Utente 581XXX
Buongiorno! Scrivo su questo sito cercando di risollevarmi dall’ennesima crisi: sono figlia unica, cresciuta solo con la mamma, da sempre molto assente.
Per lei ogni cosa é o bianca o nera, qualsiasi cosa la devo risolvere da sola.
(Esempio eclatante: un famigliare quando ero piccola mi ha più volte toccato le parti intime, lei disse che l’episodio non era così grave da giustificare un suo intervento).
Io cerco di non colpevolizzarla e di fidarmi di lei, capisco che comunque, a suo modo, mi voglia bene, ma cerco di  stare all’erta , non fidarmi completamente.
Nelle relazioni non mi lego, mi dicono che sono anaffettiva, non so cosa voglio per me stessa, non capisco i miei sentimenti e non riesco a esprimerli.
Il periodo davvero buio é stato quello delle superiori: ho iniziato a soffrire di tricotillomania e binge disorder molto ricorrente.
Ho incontrato parecchi psicologi (mandata per via dei miei voti bassi) ma non sono migliorata, finché non mi sono trasferita in una città per frequentare l’università.
Qui piano piano ho ritrovato fiducia in me stessa: voti anche molto buoni, nuovi amici... ora mi sono bloccata su un esame, mi rendo conto che non sia un fatto così grave, ma da tre giorni non faccio altro che piangere disperata e mangiare, non riesco a accettare l’aiuto e la compagnia di alcune persone che mi vogliono bene, non riesco a risollevarmi.
Da sempre avevo periodi  bipolari  si può dire, ma giorni di down così pesanti non mi erano più successi e mi sto spaventando.
Il mio medico é sempre stato piuttosto contrario all’uso di psicofarmaci, ma a questo punto sarebbero opportuni?
Grazie per l’aiuto! !

[#1]  
Dr. Giovanni Portuesi

28% attività
16% attualità
12% socialità
PINEROLO (TO)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2007
Lei parla nella sua richiesta di una sintomatologia apparentemente di natura depressiva, di gravità sufficiente a far ritenere forse appropriato l ' uso di un antidepressivo, anche per uscire da questa situazione di blocco degli esami. Tuttavia la storia complessa che lei riferisce fa ritenere consigliabile che lei si rivolga ad uno psichiatra.
Dr Giovanni Portuesi

[#2]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Contrario all'uso di farmaci per che motivo ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#3] dopo  
Utente 581XXX

Ritiene creino dipendenza, effetti collaterali, non siano comunque una soluzione ma solo un  tampone  per il problema... sostiene che io sia in grado di uscirne senza farmaci ..

[#4]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Questi sarebbero discorsi proveniente da fonte medica..... se lo è, è sorprendente.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it