Utente 532XXX
Salve dottori,
io scrivo per mia sorella una ragazza di 20anni, da anni gli è stato detto che soffrisse di reumatismi visti il tas sempre oltre i 1000 e una ves anche se di poco alterata. Curata con iniezioni da piccola e ultimamante con zitromax a cicli, ma senza risultati. Il mio reumatologo cha ha scoperto in me la connettivite indifferenziata con sindrome di raynaud, gli ha prescritto gli esami, tra i quali risulatno fuori norma:
ANA pos. pattern microgranulare 1:1280 e cellule in mitosi negative, ENA pos per Ro52 e RNP, TAS 1250 ves a 38. Lei accusa dolori migranti alle ossa. In attesa di prendere appuntamento con il reumatologo, chiedo cortesemente di che connettivite si tratterebbe e quali cure consigliereste.
Grazie e cordiali saluti.

[#1] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Gentile utente,
il profilo anticorpale in un sospetto di connettivite è spesso solamente orientativo (mi riferisco agli anticorpi significativi, cioè alle specificità anti-Ro ed RNP, ammesso che si tratti di vere positività).
In questi casi è necessaria una valutazione clinica accurata per evidenziare ogni possibile manifestazione di malattia, corredata da indagini strumentali ed ulteriori esami di laboratorio.
Solo al termine dell'iter diagnostico avrà le risposte alle Sue domande.
Saluti,

[#2] dopo  
Utente 532XXX

Salve dottore,
innanzitutto grazie tante per aver risposto.
Quindi Lei dice che per avere una diagnosi precisa a parte la positività degli anticorpi, la familiarità, sono necessari altri parametri per classificare il tipo di connettivite?
Quali esami e indagini strumentali consiglierebbe?
Grazie

[#3] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
La diagnosi si pone - oltre che sui dati del laboratorio - sulla base del tipo di impegno d'organo (che si approfondisce con esami strumentali e, di nuovo, di laboratorio).
Sarebbe possibile individuare un "pannello" di esami valido come valutazione di minima, ma dal momento che deve essere poi completato in relazione alle manifestazioni del caso specifico su indicazione dello specialista che effettua la visita, ha poco senso suggerirlo in questa sede. In ambito ospedaliero è possibile anche - se la situazione lo richiede - decidere di attivare un ricovero in regime di Day Hospital.
Quindi il mio consiglio è semplicemente quello di cominciare sottoponendosi ad una visita specialistica (immunologica o reumatologica).
Saluti,

[#4] dopo  
Utente 532XXX

La ringrazio.
Saluti