Utente 255XXX
Buongiorno,
sono una donna di 33 anni, da quando avevo 8 anni soffro di psoriasi. Negli ultimi anni ho cominciato a soffrire di afte frequenti in bocca. Circa tre settimane fa mi è venuta una congiuntivite, che dopo dieci giorni che la curavo mi è passata anche all'altro occhio e la mattina mi sveglio con una sensazione di corpo estraneo negli occhi che dopo pochi minuti passa. Di punto in bianco una mattina mi sono svegliata con un dolore ad entrambi i polsi, la sera è aumentato molo tanto da non riuscire a muoverli e il dolore mi è venuto anche alla spalla sinistra, la mattina dopo anche spalla destra. Ho preso Brufen 800 mg per 4 giorni. I dolori forti sono scomparsi e sono comparsi tanti "micro doloretti leggeri leggeri" migranti a parecchie articolazioni del corpo (schiena, dito, caviglia, ginocchio). A volte mi sembra di avere le ginocchia "incordate" oppure la muscolatura delle cosce irrigidita.
Mia mamma anche aveva la psoriasi. A 23 anni, dopo la prima gravidanza ha iniziato a soffrire di forti dolori articolari. Le diagnosticarono l'artrite reumatoide, anche se parliamo di circa 40 anni fa. Mia mamma purtroppo morì di tumore al seno quando io avevo solo 3 anni e mezzo.
Le mie domande sono queste:
- Chi ha la psoriasi può avere anche l'artrite reumatoide o in realtà è artrite psoriasica?
- L'artrite e lo sviluppo di tumori sono collegati?
- Dai sintomi da me descritti che cosa mi consiglierebbe di fare?

[#1] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Gentile utente,
credo sia innanzitutto doveroso ridimensionare la sintomatologia attuale, che - mi pare di capire - è caratterizzata da dolore articolare (quindi non direttamente classificabile come artrite) ed è recente (quindi non classificabile come cronica). Le faccio questa premessa perché in linea generale risulta più probabile che un quadro clinico di questo tipo sia riferibile a condizioni di altro genere.
Ovviamente se i disturbi persistessero sarà opportuna una valutazione reumatologica diretta (e magari anche oculistica), con tutti i relativi accertamenti che il collega richiederà.
Le altre domande vale la pena di farsele solo nel caso in cui si riceva una certa diagnosi.
Saluti,

[#2] dopo  
Utente 255XXX

Grazie per la risposta Dottore,
ho fatto una visita oculistica e il medico mi ha detto che secondo lui si tratta di una forma virale. Potrebbe trattarsi di adenovirus che in alcune forme colpisce gli occhi.
Effettivamente, una settimana dopo avere avuto la congiuntivite ho avuto la febbre e linfonodi del collo ingrossati e tosse durati circa 5 giorni. Dopo due giorni dalla scomparsa della febbre sono iniziati i dolori articolari. Non avevo pensato che le cose potessero essere collegate ed essere causati tutti dallo stesso agente patogeno. Il medico mi ha anche spiegato che in alcune persone questa forma provoca un'artrite reattiva che dura qualche settimana e va via da sola.