Utente
Sono partito (nel 2018) ad avere una forte gastrite nervosa, causa viaggio nei paesi esteri.

Gastrite curata con Pantork e poi levopraid anche se tutt’ora non è ancora passata completamente.

A causa della quarantena, da Marzo, ho iniziato ad avere questo forte senso di vuoto, angoscia, paura e battito del cuore accelerato.

Non quotidianamente, però arrivava.

Il medico di famiglia, così, mi ha indirizzato dallo psichiatra con la quale ho avuto il primo appuntamento.

Prima di andare dallo psichiatra il gastroenterolgo mi ha prescritto LEVOPRAID in pastiglie per 15 giorni e poi in gocce per altri quindici.

Parlando con la psichiatra, ora, sono in cura con mezza pastiglia di TRITTICO CONTRAMID al giorno (ho 19 anni) per poi, oggi, iniziare a prenderne una intera da 150
Da quando ho iniziato a prenderla, però, le sensazioni sono amplificate
Tra stanotte e stamattina ho avuto un forte attacco di panico e depressione, sentivo il cuore battere all’impazzata e mi sentivo quasi morire, come se avessi una morsa allo stomaco.

Questo senso così forte di vuoto e terrore mi ha portato stamattina a vomitare e ad una crisi di pianto.

Cosa mi consigliate di fare per affrontare questa cosa?
Da quando fa parte della mia vita non sono più lo stesso.

Prima ero sempre sorridente, scherzoso, sempre gentile.


A volte mi chiedo come mai sia capitato tutto a me, questi due anni così pieni e difficili.

Vorrei capire se prima o poi passerà

[#1]  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
Innanzitutto deve avvisare la psichiatra, che deciderà se associare un ansiolitico nei primi tempi, o modificare il dosaggio.
Poi sarebbe utile un percorso psicoterapeutico, per imparare a gestire l'ansia, perché i pensieri del tipo "quando passerà?" "non è giusto che mi sia capitato" ecc ecc sono normali, ma non aiutano a stare meglio, anzi.
Franca Scapellato

[#2] dopo  
Utente
Ho provato a chiamare oggi la psichiatra che, purtroppo, è in vacanza ora come ora.
da ora dovrei iniziare a prendere una pastiglia intera, da 150.
Ho chiamato giustamente il mio medico di famiglia che mi ha detto, appunto, che questi effetti sono normalissimi dal momento che sto prendendo solo mezza compressa.
(e quindi si sta assestando nel corpo)
però oggi la situazione sembra essere tanto peggiorata
crisi di pianto, forte battito di cuore, mancanza d'aria, vuoto immenso.
Il dottore dice che per ora è normale

Prendere una pastiglia intera quali cose potrebbe portarmi? spero solo miglioramenti.