Utente 482XXX
Salve dottori! Io ho ricevuto 5 anni fa una diagnosi di tratti misti di disturbo di personalità tramite la somministrazione di test.
Ora quest' anno la mia psichiatra del csm me li vorrebbe fare ripetere x avere una diagnosi più chiara e recente, anche perché mi sono finalmente convinta a provare ad accedere alle categorie protette.
Il fatto e' che io ho sempre avuto il sospetto di essere Asperger e mi chiedevo se questa eventuale diagnosi differenziale (o in comorbibilita') possa uscire dai test che dovrò ripetere a breve o se mi devo recare da un neurologo essendo un disturbo di neurodiversita'.
Ho notato che da questi test (che io ho già fatto un paio di volte) viene data "priorità" solo alla parte riguardante gli aspetti della personalità...Non so se adesso le cose siano aggiornate o meno! Eventualmente la mia psichiatra del csm avrebbe le conoscenze x dirmi se posso essere asperger (siccome mi conosce da 7 anni) o se ne può avere la certezza solo con dei test particolari?

[#1]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
"tratti misti di disturbo di personalità"

Cioè niente,

La diagnosi psichiatrica non si avvale di test in prima battuta, se mai per orientarsi o per confermare alcuni aspetti.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 482XXX

La "diagnosi" che hanno sempre scritto di me al csm e': sindrome ansioso depressiva. Successivamente, a causa di alcuni problemi comportamentali che ho avuto nel picco post adolescenza (ora superati), durante una mia permanenza in clinica, mi vennero somministrati dei test dai quali uscirono i seguenti aspetti: Personalità dipendente, tratti borderline, istrionici, passivo aggressivi ed evitanti. La mia diagnosi complessiva alle dimissioni fu: "disturbo di personalità cluster b, con oscillazioni umorali e asse timido tendente alla psicosi"
Ora a distanza di 5 anni la mia psichiatra del csm vuole farmi ripetere i test x aiutarsi a riformulare una diagnosi più recente e mi ha detto che questa volta questi comprenderanno anche la diagnosi di asse 1. Il problema e' che non vuole farmi fare i test sullo spettro autistico x escludere, x lo meno, che io sia Asperger, sospetto che ho sempre avuto poiche' trovo molte similitudine con il mio modo di essere, sia per come appaio dall' esterno (sguardo spento e a volte inespressivo, postura "goffa", che all' interno (sembra come se io abbia interessi limitati e mi lascio prendere interamente da essi, parlando talvolta sempre delle stesse cose, evito di crearmi nuove amicizie, anche se lo vorrei, perché e' come se non ne avessi la voglia... ecc ecc) o almeno per togliermi il dubbio. Tra l' altro io mi sono sempre sentita depressa e apatica ma sento, dentro di me, che questa sia una caratteristica che faccia parte del fatto che io mi senta diversa, abbia degli interessi limitati e che quindi non sia una vera e propria depressione, ma piuttosto una mia "diversita"!. Non vorrei venir fuori con tratti tipo schizzofrenici senza che venga prima esclusa anche questa ipotesi che riguarda lo spettro autistico! Un' ultima cosa...tra l' altro so che l asperger non e' conosciutissimo da tutti gli psichiatri e che in genere si diagnostica in età evolutiva...e che in età adulta se non vengono fatti dei test appositi possono essere fatte diagnosi differenziali!

[#3]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
"disturbo di personalità cluster b, con oscillazioni umorali e asse timido tendente alla psicosi"

Decisamente poco chiaro. Un disturbo di cluster b, che bisogno c'è di specificare il resto, e poi "tendente alla psicosi" cosa significa: ha avuto psicosi, è a rischio di averla ?

Non capisco perché però stiamo parlando di test. La diagnosi si fa facendosi visitare.

"Non vorrei venir fuori con tratti tipo schizzofrenici senza che venga prima esclusa anche questa ipotesi che riguarda lo spettro autistico!"

Che discorso è ? Vuole una diagnosi o ne ordina una con quello che le piace vedere scritto ? E poi scusi, ma se un test non serve per distinguere le cose, allora che senso ha ? Perché deve fare delle sue ipotesi fantasiose su come vadan fatti i test, cosa non escludano, cosa escludano etc.

Io lascerei perdere questa impostazione e mi fare fare una semplice diagnosi psichiatrica.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#4] dopo  
Utente 482XXX

Eh lo so dottore ma la mia psichiatra non se la sente di farmi una diagnosi senza farmi rifare quei test...Non so perché! Probabilmente perché secondo lei molti aspetti inerenti il cluster b non li ho più, mentre mi saranno spuntate fuori altre cose e lei vorrà esserne certa...Io non sono un esperta ma so che nel borderline si oscilla tra la nevrosi e la psicosi e io probabilmente mostrerò più la tendenza a rimuginare piuttosto che ad esplodere con la rabbia (c era scritto tendenza all' anancasmo, autocentratura e altre cose che non ricordo) questa e' l idea che mi sono fatta!
Lo so che chi chiede le diagnosi e fa questi test deve essere preparato a quello che ne esce fuori...ma non ho avuto una bella esperienza molti anni fa (la prima volta che li ho fatti) perché era venuto fuori che ero schizzofrenica....cosa poi smentita da altri 2 psichiatri da cui andai!