Apprendimento

Salve, credo di aver sempre avuto problemi di apprendimento dovuti alla visione che ho di me stessa, sono stata bocciata alle superiori, ho mollato tutto presa dallo sconforto, nonostante il fatto di essere stata sempre un'amante del sapere, fattispecie per la letteratura e le lingue, al punto da essermi appassionata alla lingua francese che non mai abbandonato e coltivato personalmente... poi ho deciso di riprendere gli studi, ed ora studio all'estero in un'università molto ben organizzato e che ho sempre sognato di frequentare.
Non sto avendo problemi con la lingua, ho diversi conoscenti.
Mi sento più grande data la differenza di età dovuta al mio pezzo di passato buttato a causa di un brutto periodo.
Mi sento inadeguata, giudicata per la mia età, per il mio comportamento, per tutto ciò che mi riguarda.
So che devo ignorare il giudizio altrui, qualsiasi esso sia.
Ma non ci riesco sempre.
Inoltre non sento di riuscire ad apprendere nuove informazioni, sentendomi stupida.
Sbaglio tutti gli esami, sono tutti scritti, e mi sento un'impedita perché sento di sapere le cose, passo ore in biblioteca a studiare, non so dove sto sbagliando.
Mi sfuggono le cose, e sento di avere problemi di memoria, forse dovuti ai problemi di dipendenza dall'alcol che ho avuto.
Vorrei sapere se è necessario un consulto approfondito 'vis a vis' con uno specialista, se è il caso di prendere medicinali, oppure semplicemente accettare il fatto che ho sempre avuto aspettative troppo alte su me stessa e che è il momento di ammettere che non sono capace di affrontare né essere adatta ad impegni di questa mole.

Grazie per l'attenzione.
[#1]
Dr. Matteo Pacini Psichiatra, Psicoterapeuta, Medico delle dipendenze 43.1k 979 248
Gentile utente,

Alcuni chiarimenti: parla di aspettative troppo alte da se stessa, ma prima ha detto che sbaglia tutti gli esami, quindi al di là delle aspettative dice di avere un problema.
Poi, la dipendenza da alcol che periodo ha coperto, e come è stata curata ?
E' mai stato accertato se abbia problemi relativi ad un canale specifico, tipo lo scritto/letto ?

Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Libri: https://www.amazon.it/s?k=matteo+pacini

[#2]
dopo
Utente
Utente
Se si sta riferendo a casi di dislessia o discalculia no, non ho mai avuto bisogno di un consulto del genere, né è stato mai consigliato ai miei genitori da parte di professori o maestri alle elementari. Ma sinceramente non so se è il caso.
Forse non sono stata molto chiara mi spiace, ricapitolando, per quanto riguarda i problemi con l'alcol, non ho mai ricevuto una cura, sono io stessa che sto cercando di contenermi. Per quanto riguarda le aspettative alte, le ho sempre avute nonostante i miei fallimenti con gli esami. Non riesco a capire quale sia il mio problema, le spiego, la mia passione è la scrittura, e ho anche vinto alcuni concorsi letterari, le dico questo per farle capire che credo di avere delle capacità, ma al momento di dare gli esami vado in panico e va tutto male.
Grazie per la risposta e la sua pazienza e disponibilità.
[#3]
Dr. Matteo Pacini Psichiatra, Psicoterapeuta, Medico delle dipendenze 43.1k 979 248
Stiamo parlando di una dipendenza da alcol diagnosticata, o è un modo di dire ? Perché "cercare di contenersi" non significa niente, non è certo un metodo per la dipendenza, è ciò che non riesce nella dipendenza.

Quindi avrebbe ambizioni di tipo, per esempio, letterario, ma scolasticamente non rende. Di solito però a scuola si insegnano altre cose.

Per il resto, se abusa di alcol e scolasticamente è in difficoltà, ciò sarebbe spiegabile.