Utente 218XXX
Buongiorno sono Emanuela, mio padre Claudio ha 59 anni e ha un adenocarcinoma polmonare a grandi cellule scarsamente differenziato, bene il 16 agosto e' stato operato al cervello e gli sono state rimosse due grandi metastasi (3 e 5 cm), il problema e' che gliene e' rimasta una piccola in un altra zona, le asportate erano lobo frontali mentre questa rimasta e' dietro. In data 24 agosto e' stato operato all intestino in quanto anche li c'era una metastasi che gli aveva perforato l intestino, tutto e' avvenuto molto rapidamente nel senso che dovevano operarlo per asportargli il tumore al polmone il 14 luglio (perche' aveva risposto bene a tre cicli di kemio tra aprile e maggio e il tumore si era ridimensionato) e invece con la tc pre intervento si vede che il tumore e' aumentato e ci sono le due metastasi inziali celebrali. ora la mia domanda e': mio padre e' dimagrito dopo i due interventi di 15 kili da 75 a 60, le operazioni di per se sono andate bene, pero' questa piccola metastasi che ha sarebbe meglio curarlo con radioterapia normale paraencefalica o una tipo cyberknife? e poi se gliela faranno anche se e' cosi' magro e un po' dolorante? vi prego aiutatemi anche se la malattia lo so e' molto aggressiva non ce' proprio piu' speranza?. io abito all'estero ho due bimbi ed e' da due mesi che sono qua a torino da mio padre, pero' devo tornare a casa mia, il lavoro, la scuola dei bimbi.......... vorrei capire un po' anche i tempi.......lunedi' ha una risonanza magnetica di controllo e di li poi una visita radioterapistica il 19 settembre pero' io ero gia' andata a milano prima dell intervento dove hanno il cyberknife......... cosa e' migliore per mio padre????

[#1] dopo  
Prof. Filippo Alongi

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
4% attualità
16% socialità
NEGRAR (VR)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2007

Dopo asportazione chirurgica, radicale o meno, di metastasi encefaliche è indicata una radioterapia panencefalica. La radiochirurgia, con o senza cyberknife, è indicata in caso di singolo residuo ma è da valutare in caso di condizioni generali e della malattia che lo consentano. Lo valuterà il radioterapista oncologo che lo visiterà.

Cordiali saluti
Prof. Filippo Alongi
Professore associato di Radioterapia
Direttore Radioterapia Oncologica, Ospedale S.Cuore Don Calabria di Negrar(Verona),

[#2] dopo  
Utente 218XXX

Gazie dottore ma sa ho chiesto un parere perche' qua a torino alcuni dottori mi hanno detto che e' piu' indicata quella panencefalica, pero' altri due mi hanno detto che magari il cyberknife sarebbe stato piu' utile e quindi volevo capire in base a cosa potevano giudicare, comunque se lei mi dice che dopo un intervento e' meglio la prima allora per mio padre e' sicuramente piu' indicata....... grazie ancora