Utente 550XXX
Ho 22 e fino ad oggi non ho mai avuto problemi particolari. L'unica stranezza che ho sempre avuto, sin da bambina, è il parlare da sola. Fino ad oggi non ho mai avuto problemi, solo che da tre anni ho iniziato a perdere il controllo della situazione e speso mi ritrovo a farlo senza rendermene conto. Ho provato vari metodi per smettere già prima di questo evento e adesso non so se la cosa sia normale o mi debba rivolgere ad un professionista? Oltre a questo fenomeno ho notato un notevole calo dell'attenzione e difficoltà nello studio. Le cose sono collegate?

[#1]  
Dr. Alessio Congiu

36% attività
16% attualità
16% socialità
VERONA (VR)
VICENZA (VI)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2018
Gentile utente,

il parlare a voce alta con se stessi non esprime necessariamente un indice di patologia, essendo infatti una modalità di auto-gestione cognitiva ed emotiva adottata dalla maggior parte delle persone, seppure in modo silente sotto forma di dialogo interno:

https://www.youtube.com/watch?v=JIVyENv58VI

Tuttavia, se utilizzato in modo scorretto per controllare i propri vissuti emotivi (es., ansia, senso di colpa) o il proprio flusso spontaneo di pensiero (es., pensieri negativi), potrebbe rappresentare una strategia disadattiva, in quanto alla base del mantenimento del proprio disagio. Tali sono ad esempio le modalità assunte da chi sperimenta condizioni di ansia generalizzata o problemi di natura ossessivo-compulsiva (es., rimuginazione).

In un'ottica di prevenzione del disagio, l'invito è quello di parlarne con uno specialista che la aiuti a comprendere meglio le motivazioni che starebbero alla base dell'esternalizzazione suo dialogo interiore.

Saluti,

Dr. Alessio Congiu
Dr. Alessio Congiu
Psicologo Clinico
T. +39 345 465 8419
alessio.congiu@hotmail.it