Utente 115XXX
Buongiorno gentili Dottori,

ho smesso zypreza da un anno e 5 mesi ma nonostante durante la terapia ed anche ora sia in dieta ferrea e abbia praticato palestra per 3 vlt la settimana durante l'assunzione sono riuscita a smaltire solo 6 kg dei 16 kg acquistati con la terapia. Com'è possibile? quando finira' l'effetto di zypreza in corpo e ritornero' ad avere il mio peso forma e soprattutto quando e se riavro' mai il ventre piatto che ho sempre avuto e non una circonferenza addominale di 90cm su un altezza di 156 cm e un peso attuale di 57 kg?
è vero che il grasso acquisato da terapia è un grasso che si accumula e non si smaltisce con le normali diete e attivita' fisiche?

grazie mille e cordiali saluti.

[#1]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

tale aumento di peso non e' esclusivamente imputabile a Zyprexa, in quanto e' il suo metabolismo che acquisisce nuove modalita' di azione e, quindi, risulta rallentato.

Deve avere costanza nelle diete e nell'attivita' fisica.

https://www.facebook.com/francescoruggiero.it/
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139

[#2] dopo  
Utente 115XXX

Gentile Dottore,

ma quindi le nuove modalitò di azione del mio metabolismo nonchè il rallentamento è un cambiamento dovuto all'assunzione di zyprexa che ha modificato irreversibilmente il mio metabolismo?

grazie mille, grazie.

[#3]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Questo non risulta. Risulta invece che il peso preso sia molto difficile da ridurre per tutti.
L'effetto di zyprexa su appetito e metabolismo dipende dalla presenza di zyprexa.
Per sapere se ci sono fattori che ostacolano la perdita di peso a livello metabolico, se l'appetito è sotto controllo, possono essere comunque indagate con accertamenti medici.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#4]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Non non risulta dall'azione di zyprexa:

durante l'assunzione di zyprexa ha avuto la tendenza ad assumere peso, tale variazione comporta una alterazione del metabolismo che sarebbe comunque presente se fosse ingrassata senza aver assunto zyprexa.
Infatti, le persone piu' grasse tendono a non dimagrire nonostante le diete.
La variazione di peso puo' essere ottenuta con specifici comportamenti.

Non penso di essere stato chiaro ma non riesco ad utilizzare i termini appropriati per farle comprendere il concetto che desidero esprimere.
https://www.facebook.com/francescoruggiero.it/
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139

[#5] dopo  
Utente 115XXX

Gentile Dottore,

la mia alimentazione è piu che mai controllata. Assumo 900 calorie al giorno e ovviamente niente grassi o dolci di dlci solo latte il mattino con 2 fette biscottate.
Io sono sempre stata magra prima di zyprexa. Quali sono gli accertamenti medici da fare? io ho fatto solo glicemia che è ok.

grazie infinite.

[#6] dopo  
Utente 115XXX

Gentile Dott. Ruggero,

credo di avere capito dalle sue parole che è stata la tendenza ad assumere peso che ha portato ad alterazioni metaboliche.
Ma la mia tendenza ad assumere peso è stata causata dall'assunzione del farmaco perchè visto e considerato che io dalla nascita son sempre stata una persona magra che non aveva problemi a mangiare qualunque cosa e a rimanere tale e non avendo mai avuto in precedenza alterazioni metaboliche credo sia veramente strano che improvvisamente e dico in 3 mesi abbia sviluppato una tendenza ad assumere peso che ha alterato il metabolismo, e sottolineo ben 16 kg, casualmente senza nessuna causa che lo scatenasse.
Mi sembra piu logico pensare che sia piu veriterio il procedimento inverso ovvero :
1 assunzione zyprexa
2 alterazioni metaboliche
3 aumento peso
4 interruzione zyprexa
5 alterazioni metaboliche irreversibili
6 peso aumentato non piu perso
Cordiali saluti.

[#7]  
Dr. Vassilis Martiadis

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
8% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FORMIA (LT)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Gentile utente,
alla base della probabilità di aumentare di peso in corso di terapia con olanzapina (zyprexa) vi sono numerosi meccanismi, uno dei tanti è l'aumento dell'appetito. E' dimostrato che l'aumento di peso è massimo nel corso delle prime 52 settimane (1 anno) di trattamento. Se lei è aumentata di 4 kg non c'è verosimilmente ragione di credere che continuerà ad aumentare. Per perdere questi kg non è necessariamente vero che l'unica strada sia sospendere il farmaco, che le è stato prescritto per precise ragioni e problemi. Oltre al controllo dell'alimentazione è necessario incrementare l'attività fisica quotidiana e modificare lo stile di vita. Qualora tali modificazioni comportamentali non diano risultati soddisfacenti, e l'incremento di peso sia significativo (per significativo si intende >7% del peso basale) e non accettabile, eventualmente associato ad altre alterazioni metaboliche, allora se ne parlerà con il curante per verificare possibilità alternative , tenendo presente sempre la bilancia costi/benefici di un farmaco.
cordiali saluti
Dott. Vassilis Martiadis
Psichiatra e Psicoterapeuta
www.psichiatranapoli.it

