E' possibile liberarsi di lui?

Salve, dopo tanto che ci penso ho deciso di chiedere un consiglio a voi specialisti;
Sono una ragazza di 22 anni e a 14 anni ho conosciuto un ragazzo con cui sono stata 1 anno e ho vissuto la mia prima storia seria.
Ancora oggi penso a lui nonostante la mia volontà di liberarmi del suo pensiero. Sono arrivata a pensare che ormai sia diventata una FISSAZIONE,è impossibile portarsi dietro una storia per così tanto tempo! penso a lui tutti i giorni, è un continuo rimuginarci come se avessi paura di perdere qualcosa.
Ho avuto molte storie e ai ragazzi che ho avuto non penso come a lui.
La mia mente combatte per eliminare il suo pensiero, cerco in continuazione sue attenzioni come se dovessi dimostrargli qualcosa.
Ci sono dei periodi in cui non ci penso mai, in cui capisco che non me ne importa più nulla ormai però altri giorni ci ripenso e mi dà fastidio pensare che LUI possa per esempio uscire con una persona a me cara, come una mia amica perchè lo reputo un mio RICORDO e qualcosa che appartiene solo a me. Sto diventando pazza, io da quattro anni sono fidanzata con un ragazzo meraviglioso che amo veramente, con cui ho un rapporto BELLISSIMO e MATURO non paragonabile a quello che avevo con LUI. Spero di riuscire ad avere una valutazione su questo caso, mi farebbe stare veramente meglio e magari riuscirò ad avere una SPINTA che mi porti a non pensarci più che è la cosa che voglio veramente.

grazie
[#1]
Dr. Armando De Vincentiis Psicologo, Psicoterapeuta 7,2k 226 108
(..)Sono arrivata a pensare che ormai sia diventata una FISSAZIONE,(..)
gentile ragazza sembra che questa osservazione sia valida. E' possibile che il pensiero sia sfociato in una sorta di ossessione che meriterebbe un intervento di tipo specialistico.
L'opportunità di parlarne con uno psicologo non dovrebbe essere scartata. Quest'ultimo potrebbe proporle quelle strategie necessarie per gestire e/o debellare questa ossessione.
saluti

Dr. Armando De Vincentiis
Psicologo-Psicoterapeuta
www.psicoterapiataranto.it
https://www.facebook.com/groups/316311005059257/?ref=bookmarks

[#2]
Dr.ssa Flavia Massaro Psicologo 12,5k 233 130
Gentile Amica,

succede spesso che la prima storia d'amore venga idealizzata e il suo ricordo rimanga vivo per anni.
Se ho capito bene lei vede ancora il primo ragazzo, e quindi, oltre al ricordo, ha anche dei contatti che non agevolano certo la possibilità di dimenticarsene.
Le faccio presente che la memoria umana tende a rielaborare i ricordi e a mantenere principalmente gli aspetti positivi cancellando quelli negativi, e che per questo a molti ciò che riguarda il passato (i "bei vecchi tempi") sembra essere migliore del presente, o comunque il ricordo del passato è accompagnato da nostalgia a volte immotivata se si analizza razionalmente la realtà dei fatti.
Forse a lei sta capitando questo in relazione al ricordo della sua prima storia importante, ma se la situazione le sta creando un disagio significativo e persistente può considerare la possibilità di consultare di persona uno psicologo, perchè ci possono essere anche altri motivi che la portano a sentirsi ossessionata dal ricordo e dal ragazzo.

Come mai era finita la storia, vi siete lasciati consensualmente o uno dei due ha lasciato l'altro?

Dr.ssa Flavia Massaro, psicologa a Milano e Mariano C.se
www.serviziodipsicologia.it

[#3]
dopo
Utente
Utente
Salve, ci siamo lasciati perchè la situazione era diventata ingestibile. Mi ero troppo attaccata a lui e questo ha portato a lasciarsi ma posso dire che è stato sopratutto lui. Ci siamo continuati a vedere per anni, l' ultima volta che l' ho visto risale a poco tempo fa.
Io cerco in continuazione di elaborare questo pensiero dicendomi che ho tutto quello che posso avere ora, un ragazzo che mi vuole bene e io voglio bene a lui. Non capisco perchè continuo a pensarlo.
[#4]
Dr.ssa Flavia Massaro Psicologo 12,5k 233 130
Quindi, se ho capito bene, lei è stata lasciata perchè lui si sentiva "soffocare" da una relazione diventata troppo stretta rispetto a quanto lui avrebbe voluto?
[#5]
dopo
Utente
Utente
si, ma anche altri motivi. Lui ha continuato a farsi sentire per anni, mi ha sempre voluto vedere in qualche modo. Con il tenpo ci siamo distaccati anche grazie al fatto che ho conosciuto una persona con la quale sono riuscita a costruire qualcosa. Però nella mia mente tutti i giorni penso a lui anche se so che non lo amo, che non voglio stare con lui e che fra me e lui non ci potrà mai essere qualcosa anche perchè NON VOGLIO! non capisco perchè se so tutto questo e sono convinta di tutto ciò devo pensarlo tutti i giorni.
[#6]
Dr.ssa Flavia Massaro Psicologo 12,5k 233 130
Se lui ha continuato a farsi sentire per anni significa che la storia non si è forse mai chiusa e/o che avete continuato a rapportarvi in modo involontariamente ambiguo, e non mi stupisco quindi che lei fatichi a distaccarsene.

