Utente 243XXX
egregi dottori, mia mamma è affetta da poliartrite sieronegativa indifferenziata e per questa patologia le sono stati prescritti cortisone + salazopirina. Ha dovuto sospendere la seconda perchè allergica; col tempo questi immunosoppressori le hanno provocato sarcoma di kaposi, per la cura del quale, l'onocologo dermatologo ha sconsigliato il consumo.
Vi chiedo: come potrà curare la poliartrite se non può più prendere i farmaci che servono a sconfiggerla? deve scegliere uno dei mali da curare(sic!)? o esistono altri farmaci che non le abbassano le difese immunitare?.. se si, quali?
vi ringrazio per il tempo che vorrete dedicarmi
cordialità

[#1] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Gentile utente,
sono sinceramente dispiaciuto per Sua madre ma è bene chiarire che un trattamento immunosoppressivo a base di steroidi (e sulfosalazina) non può essere ritenuto la causa del sarcoma; si potrebbe piuttosto convenire sul fatto che in teoria potrebbero averne favorito lo sviluppo (peraltro sarebbe impossibile anche stabilire in quale misura).

Se si vuole trattare un'artrite cronica e l'uso di FANS è inefficace o controindicato (consapevoli peraltro che i FANS agiscono a valle della catena fisiopatologica, cioè non modificano l'andamento della malattia) si deve necessariamente ricorrere ad agenti immunosoppressori.
Sono situazioni sempre difficili da gestire, ma in qualche modo deve essere trovato un compromesso per consentire a Sua madre una qualità di vita accettabile.

Saluti,

[#2] dopo  
Utente 243XXX

La ringrazio infinitamente Dottor Marchi per la Sua consulenza; chiedo scusa per essermi espressa male, volevo appunto dire che la terapia immunosoppressiva ha favorito il kaposi, per il quale esiste già familiarità nel caso di mia mamma( mia nonna ne era affetta!)
Mi pare , quindi, di capire che l'unica "via d'uscita", per la cura ed il trattamento dell'artrite, sia quella dei farmaci immunosoppressori?!?
Saluti a Lei

[#3] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
«volevo appunto dire che la terapia immunosoppressiva ha favorito il kaposi, per il quale esiste già familiarità nel caso di mia mamma»: a maggior ragione sarei più cauto e direi che «la terapia immunosoppressiva POTREBBE AVER favorito il kaposi».

«Mi pare , quindi, di capire che l'unica "via d'uscita", per la cura ed il trattamento dell'artrite, sia quella dei farmaci immunosoppressori»: se i FANS non sono sufficienti, le cose stanno effettivamente in questi termini (includendo tra gli immunosoppressori anche gli steroidi in cronico).

Saluti,

[#4] dopo  
Utente 243XXX

io La ringrazio infinitamente della Sua disponibilità, cortesia e professionalità, nonchè umanità( che è da pochi, cioè di coloro che vivono questo mestiere come una missione e non come altri medici che la vivono come un'occupazione, dimenticantosi dell'umiltà d'animo) dimostratami.
La saluto cordialmente

[#5] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
È un piacere farlo e lo è ancor di più per le persone che ci comprendono. Grazie a Lei.
Un caro saluto e in bocca al lupo.