Utente
Salve,
Vi scrivo perché per carattere tendo a colpevolizzarmi molto quando litigo con qualcuno e a rimuginare tanto sulle discussioni.
Per questo ho bisogno di un aiuto, devo mettere in chiaro le idee per stare meglio.


Ieri ho litigato con il mio ragazzo perché è molto precisino e geloso su certe cose, o almeno questo è il mio punto di vista, perché secondo lui certe cose sono normali e vengono spontanee e sono questione di rispetto.

Vado al punto.

Ho fatto un commento su un attore parlando di una serie tv dicendo quest’attore è figo, super bello’.
Mi ha mandato un audio subito come risposta dicendo che potevo evitare di dire questa frase, io pensavo scherzasse o comunque che fosse infastidito si... ma mi piace una gelosia leggera nel rapporto.
Infatti come risposta gli ho detto come sei geloso’ ridendo.
E ho mandato la foto di questo attore dicendo dai non puoi dirmi che non è bello’.

Mi vergogno pure a parlarne... perché raccontandolo mi sembra una cosa così stupida e banale.
Lui inizialmente non ha risposto più vedendo la foto e io capendo che fosse davvero infastidito ho rimediato dicendo dai sei più bello tu ti amo.
Quando ha rispsoto dopo un po’ è andato in escandescenza.

Il mio punto di vista è: non c’è nulla di male in un commento così scherzoso su un attore che sa benissimo non incontrerò mai, amo lui, siamo una coppia e vogliamo sposarci.
Quindi non vedo il problema.
Se mi immedesimo mi sarei infastidita leggermente anche io ma avrei detto qualcosa di scherzoso sempre... tipo tieniti lei allora.
Soft. Per ottenere come risposta le solite smancerie fra ragazzi che si amano no voglio te’ etc.
Perché in fondo so che esistono ragazze più belle di me... ma ama me, sta con me.
É un commento fine a se stesso.

Il suo punto di vista?
Si può dire che una parsona è bella, ma dire davanti al tuo fidanzato (anche in sua assenza) quello/a è un figo super bello è in più.
è una mancanza di rispetto per la persona che ti è affianco e ti sente dire queste parole di un'altra persona.
Sottolinea il fatto che lui non lo fa. Quindi sono in difetto io. Che gli ho dimostrato che non ci tengo a lui, sapendo che è una cosa che gli da fastidio e l’ho fatta ugualmente.

In conclusione?
Mi ha lasciata. Buttando un matrimonio, una relazione per questa cosa ritenuta da lui di vitale importanza.

Ho provato tre ore a spiegare che stavo scherzando; che non mi sembra grave... che capita a qualsiasi donna di fare commenti su un’attore, ma lui insiste sulla mancanza di rispetto che una ragazza così, come me che manca di rispetto facendo complimenti ad altri ragazzi, non gli piace...
grazie per l’ascolto.

[#1]  
Dr.ssa Anna Potenza

28% attività
20% attualità
16% socialità
CIAMPINO (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2017
Gentile utente,
leggendo la sua lettera, e anche la precedente, si capisce che lei ha sempre voluto chiudere gli occhi su qualche grosso problema del suo fidanzato.
Quello che ci racconta sulle sue frasi scherzose per stuzzicare con dolcezza la persona amata è normale, e poi ogni coppia ha il suo linguaggio... sempre se i due non hanno qualche "elefante nella stanza", come dicono gli inglesi.
Il suo fidanzato chiaramente ce l'ha, tant'è vero che come un fulmine a ciel sereno arriva la conclusione: "Mi ha lasciata. Buttando un matrimonio, una relazione per questa cosa ritenuta da lui di vitale importanza".
A questo punto, anziché disperarsi, cara utente, sia serena e pensi che ha avuto un colpo di fortuna.
Io non conosco il suo ragazzo, non posso valutare, quindi, altro che i fatti, che sono quelli che lei racconta: l'ha lasciata per uno scherzoso commento su un altro uomo. E non voglio dire nulla delle cose che ci ha riferito nella lettera di aprile.
Se sia malato mentale o invece sanissimo, ma intenzionato da tempo a chiudere con lei, non lo posso sapere. Continuo però a pensare che sia stata una fortuna per lei, che visibilmente sta maturando dopo la prima relazione, ma che forse ne era ancora influenzata quando ha scelto il suo attuale partner.
Questa può essere l'occasione perché lei faccia un corso online sull'autostima, la sicurezza personale o la Compassioned Focused Therapy, ossia la simpatia per sé stessi (guardi in rete la pagina del dr Nicola Petrocchi).
Le faccio molti auguri.
Dr.ssa Anna Potenza (RM) anna.potenza@medicitalia.it


[#2] dopo  
Utente
La ringrazio molto per la sua risposta.