[#8] dopo  
Utente 115XXX

Gentilissimo Dott. Martiadis,

se non ho sbagliato a fare i conti, il mio peso basale si è incrementato del 34%, direi notevolmente superiore al 7% considerato accettabile e ne sono convinta anche io un 7% sia accettabile( peso iniziale 47/48 kg peso in terapia 63 kg).Il mio peso iniziale per eta e altezza era giusto.
Non avevo problemi metabolici tali da giustificare questo aumento nè tantomeno sgarravo con l'alimentazione e di questo ne sono testimoni familiari ed amici, infatti il mio istruttore di palestra mi diceva sempre che vista la mia dieta e vista tutta l'attivita' fisica come minimo e ripeto come minimo dovevo perdere 15 kg cosa mai avvenuta.
Mi sono confrontata con innumerevoli persone in trattamento con olanzapina e poi sospesa... il risultato è stato che tutti non sono mai piu ritornati al loro peso forma iniziale .. sostenevano che il loro corpo "aveva subi'to una metamorfosi... ")e oltre cio nemmeno è mai piu sparito il rigonfiamento addominale che oltre ad essere antiestetico ( e su questo ci si puo' "passare sopra")è funzionalmente problematico.
Nel mio caso specifico ovvero per somatizzazioni da ansia zyprexa non era questione di vita o di morte e per tutte quelle persone a cui viene prescritto..non lo è nemmeno soprattutto perche sul mercato girano ben oltre 100 tipi di psicofarmaci e numerosi studi hanno dimostrato che ce ne sono altri ben meno pericolosi di zyprexa. è giusto calcolare rischio/beneficio ma questo calcolo deve essere fatto diligentemente altrimenti chi ne paga le spese sono persone che si fidano inconsapevolmente.
Chi prescrive un farmaco dopo x mesi che vede da' problemi perche insistere? e seconda cosa chi prescrive un farmaco non dovrebbe forse essere informato su effetti collaterali reversibili e non reversibili? non dovrebbe effettuare esami di controllo come per qualsiasi altro farmaco e a maggior ragione con psicofarmaci che sono di un certa importanza?
ad esempio io ho fatto cura cortisonica e mi sono sempre state prescritti esami di controllo: mi sembra del tutto sensato un agire in tal modo.
Ora non riesco a capire ( o forse inizio a capirlo) il motivo per cui se è stato dimostrato che zyprexa in usa ( e in usa ci sono le stesse medesime persone che si trovano in europa ,in italia ecc ecc) danneggia.. porta principalmente a obesita' e diabete perche qui in italia si continua a dare questo farmaco? forse essendo diminuite ragionevolmente le prescrizioni in usa si sta cercando un altro fertile mercato? perche continuare a girarci intorno quand 'è palese che crea aumento considerevole di peso dovuto a alterazioni metaboliche provocate dall'assunzione e non certo perche una persona gia ne soffrisse? perche continuare a negare l'evidenza?
io sono convinta che sono i dati che contano, le cose dimostrabili e non le fantasie e nelle persone che sono state risarcite da danno da zypreaxa tutto c'era tranne che fantasia.. prove, esami, test tangibili e queste prove inoppugnabili non si possono smentire senza dimostrarne la falsita'.
Se una persona su dieci mila sviluppa ad es.il cancro da assunzione zyprexa si parla di "caso", di "evento" non strettamente correlabile all'assunzione del farmaco ma se queste persone non sono piu una ma diventano 1000 forse non è sensato e logico pensare che non siamo piu di fronte ad un caso ma alla dimostrazione di una stretta correlazione causa-effetto?
Questo "solo" per parlare di obesita, alterazioni metaboliche e diabete ma forse ci "dimentichiamo" di altri gravi effetti non qui menzionati?
Spero di ricevere un Suo cortese parere in merito cosi come magari anche quello di altri dottori.
Vi ringrazio per l'attenzione.
Distinti Saluti.




[#9]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

gli effetti sono monitorati e dato il regime concorrenziale eventuali "punti deboli" di alcuni prodotti tendono ad essere evidenziati.
Ci sono però dati contrastanti sul fatto che questo farmaco sia più rischioso in questo senso rispetto ad altri.

Il fatto è che le indicazioni di zyprexa sono due malattie gravi e potenzialmente mortali come le psicosi. Ed è tra quelli che non induce altri effetti tipo le discinesie tardive che sono una delle ragioni per cui i vecchi antipsicotici erano discutibili nel lungo termine.

