x

x

Psicoterapia nel disturbo bipolare

gentili dottori,
sono un ragazzo di 24 anni . mi e' stato diagnosticato disturbo bipolare.(ho gia' scritto tutto su questo argomento nella specialità psichiatria). adesso il mio problema e' :
non riesco ad uscire nel mio paese perche' ho vergogna e paura,
ho paura di incontrare gente che conosco,
se mi metto a parlare con qualcuno divento tutto rosso e caldo e mi blocco,
le mie capacita' di relazionarmi sono diminuite,
prima della seconda crisi non avevo nessuno di questi problemi. mi potete dare qualche consiglio per affrontare psicologicamente queste situazioni vi ringrazio.
[#1]
Dr. Giuseppe Santonocito Psicologo, Psicoterapeuta 15.7k 363 220
Gentile ragazzo, questa sua nuova difficoltà sembrerebbe riguardare uno stato ansioso. Può rivolgersi nuovamente al medico psichiatra da cui è in cura per un consiglio, oppure decidere di consultare uno psicologo/psicoterapeuta. Tenga presente che per i disturbi d'ansia le psicoterapie brevi riescono ad avere un'efficacia maggiore. Ovviamente il particolare terapeuta che consulterà è più importante del particolare approccio terapeutico da lui utilizzato.

Cordiali saluti

Dr. G. Santonocito, Psicologo | Specialista in Psicoterapia Breve Strategica
Consulti online e in presenza
www.giuseppesantonocito.com

[#2]
dopo
Attivo dal 2009 al 2017
Ex utente
gentile dottore,
io sono già in psicoterapia cmq io mi sento incapace e vedo che gli altri sono migliori di me. quando esco nel paese mi faccio tutto rosso, forse perche' una volta (prima della crisi) ero un tipo estroverso pieno di vitalità e sempre al centro dell'attenzione. Ero amico con tutti e parlavo con tutti. Oggi ho paura di incontrare gente che conosco e sto sempre sulle spine specialmente se vedo una macchina simile a quella di qualche amico .lei pensa che io possa superare questo stato (continuando a curarmi per il disturbo bipolare)e a vivere una vita normale?
[#3]
Dr. Giuseppe Santonocito Psicologo, Psicoterapeuta 15.7k 363 220
La sua preoccupazione è comprensibile, ma come si fa a dirlo? Senza averla di fronte, senza conoscerla. Io credo che dovrebbe fare innanzitutto a se stesso una domanda: sto ottenendo dalla mia cura ciò mi aspettavo? Se la risposta è no, allora è di questo che dovrebbe parlare con il suo terapeuta. Ed eventualmente, se non dovesse riuscire a fare gli aggiustamenti necessari, pensare anche a rivolgersi a un terapeuta diverso. Può leggere quest'articolo in merito:
http://www.giuseppesantonocito.it/news.htm?m=76

Il disturbo bipolare è una patologia che si manifesta in più fasi: depressiva, maniacale o mista. Scopriamo i sintomi, la diagnosi e le possibili terapie.

Leggi tutto