Sindrome di sjorgen

Buon pomeriggio dottori,
da diverso tempo ho sintomi di secchezza alla bocca ed al naso.

Guardando sul web ho visto che questi sintomi potrebbero essere correlati alla sindrome di sjorgen, pertanto in un laboratorio privato ho eseguito le seguenti analisi:

EMATOLOGIA
EMOCROMO (RDI)
Leucociti G/l 4, 40 - 11, 00
G = 10^9
5, 98
Eritrociti T/l 4, 2 - 5, 6
T = 10^12
5, 2
Emoglobina 15, 4 g/dl 13, 0 - 17, 5
Ematocrito 45 % 41 - 50
Volume corpusculare medio (MCV) 88 fl 80 - 97
Contenuto Hb medio (MCH) 30, 0 pg 25, 0 - 33, 3
Concentrazione Hb corp.
media (MCHC) 34, 1 g/dl 32, 0 - 36, 0
Distribuzione Volume Eritrocitario (RDW) 12, 4 % 11, 0 - 15, 5
Piastrine 261 10 (9) /l 150 - 450
Volume medio Piastrine (MPV) 8, 26 fl 6, 00 - 9, 00
FORMULA LEUCOCITARIA
Neutrofili 48, 60 % 40, 00 - 78, 00
Linfociti 38, 50 % 19, 00 - 49, 90
Monociti 8, 97 % 2, 00 - 10, 50
Eosinofili 3, 19 % < 7, 00
Basofili 0, 78 % < 2, 00
FORMULA LEUCOCITARIA Assoluto
Neutrofili Assoluto 2, 90 G/l 1, 80 - 7, 80
Linfociti Assoluto 2, 30 G/l 1, 10 - 4, 80
Monociti Assoluto 0, 54 G/l 0, 20 - 1, 00
Eosinofili Assoluto 0, 19 G/l 0, 00 - 0, 50
Basofili Assoluto G/l < 0, 20
Proteina C Reattiva (RDI) 0, 19 mg/dl < 0, 50
Proteine Totali 7, 20 g/dl 6, 60 - 8, 70
Albumina 62, 8 % 55, 8 - 66, 1
Globuline Alfa 1 3, 5 % 2, 9 - 4, 9
Globuline Alfa 2 8, 7 % 7, 1 - 11, 8
Globuline Beta 1 5, 7 % 4, 7 - 7, 2
Globuline Beta 2 5, 0 % 3, 2 - 6, 5
Globuline Gamma 14, 3 % 11, 1 - 18, 8
Rapporto Albumina/Globuline 1, 69 1, 08 - 1, 86
ANTI NUCLEO - ANA (RDI) < 1:80 Titolo Negativo < 1:80
ENA (Ant.
Anti nucleo estraibili) (RDI) < 3, 60 CU <20 CU NEGATIVO
>20 CU POSITIVO

Vi chiedo se alla luce di questi risultati i miei sintomi possono far pensare alla sindrome di sjorgen.

Cordiali saluti.
[#1]
Dr. Bernardo D'Onofrio Reumatologo 277 15
Gentile,

Da questi esami non è possibile concludere per una malattia autoimmune. La negatività degli autoanticorpi, tuttavia, di per sé non esclude la diagnosi.
In presenza di secchezza alla bocca può eventualmente, in accordo col suo Medico, effettuare esami più approfonditi (es. scialometria, test di Schirmer) nonché valutare se, invece, potrebbe dipendere da eventuali farmaci che lei assume o altri fattori scatenanti.