Utente
Salve gentili dottori, sono un ragazzo di 20 anni e in questi ultimi 3 mesi sto attraversando un periodo pieno di ansie e paranoie.

8 mesi fa ho conosciuto una ragazza (la mia attuale fidanzata)
Premetto che in passato ho avuto grandi difficoltà a relazionarmi con altre ragazze data la mia enorme insicurezza e con nessun altra donna la cosa è andata a buon fine.

Con la mia ragazza è stato tutto diverso però, lei mi ha colpito, mi sono innamorato.
Successivamente ho iniziato ad essere molto geloso di lei avevo il terrore che lei potesse tradirmi, avevo la paura costante che lei potesse dirmi bugie su cosa faceva oppure paura che potesse mentirmi riguardo ai suoi sentimenti verso di me.
(probabilmente sono stato influenzato da mia madre perché anche lei ha avuto questo gelosia ossessiva nei confronti di mio padre)
3 mesi fa un giorno lei non mi rispose su WhatsApp per circa 2 ore e in quel lasso di tempo la mia testa ha iniziato a fare film su film, fin quando scoprii che non mi rispose semplicemente perché ebbe un problema a casa.
In quel momento mi sentii arrabbiato con me stesso, stanco di tutte queste paranoie inutili, ma nel momento in cui la raggiunsi per rassicurarla scattó come un cortocircuito dentro di me, avevo la paura di non amarla piú! Sono stato malissimo al solo pensiero di perderla e sono caduto nello sconforto più totale, successivamente però sono spuntate altre ossessioni come la paura di essere pedofilo, la paura di poter essere violento verso la mia ragazza, e da un mese a questa parte è nata anche la paura di essere omosessuale!! (questa paura di essere omosessuale mi venne già verso i 13/14 anni, un giorno mi ricordo che addirittura mi misi a piangere per paura di esserlo), ma non so come questa paura sparì da sola fino a pochi mesi fa
(ricordo che provai una forte eccitazione per una donna in un video porno e quindi mi tranquillizai)
Non ho nulla contro l'omosessualità, ma non vorrei esserlo semplicemente perché vorrei amare la mia donna e stare con lei!
La cosa che mi mette più angoscia è il fatto che se prima questo pensiero itrusivo dell'omosessualità mi metteva angoscia e paura adesso non me la mette più, (quindi penso: se non mi spaventa più significa che in realtà lo sono) e come se il mio cervello volesse convincermi del fatto che forse lo sono! Ma non voglio esserlo!! Non mancano inoltre i sogni a sfondo omosex alternati a sogni dove la mia ragazza mi tradisce.

In queste ultime settimane la situazione sembrava essere migliorata ma in questi giorni ho preso una ricaduta.

La mia domanda è: da queste poche righe si puó affermare di essere affetto dal doc?

[#1]  
Dr. Armando De Vincentiis

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MARTINA FRANCA (TA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2009
(...)se non mi spaventa più significa che in realtà lo sono) e come se il mio cervello volesse convincermi del fatto che forse lo sono! Ma non voglio esserlo!(..)
questo è un classico autoinganno della nostra mente, il paradosso del "mi spaventa il fatto di non essere spaventato"
se non si fosse davvero spaventati non ci si porrebbe nemmeno il problema, ma le cose NON stanno così.
legga questo
https://www.medicitalia.it/blog/psicologia/8185-disturbo-ossessivo-compulsivo-un-problema-di-forma-non-di-contenuto.html
Dr. Armando De Vincentiis
Psicologo-Psicoterapeuta
www.psicoterapiataranto.it
https://www.facebook.com/groups/316311005059257/?ref=bookmarks