x

x

Mia sorella soffre di schizofrenia ormai da 10 anni

Buon giorno, gradirei un consiglio: mia sorella soffre di schizofrenia ormai da 10 anni, prima assumeva zyprexa e devo dire che stava benissimo, ma era ingrassata di 30 kg.
Quindi le hanno consigliato di assumere l'abilify insieme al depakin e al tavor, ora come ragazza è molto "presente", ma da qualche mese parla continuamente da sola, e se tu la "riprendi" lei dice che si è creata un'amica immaginaria perchè si sente sola....
Ora questo continuo parlare per tutto il giorno sta esaurendo mia madre che vive con lei, abbiamo chiamato il cps di zona e hanno detto che è la malattia mentale che ha che la fa parlare continuamente, è possibile?
Inoltre potrebbe essere l'abilify a farle questo effetto logorroico? E in caso negativo andrebbe assunto tutti i giorni, perchè mia sorella lo prende ogni 2-3 giorni....mentre gli altri farmaci li prende tutti i giorni.
Vi ringrazio moltissimo!
[#1]
Dr. Francesco Saverio Ruggiero Psichiatra, Psicoterapeuta 36,5k 868 56
Gentile utente,

non dovrebbe essere consentita l'assunzione di antipsicotici a giorni alterni o casualmente.

Il trattamento deve essere assunto continuativamente secondo quanto indicato dal medico.

Se invece e' stata fatta una prescrizione di assunzione ogni 2-3 giorni, chiedete di cambiare psichiatra.


https://wa.me/3908251881139
https://swite.com/psychiatrist72

[#2]
dopo
Utente
Utente
Buon giorno Prof. Ruggiero,
a mia sorella è stato prescritto di prendere l'abilify insieme ad altre medicine tutti i giorni, ma mia sorella non prende l'abilify sempre perchè dice che la fa sentire come "spenta"...
Volevo sapere in particolare il fatto di parlare in continuazione può dipendere dalla mancata assunzione regolare di questo farmaco?
La ringrazio.
[#3]
Dr. Francesco Saverio Ruggiero Psichiatra, Psicoterapeuta 36,5k 868 56
L'abilify ha una azione specifica contro la presenza di sintomi di tipo produttivo.
Pertanto l'assunzione deve essere continuativa.
Si puo' ristabilire con il proprio curante l'utilizzo di una dose inferiore se possibile.
[#4]
Dr. Matteo Pacini Psichiatra, Psicoterapeuta, Medico delle dipendenze 38,7k 913 271
Concordo, prima di chiedersi su eventuali effetti collaterali bisogna riferirli alla terapia eseguita correttamente altrimenti è solo una gran confusione.
Su un'assunzione quotidiana della dose prescritta si potranno fare dei commenti.

Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it/wp-admin/install.php
Visite e Consulti Skype : "Studio Psichiatrico Pacini"

[#5]
Dr. Vassilis Martiadis Psichiatra, Psicoterapeuta 7,1k 159 114
L'assunzione disordinata della terapia può provocare una riacutizzazione dei sintomi per i quali la terapia è stata prescritta. Il centro di salute mentale e i colleghi che seguono sua sorella dovrebbero vigilare in questo senso eventualmente optando per soluzioni terapeutiche che consentano una maggiore aderenza alla terapia. Si rivolga agli specialisti di riferimento.
cordiali saluti

Dott. Vassilis Martiadis
Psichiatra e Psicoterapeuta
www.psichiatranapoli.it

Soffri di allergia? Partecipa al nostro sondaggio