L'aumento di peso è comune più o meno a tutti gli antipsicotici, inclusi i primissimi, forse esclusi gli ultimissimi.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#10] dopo  
Utente 115XXX

Gent.Le Dott. Pacini,

esattamente, io non riesco a capire il motivo per cui se zyprexa è indicato per schizzofrenia venga prescritto anche per:
ansia generalizzata
depressione e quant 'altro.....
penso che possa andare bene ad una anoressica che deve mettere su massa grassa ma non a persone con normale peso.
infatti le stesse anoressiche mi han confermato che con l'assunzione di zyprexa sono ingrassate almeno 8 kg pur non mangiando, e sul fatto che non mangiassero ci credo eccome!! ecco la dimostrazione del fatto che , non so per quali strani meccanismi si inneschi cio', ma il peso aumenta , l'indice di massa corporea aumenta, si deposita grasso non smaltibile con le comuni diete e attivita' fisiche.. evidentemente, io parlo da non esperta, per evitare che ci siano aumenti di peso che portino obesita' bisognerebbe probabilmente stare sotto un certo range di dosaggio....
a chi viene prescritto per l'ansia per le somatizzazioni , non posso credere che non esista sul mercato un farmaco piu idoneo e meno dannoso ma si debba ricorrere a questo farmaco molto forte a mio avviso ,che è indubbio che, come placa l'ansia rallentando tutte le funzioni rallenta anche il metabolismo e visto e considerato che questi psicofarmaci vengono prescritti come curativi e non sintomatici come puo essere ad es. il lexotan se curano significa che cambiano irreversibilmente qualcosa nel corpo.
io parlo semplicemente utilizzando dei comuni processi logici oltre che per esperienza personale ed altrui.
Un cordiale saluto e un ringraziamento per la possibilita che date di poter discutere di questo interessante argomento in modo proficuo.

[#11]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

la prescrizione di alcuni farmaci a volte travalica le indicazioni perché gli esperti del settore notano che è attivo su altri sintomi e magari in maniera brillante.
Più che sull'ansia sulla depressione resistente o depressione bipolare anche non psicotica è proponibile.
Ovviamente è bene avvertire i pazienti che c'è questo problema, perché l'aumento di peso a differenza che per i comuni antidepressivi è abbastanza rapido.

Adesso, se lo scopo è quello di riprendere peso, direi che l'esercizio fisico piuttosto che la dieta sia il fattore su cui contare. Per l'alimentazione è migliore una impostazione nutrizionistica che non dietistica in senso di restrizione calorica.
Un nutrizionista abituato a trattare casi con terapia psichiatrica può aiutarla.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#12]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Gentile utente,

questa domanda la dovrebbe fare a chi le ha prescritto il farmaco.
Soprattutto c'e' anche da chiedersi se lei abbia fatto controlli periodici ed abbia lamentato l'aumento di peso che stava prospettandosi per lei.

Comunque, si stabilisce l'utilizzo o meno di un farmaco secondo quelle che sono le indicazioni diagnostiche specifiche al momento della visita e per zyprexa c'e' indicazione per il trattamento di disturbi dell'umore ed ossessioni.
https://www.facebook.com/francescoruggiero.it/
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139

[#13]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

la prescrizione di alcuni farmaci a volte travalica le indicazioni perché gli esperti del settore notano che è attivo su altri sintomi e magari in maniera brillante.
Più che sull'ansia sulla depressione resistente o depressione bipolare anche non psicotica è proponibile.
Ovviamente è bene avvertire i pazienti che c'è questo problema, perché l'aumento di peso a differenza che per i comuni antidepressivi è abbastanza rapido.

Adesso, se lo scopo è quello di riprendere peso, direi che l'esercizio fisico piuttosto che la dieta sia il fattore su cui contare. Per l'alimentazione è migliore una impostazione nutrizionistica che non dietistica in senso di restrizione calorica.
Un nutrizionista abituato a trattare casi con terapia psichiatrica può aiutarla.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#14] dopo  
Utente 115XXX

Gentile Dott. Pacini:
effettivamente vedevo "schizzare" l'ago della bilancia in maniera incredibile di settimana in settimana.
Anche io pensavo forse potesse essermi utile un nutrizionista visto che di dietolgi gia' molti ne ho visto senza risultati. loro non sanno piu cosa togliermi visto che gia è stato tolto tutto!!
La mia diagnosi fu : episodio depressivo a prevalenza somatica/disturbo affettivo.

Gentile Dott. Ruggiero:
la domanda l'ho posta io insieme ai miei familiari da subito appena abbiamo visto che la cosa degenerava in fretta: peso, rigonfiamento addominale e parlo di 90 cm su una persona di 156 cm, oltre al fatto che dormivo 18 ore su 24.
La risposta è sempre stata : zyprexa non fa ingrassare.
zyprexa non aumenta l'addome.una assoluta e ingiustificata chiusura al cambiamento del farmaco.
abbiamo continuato con la consapevolezza che c era qualcosa che non quadrava e alla fine stanca di essere scambiata per una donna incinta ovunque andassi smisi la terapia durata un anno 20mg grazie all'aiuto di mio padre che prese posizione resosi conto della realta dei fatti.
Morale le fotograferei l 'addome perche lei potesse vedere com è tutt ora.ho perso 6 dei 16 kg ma l'addome uguale.purtroppo il danno è gia stato fatto e irreversibile... se io fossi arrivata "in tempo" a questo punto non si sarebbe arrivati.
Grazie, cordiali saluti.