Utente 226XXX
Buonasera, a mia madre è stata diagnosticata in Marzo 2011 una vasculite sistemica con sindrome di Churg Strauss. Attualmente ricoverata presso un altro ospedale, la diagnosi è stata trasformata in Vasculite di Horton. Ad Aprile 2011 ha purtroppo perso un occhio ed ha dolori tremendi alle mani in particolare, ma spesso anche agli arti inferiori. Sono molto preoccupata perchè, ad ora, sembra che l'unico miglioramento sia stato il tenerla in vita ma i dolori continuano ad essere lancinanti. Cosa dobbiamo aspettarci? Se la malattia ormai è cronica, potremmo almeno sperare di veder diminuire o sparire il dolore? Saluti.

[#1] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Salve.
Tra le due malattie elencate esistono differenze sostanziali, ma entrambe generalmente rispondono bene a un'adeguata terapia steroidea; successivamente si considerano farmaci alternativi di mantenimento/supporto alle basse dosi del cortisonico. Se il trattamento sembra controllare la malattia ci si dovrà interrogare sulla causa del dolore (che può anche avere altra origine) e quindi intervenire su quella. Non credo che si possa dire altro, dal momento che stiamo comunque parlando di malattie rare, le quali nel singolo possono avere presentazioni anche non tipiche; per di più bisogna considerare che ogni paziente può avere comorbilità diverse. Pertanto in queste circostanze, ancor più che in altre malattie, la valutazione diretta del singolo diventa assolutamente imprescindibile.
Saluti,