Il medico di base sa tutto,questa mattina mi ha detto che purtroppo curato così non sortisce grandi effetti e che dovrebbe rivedere uno psichiatra,ma purtroppo so già che non riuscirò a riportarlo,questo é il problema più grande da affrontare.Il tso la vedo una pratica troppo estrema e poi non é detto che una volta uscito se la prende molto male con noi.Vorrei provare ad andare dallo psichiatra che lo visitó a Dicembre e farmi prescrivere la cura giusta per lui,magari i inizialmente dando i farmaci di nascosto e poi una volta stabilizzato e calmato dire la verità,cioè che le voci non le sente più grazie ai farmaci secondo il vostro parere potrebbe essere una strada percorribile?Grazie

[#5]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Lei capisce che non è possibile consigliare di dare terapie di nascosto.Le due vie rimangono quella di insistere, e ovviamente in presenza di alcuni elementi estremi (non basta la presenza di psicosi in sé) i trattamenti coercitivi, che non sono determinati o chiesti dai familiari, ma dai medici che visitano la persona.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#6] dopo  
Utente 551XXX

Grazie Dottore per i suoi suggerimenti,volevo porle una domanda,nella sua esperienza il delirio mistico religioso é una situazione che vede spesso o é raro ed é sempre riferito alla schizofrenia oppure ci possono essere altre possibilità,io ho notato che dopo forti periodi di stress lui inizia con questi deliri fatti di voci che gli preannunciano catastrofi imminenti, oltre ad un appiattimento affettivo e mancanza di interesse per tutto ciò che lo circonda,inoltre diventa anche aggressivo verbalmente se contraddetto e non ha più un filo logico in quello che dice,ho anche saputo che soffre di priaprismo e questo lo manda in tilt,perché lo associa a queste voci.Grazie

[#7]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
E' uno dei classici temi deliranti quello mistico-religioso. Il filo logico non è richiesto da chi delira, le bizzarrie sono giustificate in base ad una verità vissuta come vera senza bisogno di conferme né di giustificazioni in partenza.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#8] dopo  
Utente 551XXX

Dottore mi scuso se non ho più risposto ringraziandola per i consigli,nel frattempo mio padre é rientrato in se dopo due mesi di crisi acuta,non riesco a capire come dall'oggi al domani possa cambiare così tanto al punto di sembrare un'altra persona,questo é possibile nella schizofrenia o potrebbe invece trattarsi di psicosi acuta post periodo di forte ansia e stress,lui non ha problemi cognitivi e non fa cose strane,ma quando ha queste crisi diventa facilmente irritabile e la sua mente naviga tutto il giorno in questi deliri e allucinazioni uditive.

[#9]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
E' possibile in ogni forma di psicosi, per definizione, che significa vivere una realtà diversa, con alterazione della formulazione dei giudizi e della percezione della realtà.
Nelle forme che iniziano in così tarda età si pensa sempre ad un evento legato all'invecchiamento, ad esempio vascolare, o degenerativo.
Altrimenti, statisticamente le forme di psicosi che rientrano così nettamente (sotto terapia immagino) possono corrispondere a disturbi bipolari così come a psicosi di tipo schizofrenico, così come a forme pre-demenziali.

Bisognerebbe capire se anche in passato ne aveva di crisi simili, magari attenuate o brevi.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#10] dopo  
Utente 551XXX

Grazie Dottore,mio padre soffre di psicosi da quando aveva 40 anni alternati da periodi dove tutto rientra,diciamo che il tutto (deliri e allucinazioni )é iniziato dopo un pellegrinaggio a Medjugorje,dove faceva digiuni molto forti,tornato da quel viaggio era letteralmente fuori di sé,infatti fu ricoverato in psichiatria e purtroppo mia madre firmò per farlo uscire il giorno dopo.Prima di quel periodo non aveva manifestato nulla se non un comportamento facilmente irritabile di tipo nevrotico,ma mai psicosi,come dicevo sopra é stata fatta diagnosi di schizofrenia in una sola visita durata circa un ora e volevo capire se secondo il suo parere potrebbe invece avere altro poiché molti anni prima fece una caduta da un camion e si fece male alla testa o non potrebbe centrare nulla visto che ha un parente che é diagnosticato schizofrenico.onoltre volevo aggiungere che a dicembre dopo 3 giorni dalla visita con lo psichiatra e senza alcun farmaco,tutti i disturbi rientrarono ed era normalissimo,poi in primavera dopo 2 mesi stressanti di lavoro ha iniziato nuovamente e ora é due giorni che sta bene,come dicevo sopra abbiamo dato serenase per circa 30 giorni in questo periodo e mi risulta difficile capire se é lui che in qualche modo si autoguarisce o cosa.Grazie

[#11]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Le due psicosi più frequenti sono quella bipolare e poi quella schizofrenica, l'esordio è solitamente prima dei 40, però vi sono forme tardive, perfino senili per il disturbo bipolare.
Un esordio sui 40 di una forma psicotica, magari preceduta da altre fasi non psicotiche, non sarebbe neanche così anomalo.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#12] dopo  
Utente 551XXX

Grazie Dottore per la disponibilità.Cordiali Saluti