Utente 261XXX
Egregi Dottori,
vorrei esporre il mio dilemma che perdura da più di tre anni: ( una diagnosi certa
della mia patologia!) Sono ormai più di tre anni che cerco di sapere cosa abbia
sconvolto in breve tempo il mio organismo .Ho continui fastidi a molteplici articolazioni e colonna in toto: (dolori più o meno intensi,scricchiolii,disturbi vari generalizzati ).Sono stato operato in L4-L5 nel 2009 di ernia discale ed ho discopatie multiple cervicali dorsali e lombari,evidenziate nel 2009. Ho effettuato Rx e RMN che confermano quanto esposto, non so se c'èrano negli anni precedenti il 2009 così evidenti? Ho effettuato analisi cliniche come: Emocromo- nella norma -Ves-2 -PCR-0,02
Reuma-Test-negativo.Ci sono ulteriori esami clinici o di laboratorio che posso effettuare per escludere o confermare una patologia: (come artrosi, artrite o spondilite, ecc.) che permettano agli specialisti di formulare una diagnosi?
Premetto che tutti i miei problemi esposti,compreso l'intervento L4-L5 e i vari sintomi evidenti,
si sono verificati nell'arco dell' anno (2009).Avevo da circa dieci anni le discopatie L4-L5 e L5-S1 ma non mi avevano destato nessun disagio,in quanto ho sempre
condotto una vita normale: (lavoro,sport,viaggi e quant'altro), che adesso non riesco più a fare.Spero sappiate darmi delle indicazioni per uscire ed esaudire il mio disagio,vorrei tornare ad una vita vivibile . Se avete bisogno di ulteriori informazioni sono a Vs.disposizione.Ringrazio per quanto sappiate consigliarmi,
un cordiale saluto

[#1] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Egregio utente,
la diagnosi è il risultato di un ragionamento che si fa "pesando" tutti gli elementi utili, che sono ricercati nella presentazione clinica del problema (nel Suo caso i caratteri del dolore, le condizioni in cui si presenta o peggiora, la risposta a certi trattamenti farmacologici) e nel risultato degli esami di laboratorio e delle indagini strumentali che si reputano più utili per indagare quel tipo di presentazione clinica.
Ad esempio, la normalità degli indici aspecifici di flogosi (tra i quali la VES e la PCR) generalmente depone per una problematica di tipo degenerativo, ma tale indicazione può essere confermata solo se ad essa corrisponde un quadro clinico suggestivo per patologia degenerativa e se anche le eventuali indagini strumentali sono concordi. Spesso gli accertamenti strumentali e di laboratorio non contano nulla se non c'è anche un bel cervello umano in grado di elaborarli e dare la giusta importanza ad ognuno di essi.
La figura più adatta nel Suo caso sembra essere quella del reumatologo: prenoti una visita portando con sé i risultati e le immagini di tutte le indagini già eseguite.
Saluti,

[#2] dopo  
Utente 261XXX

Egr.Dott. Marchi,
grazie della Sua risposta, è la più logica che ho ricevuto da più di tre anni.
Credo anch'io da quanto emerge dai referti delle analisi cliniche e strumentali come:
PCR,VES,REUMA-TEST e RXeRMN, che ho ripetuti nel tempo, si tratti di una
patologia degenerativa. Il tutto è stato ben visionato dagli specialisti da me consultati,
tra i quali un Reumatologo che mi hanno dato risposte sempre alquanto evasive.
A cosa pensa sia dovuto il loro comportamento? Se vuole posso inviarLe i referti di
quanto sopra, se gentilmente può trasferirmi la Sua Mail.Credo che la patologia
artrosica che era rimasta silente dal 1999, pur permettendomi di svolgere una vita
normalissima in tutte le mie attività, per ben dieci anni,sia emersa in maniera eclatante nel 2009.Vorrei porLe,se posso, un quesito: può l'intervento da me subito
L4-L5 e la patologia del rachide, provocare disturbi allo stomaco (colon?) e
digestivi? Gradirei rimanere in contatto con Lei per ricevere delle indicazioni, nei
limiti delle Sue possibilità, in quanto ritengo che le qualità delle quali faceva cenno
nella Sua risposta, siano merce rara di questi tempi. La ringrazio nuovamente e
porgo un cordiale saluto.

Alberto Conti

[#3] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Mi pare strano che lo specialista non si sia espresso in maniera chiara e comunque me ne dispiaccio per Lei.
La ringrazio molto per la fiducia, ma la visione di ulteriori dettagli laboratoristici e strumentali senza un vero incontro potrà ancora una volta configurare ancora una valutazione incompleta e, di conseguenza, non sufficiente per consentire una diagnosi.
Ad ogni modo, ma conscio di questa significativa limitazione ^___^ può trovare il mio indirizzo di posta elettronica in questo sito o tramite i motori di ricerca.
Cari saluti,

[#4] dopo  
Utente 261XXX

Dottor Marchi,
grazie ancora per la Sua celere risposta, capisco benissimo che per Lei potrebbe
essere complicato se non impossibile, ricevendo i miei referti, poter
estrapolare una esatta diagnosi, sia per i motivi ai quali ha fatto cenno nel primo
contatto che abbiamo avuto, oltre a quello di non aver avuto la possibilità di visitarmi e
incontrarmi, in quanto io abito in provincia di Roma. Le volevo trasferire i miei referti,
non ai fini di una diagnosi ma solamente perchè, in modo chiaro, dal momento
che Lei, da quello che ho intuito , è una persona scrupolosa,ciò che non mi hanno
"dimostrato di esserne"i precedenti specialisti, che oltre ad aver avuto l'opportunità
di visitarmi e prendere visione di tutti i dati sia clinici che strumentali,
anche precedenti al 2009, non si sono mai pronunciati. La cosa che Le avrei chiesto
una volta visionata la documentazione, quale fosse l'entità della mia situazione
artrosica e come poter andare avanti .Sono al corrente che per queste patologie non
esistono cure specifiche! Ho fatto la ricerca, come mi aveva indicato, del Suo indirizzo mail, non sono riuscito a trovarlo !
Grazie di tutto, un cordiale saluto.

Alberto Conti

[#5] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Purtroppo devo risponderLe nella stessa maniera di prima, perché una valutazione della "entità della situazione artrosica" si fa sui reperti strumentali ma anche in base ai sintomi che accusa (che devono essere "isolati" da eventuali altri processi patologici osteoarticolari compresenti).
Se lo desidera può contattarmi, molto semplicemente, cliccando sulla busta gialla che sta sotto le mie "stelline".
Saluti,