Utente
Buongiorno,
Chiedo un parere su quello che penso e vivo nella mia (prima) relazione con la mia ragazza.
La conosco da 1 anno, lei era fidanzata con un altro, fino a fine Luglio 2020.
Poi dopo un po' di tempo abbiamo iniziato ad uscire fino a quando ci siamo fidanzati.
Lei per chiudere la sua vecchia relazione è andata da uno psicoterapeuta (doveva esser aiutata e risollevata moralmente per come era stata trattata e per come si era trascurata, se stessa come persona, come emozioni e sensazioni) e attraverso un percorso ha chiuso quella che è la sua vecchia relazione (ci siamo messi assieme solo dopo che lei ha chiuso quel percorso e iniziato quello odierno sui traumi sessuali che si porta dietro).
Ora lei conserva le foto e ricordi di lui in una "scatola dei ricordi" o in un cassetto, ma la cosa non mi da più di tanto problemi poichè ho affrontato con lei questa cosa e mi ha detto esplicitamente che quelle foto e quelle cose le tiene là perchè son ricordi del passato, ma non è che le va a consultare o a vedere quando non ha nulla da fare (e che come mi son risposto, quelle foto e quegli oggetti non sono lei).
La cosa che, ora come ora, mi turba è il fatto che lei ancora indossi l'anello e il bracciale che il suo ex le ha regalato.
Per me alcuni oggetti hanno un forte valore, in questo caso di legame, anche se è più importante il legame con la persona e non con gli oggetti.


Lei mi ha detto esplicitamente:
"... se io avessi ogni volta che mi metto l'anello o il braccialetto una sensazione del tipo "oddio, questa cosa me l'ha regalata (nome-ex) ed etc etc", questo non sarebbe per niente normale, anzi sarebbe preoccupante perchè vorrebbe dire che io non ho capito proprio nulla di tutto il percorso che ho fatto.

Quindi, io l'anello continuo a metterlo per abitudine, perchè è quattro anni che lo indosso e mi fa strano stare senza, e perchè è lì, è semplicemente una parte di quello che sono stata.

Vuol dire che lo terrò per sempre addosso?
Non ci ho pensato ma probabilmente no perchè già si è rovinato, figurati tra tot tempo..."

Queste parole mi hanno rassicurato un po' però continuo a pensare che se quelle cose non stanno nella scatola continuano a vivere con lei, che lei non è con me al 100%, ma al 95%.

Avevo pensato di regalarle anche io un'anello per Natale, però ho paura che lo veda come un gesto del tipo "togli quello che hai, mettilo via, ora ci sono io e indossi il mio" quasi come se fosse un atto egoistico e "possessivista" che non è esattamente ciò che voglio ci sia nella nostra relazione, visto che l'amore è ben altro.

Lei mi ha ben detto che il suo passato non ha un valore celeste o sopraelevato, ma che il suo presente ha valore.
Anche per me il presente ha valore, ma non riesco a fare a meno di mettermi a confronto con un passato, che poi non mi appartiene.

La domande ora: Come devo affrontare la cosa?
compro o no l'anello?
perchè mi metto a confronto con ciò che non c'è più?
Perchè mi faccio tutte queste seghe mentali?

[#1]  
Dr.ssa Patrizia Pezzella

24% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2011
Gent.mo lettore,

nell'ordine delle sue domande le suggerirei a) di non ritornare sull'argomento (scatole di oggetti) o sul tema anello e bracciale che indossa la sua fidanzata e ai quali argomenti ha già ottenuto le risposte; b) compri l'anello e lasci che sia lei a stabilire a quale dito portarlo , potrebbe anche scriverle un biglietto simpatico dicendole che le dita sono 10 e non le sta chiedendo di sostituire il suo anello con il precedente; c) e d)
le sue domande sono frutto di alcune insicurezze...viva il suo presente con gioia e fiducia.

Moltissimi auguri e se preferisce ci aggiorni.
Dr.ssa Patrizia Pezzella
psicologa, psicoterapeuta
perfezionata in sessuologia clinica

[#2] dopo  
Utente
Grazie mille della risposta, mi sorge una domanda, ma a cosa può esser dovuto il fatto che io non riesca a sopportare il fatto che lei sia già stata a letto (con il suo ex e basta). Io sono vergine e non posso farci nulla, ma l’idea mi da un po’ di problemi. Lei non ha mai avuto orgasmi completi (forse un paio) e anzi, quasi sempre esperienze traumatiche, perché il sesso era solo un momento per lui e non per entrambi; tutto ciò le ha fatto prendere la strada dello psicoterapeuta per sorpassare tutto ciò, però comunque non riesco a capacitarmi del fatto che lei sia stata pienamente con lui. Il sesso non è la parte principale di una relazione e per fortuna. Avreste qualche consiglio?