Andamento psa dopo radioterapia

Buongiono. Ho 65 anni. Nel 2010 mi fu diagnosticato un carcinoma alla prostata che risultò confinato alla capsula, gleason 3+4. Sono stato trattato con terapia ormonale per sei mesi e con 42 sedute di radioterapia a fasci esterni. Il mio psa iniziale era di 9,74. A fine terapia di 0,008. I successivi controlli trimestrali hanno dato i seguenti esiti:
02/11: 0,05
04/11: 0,03
08/11: 0,04
11/11: 0,16
02/12: 0,29
05/12: 0,56
08/12: 0,74
10/12: 0,59
02/13: 0,99 (fatta pet con colina con esito totalmente negativo)
03/13: 0,96
05/13: 0,68
08/13: 1,10
10/13: 1,04
Il mio urologo propende per una vigile attesa e così pure al centro di radioterapia dove mi hanno spiegato che comunque la prostata è rimasta in parte funzionante e che quindi è normale una certa attività evidenziata dalle variazioni del psa. Ma francamente questo aumento del marcatore mi sta preoccupando e creando un notevole stato di ansia. Non vorrei che si corra ai ripari troppo tardi.
Potrei conoscere un vostro cortese parere?
Grazie
[#1]
Prof. Filippo Alongi Radioterapista 2.1k 120 17
La terapia ormonale ha mascherato all'inizio il PSA della prostata residua. Adesso si è slatentizzato l'effetto della radioterapia e valori di circa 1 ng/mL di PSA dopo un anno dalla radioterapia, in assenza di deprivazione ormonale, sono più che soddisfacenti. Per definire una recidiva è necessario avere un rialzo di almeno 2ng/mLdal valore minimo(chiamato nadir).
Quindi mi sento, in questo momento, di rasserenarla.

Saluti

Prof. Filippo Alongi
Professore ordinario di Radioterapia
Direttore Dipartimento di Radioterapia Oncologica Avanzata, IRCCS Negrar(Verona)

[#2]
dopo
Utente
Utente
La ringrazio per la cortese e celere risposta. Ma se i valori del psa dopo la radioterapia sono stati mascherati dalla cura di deprivazione ormonale, quale può considerarsi, secondo Lei, il mio valore nadir?
La ringrazio ancora e le porgo cordiali saluti.
[#3]
Prof. Filippo Alongi Radioterapista 2.1k 120 17
Bisogna aspettare che il Valore si assesti dopo la fine della terapia ormonale ad un valore minimale stabile. Il tempo ce lo dirà.
Saluti

Il tumore alla prostata è il cancro più diffuso negli uomini, rappresenta il 20% delle diagnosi di carcinoma nel sesso maschile: cause, diagnosi e prevenzione.

Leggi tutto