Al di là però delle spiegazioni che possiamo darle, se capire cosa sta succedendo, e perchè, non le è d'aiuto può considerare di richiedere una consulenza psicologica: questo passo dipenderà da quanto disagio sta provando, ovviamente, ma le consiglio di tenere presente questa opportunità.
[#7]
dopo
Utente
Utente
La ringrazio, io ho solo bisogno di un consiglio che mi dia una "spinta" per riuscire a non pensarci veramente più. Ci sono andata a parlare per vedere se veramente potevo metterci una pietra sopra e se lo avevo come dire "idealizzato". Per i primi tempi èp stato così, mi sono accorta che non er quello che pensavo e sono tronata a vivere serenamente la mia storia di amore. Il problema è che dopo un pò questa fissazione mi ritorna. Mi basterebbe un consiglio che dato da uno specialista mi puo aiutare molto.
[#8]
Dr. Antonio Vita Psicologo, Psicoterapeuta 708 26 44
Gentile Utente,

Probabilmente della vecchia storia qualcosa non è stato "metabolizzato" e rimane, nel subconscio, e riappare in modo fastidioso e pressante. Bisogna arrivare a comprendere che cosa non è stato "digerito" di quella storia e perché si ripresenta ancora oggi, dopo molto tempo e dopo tante esperienze fatte. Adesso poi, che lei sta con un ragazzo da 4 anni e che ama.
Spesso è difficile capire cosa possa essere rimasto delle vecchie esperienze vissute, come in questo caso, e che cosa vogliano suggerire quelle fastidiose idee che ossessivamente invadono la propria coscienza.

Un po' di psicoanalisi andrebbe fatta, con uno psicoterapeuta ad indirizzo analitico.

Provi. Riuscirà senza dubbio a risolvere il caso e la situazione. Non si limiti e non si accontenti di formulette e di esercizi per dimenticare. Dimenticare significa mettere definitivamnente da parte, ma non perdere per sempre... non scacciare per sempre .... un pezzettino della propria vita. Rimuovere: ecco, questo si può fare.

Tanti auguri.

Cordialissimi saluti.

Dott. Antonio Vita
62019 - Recanati (Mc)
antonio.vita@psicovita.it
sito web: www.psicovita.it



[#9]
Dr.ssa Flavia Massaro Psicologo 12,5k 233 130
L'unico consiglio può essere quello di tagliare del tutto i rapporti con lui, se ci riesce, per non alimentare ulteriormente questi pensieri, e di imporsi di pensare ad altro quando si accorge che le torna in mente.
Non esistono "trucchetti" da consigliarle: se la situazione è gestibile da lei sola riuscirà gradualmente a fare quello che le ho indicato, se invece non fosse gestibile dovrà chiedere un aiuto.
Il punto è che ci sono dei motivi se le torna in mente, motivi che non può ignorare se vuole risolvere la situazione: l'esito dei suoi tentativi dipenderà da quanto sono forti e radicati questi motivi nella sua mente.
[#10]
dopo
Utente
Utente
Grazie di tutto, cercherò di consultare uno psicoterapeuta appena posso. Con il fatto che studio e non ho soldi da parte per me è un pò difficile adesso.
Cercherò anche da sola di capire cosa non è stato "metabolizzato" nella storia con lui ma credo anche che il pensiero così pesante che ho sia dovuto anche al fatto che per me è stato una figura di riferimento nei miei anni migliori, nell' adolescenza. L' esperienza che non avevo mai fatto, un dolore che non avevo mai provato sono stati tutti amplificati dal fatto che ero piccola. Con lui ho interrotto i rapporti non lo vedo da un pò però quando c è cerco continue attenzioni e il fatto che lui mi possa guardare o che mi fa sentire "bellissima" e apprezzata. Prima non capivo perchè negli ultimi tempi mi trattava male, mi offendeva e parlava male di me con gli altri ma adesso capisco che è per la maggior parte colpa mia e dei miei atteggiamenti stupidi. Ci ho parlato poco tempo fa e gli ho detto tutto ciò che pensavo e anche se è servito lì per lì, ma poi QUESTO PENSIERO CHE MI STA FACENDO DIVENTARE PAZZA CONTINUA! scusate se continuo a mandarvi le e mail ma in questi consulti riesco a capire tante cose.
[#11]
Dr. Giuseppe Santonocito Psicologo, Psicoterapeuta 13,6k 298 182
Gentile ragazza, lei ha verosimilmente una tendenza ossessiva. Alcuni segni che lo lasciano sospettare:

- Intitola la richiesta "È possibile liberarsi di lui?" quando invece avrebbe dovuto scrivere "È possibile liberarsi del pensiero di lui?" Non è una differenza di poco conto. L'ossessivo si attacca tenacemente ai suoi pensieri, dandogli spessore e realtà come se fossero veri. Invece sono solo i suoi pensieri e le sue sensazioni.

- Si sforza di non pensarci. Ma questa è la maniera migliore per infossarsi ancora di più nella trappola! Più si sforza di non pensare a lui, più la sua immagine s'installerà e si rafforzerà nella sua mente. Pensare di non pensare è già pensare. Anche questo è tipico dell'ossessivo, che vorrebbe controllare tutto: pensieri, sensazioni e reazioni spontanee.

- È riluttante all'idea di rivolgersi allo psicologo. Vedi sopra: è anche questo un tentativo di voler risolvere (controllare) da sola la situazione.

- Naturalmente anche il suo riconoscere "scusate se continuo a mandarvi mail" fa parte del gioco. Le tendenze ossessive fanno ripetere sempre la stessa cosa, nell'illusione che serva a liberarsi dall'incertezza. Invece serve solo ad alimentare l'ossessione.

Cordiali saluti

Dr. Giuseppe Santonocito - Psicologo Psicoterapeuta
Specialista in psicoterapia breve strategica
www.giuseppesantonocito.it

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio