Paura di aver preso hiv

Salve il mio problema è che ho avuto un rapporto protetto con una ragazza appena conosciuta, e dopo una settimana, mi sento gonfio nella zona del collo e sento vampate di calore...

Volevo chiedere se puo essere una forma di ipocondria o sintomi di hiv e ho tanta ansia addosso.

Grazie in anticipo per le risposte

[#1]
Attivo dal 2007 al 2020
Medico Chirurgo
Salve,
se il rapporto è stato protetto, dai preliminari al termine, il preservativo l'ha messa egregiamente al riparo dalla possibilità di trasmissione di HIV.
Quindi il rapporto non è a rischio per HIV.
I disturbi che riferisce non sono dunque acrivibili a una sindrome retrovirale acuta.
Si tranquillizzi.
Saluti cordiali,
Dott. Caldarola.
[#2]
dopo
Utente
Utente
Grazie mille per la sua risoosta, quindi potrebbe essere solo una mia paranoia che sento gonfiori o dolore che potrei non avere
[#3]
Attivo dal 2007 al 2020
Medico Chirurgo
Salve,
più che paranoia, che è una grave malattia psichiatrica, io direi una somatizzazione ansiosa...
Saluti cordiali,
Dott. Caldarola.
[#4]
dopo
Utente
Utente
Salve dottore oggi sono 11 giorni dal rapporto che le
Ho descritto in precedenza... mi sento i linfonodi gonfi soprattutto sul lato destro del collo forse per il caso che non ho smesso di toccarli e si sono gonfiati???? Volevo chiedere se a 11 giorni possono gonfiarsi i linfonodi.. sono andato anche dal mio medico curante e mi ha detto che non sono nulla ed è molto presto per vedere sintomi ... che ci vuole ancora molto tempo ... non so piu che fare ora mi è difficile anche dormire la notte perche ci sono sempre in pensiero
[#5]
Attivo dal 2007 al 2020
Medico Chirurgo
Gentile Utente,
se lei ha avuto un rapporto protetto dal profilattico dall'inizio alla fine il predetto non è a rischio di HIV.
Che poi lei elabori delle ossessioni non è pertinenza dell'infettivologo ma dello Psichiatra o dello Psicoterapeuta.
Se vuole trasferisco il suo consulto nell'area Psichiatrica o Psicologica.
Me lo faccia sapere.
Saluti,
Dott. Caldarola.
[#6]
dopo
Utente
Utente
Grazie mille per la risposta signor dottore, si è stato usato il preservativo dall inizio Alla fine, volevo anche sapere se l eccessivo toccarsi del collo potrebbe essere un contributo a gonfiare i linfonodi ??? E se 11 giorni sono pochi però sentire dei sintomi??? Perché ad aumentare la mia ansia è stato leggere su internet
[#7]
Attivo dal 2007 al 2020
Medico Chirurgo
Salve,
certo, palparsi e "massacrare" continuamente i linfonodi li fa infiammare per "effetto trauma".
Li lasci in pace per una settinama almeno e poi li ricontrolli.
La sindrome da sieroconversione lei non la ha ed è una entità clinica che si vede sempre più di rado. Lasci stare internet: il suo non è un rapporto a rischio di HIV.
Buona serata,
Dott. Caldarola.
[#8]
dopo
Utente
Utente
Grazie mille dottore davvero molto gentile, cercherò di tranquillizzarmi la ringrazio molto
[#9]
Attivo dal 2007 al 2020
Medico Chirurgo
di nulla!
Buona serata,
Dott. Caldarola.
[#10]
dopo
Utente
Utente
Salve signor dottore, ho fatto un test anticorpi anti hiv 1/2 + antigene P24 tutto risulta negativo
[#11]
Attivo dal 2007 al 2020
Medico Chirurgo
Bene,
meglio così.
Ma scusi dopo quanti gg?
Saluti,
Dott. Caldarola.
[#12]
dopo
Utente
Utente
Dopo 13 giorni dal rapporto a rischio... è poco Attendibile??? Comunque oggi dopo 15 giorni dal rapporto mi ritrovo solo con linfonodi al collo gonfi e basta ??? Certe volte non riesco a dormire per il sempre pensiero di essere stato contagiato e non capire in che modo dato che ho usato tutte le precauzioni possibili
[#13]
Attivo dal 2007 al 2020
Medico Chirurgo
Si dopo 13 gg è proprio poco.
Lo rifaccia a 40 gg come da linee guida ministeriali e avrà un risultato definitivo.
La seconda parte del suo problema è di natura psicologica. Io non posso aiutarla.
Scriva nella sezione Psicologia.
Faccia sapere se vorrà.
Cari saluti,
Dott. Caldarola.
[#14]
dopo
Utente
Utente
Si grazie dottor caldarola se potrebbe passarmi nella sezione psicologia per cortesia perche non riesco ad andare avanti anche se il mio medico curante insiste sul fatto che non ho nulla... tutto quello che ho letto su internet lo sento su di me dai linfonodi gonfi al collo e leggero dolore alle articolazioni .... uni psicologo potrebbe aiutarmi la ringrazio di cuore dott caldarola
[#15]
Dr. Francesco Emanuele Pizzoleo Psicologo, Psicoterapeuta 2,4k 122
Gentile utente,

Nel tempo che intercorre tra oggi e i prossimi 27 giorni (in cui avrà il risultato, post prelievo, del test) è consigliabile ricorrere ad un supporto Psicoterapico di persona. Quindi contatti un collega che possa darle degli strumenti/tecniche per gestire l'ansia.

Nell'attesa sappia che, il dubbio costante e continuativo nel tempo di aver catastroficamente contratto l'infezione, potrebbe verosimilmente essere un dubbio ossessivo (pensiero automatico sgradevole e costante fondato sull'ansia) che la "costringe" automaticamente, a mettere in atto dei rituali compulsivi, nel tentativo di far calare/alleviare il livello di ansia che il pensiero ossessivo le causa.
Quindi come funziona tutto ciò?
1) penso: "è se ho contratto l'HIV? "
2) Emozione sperimentata: ANSIA
3) rituali "precauzionali": palpazione dei linfonodi.

ma questi rituali riparatori, non le alleviano l'ansia. Anzi, la fanno aumentare.
*primo: perché più traumatizza i linfonodi, più si infiammano, più i suoi pensieri ossessivi cresceranno, più toccherà I linfonodi. Questo è un circolo vizioso ansioso.
*secondo: Perché come le ha detto il Dottor Caldarola, i suoi linfonodi si sono verosimilmente "gonfiati" dal trauma continuo a cui li sottopone.

Questo rappresenta un vincolo molto forte, come una sorta di dipendenza di cui lei finisce per non poterne più fare più a meno.
Ci siamo?

Altro "rituale" diventa la ricerca di sintomi in internet. Ma lo sa che a furia di cercare possibili sintomi di ciò che temiamo, finiremo per avvertire veramente quei sintomi?

Ora. Non ci conosciamo di persona e siamo online. Quindi quelle che le ho scritto, sono solo ipotesi del circolo vizioso ansioso in cui è entrato.
Per questo, come suggerito all'inizio, si avvalga dell'aiuto di un/una Collega con cui:
- chiarire il suo funzionamento cognitivo attuale (pensieri ed emozioni)
- definire strategie di gestione dell'ansia.


In bocca al lupo!
saluti

Dr. Francesco Emanuele Pizzoleo. Psicoterapia cognitiva e cognitivo comportamentale.

[#16]
dopo
Utente
Utente
Grazie mille dottor pizzoleo, mi sto distruggendo da solo, ieri ho sentito un legger dolore dietro le ginocchia, e oggi ho cominciato a sentire doloro da tutte le parti ho un figlio di 3 anni da cui sto lontano per evitare una trasmissione nel tal caso fossi malato, lavoro in inghilterra mi sono preso un mese di ferie e sono tornato in italia perche non riesco ad essere produttivo a lavoro e non dormo la notte, e ora dopo cena credo di aver mangiato pesante mi sento leggermente caldo in faccia non so piu cosa fare, io sono in provincia di ravenna
[#17]
Dr. Francesco Emanuele Pizzoleo Psicologo, Psicoterapeuta 2,4k 122
Sì avvalga del sito nazionale ordine psicologi www.psy.it e cerchi, nella sua regione e zona, il collega che ritiene più congeniale.
[#18]
dopo
Utente
Utente
Grazie mille dottore avevo una domanda in media dopo quanto tempo si manifestano i sintomi hiv e in che combinazioni perche su internet ne leggo di tutto e d piu e ogni cosa che leggo la sento sempre di piu
[#19]
Dr. Francesco Emanuele Pizzoleo Psicologo, Psicoterapeuta 2,4k 122
Concordo con il Dott. Caldarola:
"ieri ho sentito un legger dolore dietro le ginocchia, e oggi ho cominciato a sentire doloro da tutte le parti"
"dopo cena credo di aver mangiato pesante mi sento leggermente caldo in faccia"

Con molta probabilità si tratta di somatizzazioni legate all'ansia.

legga qui https://www.medicitalia.it/minforma/psicologia/1064-quando-il-corpo-va-in-ansia-i-sintomi-fisici-dei-disturbi-d-ansia.html
[#20]
dopo
Utente
Utente
Grazie. Dottori per la disponibilità grazie di cuore, io volevo sapere se si possono manifestare sintomi dopo 9 e 15 giorni?
[#21]
Dr. Francesco Emanuele Pizzoleo Psicologo, Psicoterapeuta 2,4k 122
"dopo quanto tempo si manifestano i sintomi hiv e in che combinazioni perche su internet ne leggo di tutto e d piu e ogni cosa che leggo la sento sempre di piu"

Lei non dovrà curare l'HIV ma L'ANSIA. quelle che pone sono domande ansiose!

Spenga il web. Altrimenti continuerà a vivere in un limbo ansioso molto complicato.
[#22]
dopo
Utente
Utente
Grazie dottore domani mi rivolgo al centro infezioni della mia citta e chiedo per consulto con uno psicologo
[#23]
Dr. Francesco Emanuele Pizzoleo Psicologo, Psicoterapeuta 2,4k 122
Saggia scelta!
Suggerimento: è preferibile che lo psicologo sia anche psicoterapeuta.

In bocca al lupo
[#24]
dopo
Utente
Utente
Buongiorno dottor caldarola a 16 giorni dal rapporto che le ho descritto in precedenza oggi mi ritrovo con una febbre da 37.6 non credo normale in estate ???? Puo essere legata all hiv e nell esame sanguigno c'è anche questo dato :
S-HBV anticorpi anti HBsAg- reflex = >1000
Puo centrare qualcosa con la mia cattiva sAlute ... credo che la causa sia un vaccino anti epatite avuto 15 giorni fa
[#25]
Attivo dal 2007 al 2020
Medico Chirurgo
Salve,
lei è immune dall'Epatite B con un alto titolo perchè ha fatto il vaccino.
E' un fatto positivo non negativo.
L'altro ieri ho avuto 38 di febbre e dissenteria: se le può essere di conforto per smontare le sue costruzioni ipocondriache....
Saluti,
Dott. Caldarola.
[#26]
dopo
Utente
Utente
Scusi davvero sti miei giorni di ansia e tutte le mie domande... ho preso un aspirina e ho cominciato a sudare e la febbre si è abbassata .... inoltre chiedevo se a 16 giorni dal comportamento normalmente è possibile sentire qualche anomalia al corpo?? E premetto che sono venuto in italia dall inghilterra passando da un clima freddo in inghilterra a uno caldo qui in italia mi scuso ancora ma la mia situazione è particolare poi ho un punto è possibile che durante il rapporto ho toccato la vagina della ragazza cn un dito e dopo per lubrificare il preservativo me lo sia portato alla bocca ... mi scusi dottore e volevo chiedere ancora se era possibile un veloce consulto telefonico se è possibile
[#27]
Dr. Francesco Emanuele Pizzoleo Psicologo, Psicoterapeuta 2,4k 122
1)"poi ho un punto è possibile che durante il rapporto ho toccato la vagina della ragazza cn un dito e dopo per lubrificare il preservativo me lo sia portato alla bocca"

Questi pensieri sono causati dalla sua ansia disfunzionale che, cambiando rapidamente in forma e contenuto, la portano a "sviluppare" nuovi dubbi all'interno del contesto del suo rimuginio: penso e ripenso all'evento, più particolari (anche non vissuti concretamente) mi vengono in mente, più dubbi ossessivi tenderò ad avere.

2) " volevo chiedere ancora se era possibile un veloce consulto telefonico se è possibile".
In questo modo lei sta richiedendo una rassicurazione. La rassicurazione è un modo afinalistico e improprio di gestire l'ansia. Perché?
*Perché rassicurazioni lei potrebbe averne a centinaia, ma i dubbi ansiosi le rimarrebbero comunque
* perché le rassicurazioni non curano l'ansia.

Contatti un/una collega Psicoterapeuta! Questa è l'unica strada utile per lei!
[#28]
dopo
Utente
Utente
Grazie dottore mi comincio a muovere in sti passi
[#29]
Dr. Francesco Emanuele Pizzoleo Psicologo, Psicoterapeuta 2,4k 122
Li faccia questi passi!

Buona giornata

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio