Comportamento verso i bambini

Salve,
cercherò di essere diretto, semplice e chiaro.

Sono un umo (anche se spesso mi definisco ancora ragazzo) di 37 anni, single, mai stato sposato, mai avuto bambini. Ho conosciuto una ragazza coetanea, con due bambini di 7 e 9 anni avuti da una relazione precedente. Sfortunatamente il marito è morto 2 anni fa, lasciando soli mamma e due figli. Ci siamo incontrati, piaciuti, ci siamo frequentati e abbiamo parlato molto di questa situazione. Tutti e due vogliamo proseguire la relazione e ci vogliamo bene, ance se sono pochi mesi che ci frequentiamo.

Il problema che ci stiamo ponendo è come io possa essere introdotto ai bambini, i quali non sanno che la mamma ha intrapreso una nuova relazione sentimentale. Qual è il modo migliore per inserirmi nel nucleo familiare senza traumatizzare i bambini. Qual è l'appraccio migliore, qual è la cosa giusta da fare? Come comportarsi con i bambini? Devo entrare gradualmente nella vita dei bambini (come io pensavo) oppure spiegare in una unica soluzione (secondo la proposta della madre) che la mamma è comunque giovane, e vuole incontrare un compagno al quale volere bene e vivere assieme, e quindi procedere alla conoscenza dei bambini?

Grazie per l'attenzione
[#1]
Dr.ssa Laura Rinella Psicologo, Psicoterapeuta 6.3k 119 9
Gentile Utente,
occorre cautela proprio per partire con il piede giusto e favorire la sua accettazione che dovrà essere guadagnata sul campo, mai imponendosi, né sostituitendosi al padre biologico, né ponendosi in modo centrale nel nucleo.
Tenendo conto poi anche della delicatezza della situazione dovuta alla perdita del genitore e di come questa sia stata vissuta dai bimbi oltre che dalla madre, valutando lo stato attuale delle cose.

Se lei è intimamente disposto ad accettare la situazione e a formare con la sua compagna un nuovo nucleo sarà certamente anche disposto a interagire in buon modo con i bimbi che comunque avranno bisogno di tempo per poterla accettare.

Legga questo articolo nel quale insieme alla sua compagna può trovare spunti utili

http://www.psicologia-benessere.it/Coppiaefamiglia/Lafamigliaricostituita/tabid/97/Default.aspx

Restiamo in ascolto

Dr.ssa Laura Rinella
Psicologa Psicoterapeuta
www.psicologiabenessereonline.it

[#2]
Dr. Carla Maria Brunialti Psicologo, Psicoterapeuta, Sessuologo 18k 587 67
Gentile utente,

Per evitare che i bambini assistano all'avvicendarsi di vari "fidanzati" è opportuno attendere di essere certi (per quel che ciò significa in ambito affettivo...) che la relazione ha una progettualità concreta.

<<1. Devo entrare gradualmente nella vita dei bambini (come io pensavo)
2. spiegare in una unica soluzione (secondo la proposta della madre) che la mamma è comunque giovane, e vuole incontrare un compagno <<

Tenendo conto che i bambini di quell'età hanno un pensiero "concreto", ragionamenti astratti non vengono recepiti; eppoi in ogni caso i problemi sono sul piano affettivo.

Consiglierei quindi un inserimento graduale nella vita di questa famiglia, finchè i due bimbi Le si saranno affezionati. Saranno loro stessi a richiedere la Sua presenza, a quel punto.



Dr. Carla Maria BRUNIALTI
Psicoterapeuta, Sessuologa clinica, Psicologa europea.
https://www.centrobrunialtipsy.it/