Utente
Buongiorno,
È da ormai 6 giorni che mi sento sempre più strana.

Sento di essere quasi dentro un sogno, capisco che tutto ciò che mi circonda è reale ma mi sento distaccata dalla situazione.

Quando faccio un movimento lo percepisco in modo strano.
Ho sempre avuto una buona memoria, invece ora fatico a ricordarmi le azioni che ho svolto il giorno stesso che le ho fatte.
Il tempo mi sembra distorno, sembra che duri più a lungo.
Sento i dolori, ma ho l’impressione che io li senta in ritardo.
Non so a chi rivolgermi perché il mio medico di base è andato in pensione e non so che fare.

Sento dei dolori dietro la nuca e oggi mi sono accorta che stavo tremando, anche la testa.

Ho dei dolori muscolari alle gambe ma non penso di aver camminato tanto in questi giorni (non mi alleno).

Mi sento calda anche se non ho la febbre.
Faccio fatica a pensare e formulare un pensiero compiuto, ovvero che se penso a un fatto, non riesco ad arrivare a pensare una conclusione.

In questi giorni non ho fatto niente di strano, non ho bevuto, non penso di aver subito un trauma e nulla del genere.
Mi è capitato di fumare un po’, ma pochissimo, e non fumo spesso, anzi non fumo quasi mai, coloro che hanno fumato con me si sentono bene e non hanno gli stessi effetti che ho, inoltre le altre volte che mi era capitato di farlo, non ho avuto questi sintomi.

Inoltre fumo sigarette, da oltre un anno, però non penso che possa centrare.

[#1]  
Dr.ssa Donatella Fiocchi

20% attività
16% attualità
8% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2019
Buongiorno,
se si sente così da 6 giorni qualcosa sicuramente è capitato che ha fatto per qualche ragione profonda crollare la parte dell'io che aveva costruito e sembrava funzionante ma che invece era fragile.
Sembrano sintomi dell'emergere di una parte della sua personalità rimasta fino ad ora nascosta ma che impedisce a quella sana e funzionante di essere prevalente e continuare a funzionare come prima.
Si consulti anche con un medico per essere certa dei sintomi fisici, ma provi anche a fare qualche colloquio con uno psicoterapeuta per capire meglio cosa finalmente sta venendo in superfice, unico modo per poter essere affrontato.
Non si spaventi ma affrontare e capire è l'unico modo per rimettere insieme i pezzi.
Auguri
Dr.ssa donatella fiocchi