Risultati contrastanti ANA

Buongiorno,

Vi scrivo in merito a due analisi svolte a distanza di due settimane che mi lasciano un po' perplessa.

Premetto che da anni svolgo test degli anticorpi in seguito alla diagnosi della sindrome di Raynaud ormai 3/4 anni fa, e ho sempre avuto ANA positivi.


Recentemente ho svolto due controlli, il primo svolto nell'ospedale presso cui lavoro ed il secondo qualche settimana come follow-up annuale che regolarmente svolgo con il mio medico di base.


I risultati dei test riportano:
1) ANA 1:160, speckled (AC 2, 4, 5, 29) e screening ENA positivo (method IFI)
2) ANA 1:160, omogeneo e screening ENA negativo (method EIA)

Sicuramente svolgerò ulteriori controlli ma sono un po' confusa in quanto sono stati testati gli stessi ENA.
Inoltre non comprendo il pattern differente, leggendo online ho visto che gli AC elencati sono spesso associati a SSc, è motivo di preoccupazione?
Significa che i miei anticorpi mostrano tutti gli AC elencati o potenzialmente anche solo uno di questi?


In attesa di approfondimenti, vi chiedo cortesemente qualche informazione in più.
Non ho mai avuto altri sintomi, solo Raynaud ma molto molto raramente (qualche episodio all'anno ad esagerare), ma al momento comincio forse a preoccuparmi un po' più del dovuto.


Grazie mille e buona giornata a tutti
[#1]
Dr. Bernardo D'Onofrio Reumatologo 275 15
Gentile,

La positività per ENA screening ci dà in realtà poche indicazioni, in quanto non vengono specificati gli anticorpi presenti (es. anti-Sm, anti-Ro, anti-La, e così via), che danno tutti una positività all’ENA screening.

Per quanto riguarda invece i pattern AC ANA, consideri che l’esame ANA è direttamente operatore dipendente: questo vuol dire che se un medico di laboratorio/biologo può evidenziare un certo pattern, magari un altro potrebbe evidenziarne un altro, e così via. Inoltre, i pattern possono variare nel tempo.

Comunque, visto che ha il fenomeno di Raynaud e gli ANA positivi, le consiglierei a completamento di effettuare una capillaroscopia periungueale, se mai effettuata.

Cordiali saluti

[#2]
dopo
Utente
Utente
Buongiorno dottore,

Grazie del riscontro. Avevo eseguito la capillaroscopia quando venne diagnosticata la sindrome di Raynaud anni fa, e seppur in presenza di qualche anomalia, il mio reumatologo al tempo affermò si trattasse di una sindrome primaria, soprattutto dicendo che gli Ana erano comunque borderline e gli ena negativi.

Lo screening ENA è stato effettuato sui seguenti: RNP/SM, SS-a, SS-b, Scl-70, Jo-1, CENP-B.

Ovviamente la sclerodermia è un qualcosa che mi preoccupa, vista anche la gravità che mi sembra sia un fattore comune di questa patologia. Le persone che mostrano un quadro che portano a diagnosticare una sclerodermia precoce, senza alcun altro sintomo se non Raynaud, svilupperanno necessariamente anche altri sintomi che andranno a minare la qualità della vita delle stesse? So che forse sto andando un po' oltre con i pensieri, ma il tutto mi desta più di qualche preoccupazione.
[#3]
Dr. Bernardo D'Onofrio Reumatologo 275 15
Sta andando decisamente oltre, visto che nemmeno sappiamo per quale anticorpo anti-ENA è positivo.

Le consiglio quindi di ripetere gli auto-anticorpi presso una struttura ospedaliera-universitaria e, possibilmente, anche la capillaroscopia.

Una volta chiarita la specificità ENA potremmo formulare ipotesi.

Cordiali saluti