Utente 341XXX
Nel 1997 mi fu diagnostico il Chron.Dopo un anno, a seguito di pancreatite, non ho preso più medicine e non ho avuto problemi intestinali. Da 2/3 anni ho cominciato ad avvertire dolori ai glutei e all'interno delle cosce (qualche volta al testicolo).A maggio dello scorso anno ho fatto la colonscopia. Il medico che l'ha effettuata, prima mi ha detto che era impossibile che il Chron fosse silente per oltre 10 anni. Poi mentre faceva la colon ha detto: è tutto infiammato, è sicuramente Chron. L'esame istologico recita: Tutti i frammenti di mucosa esaminati presentano un profilo istologico conservato. Sia a livello di mucosa ileale, sia di quella colonica si osserva una infiltrazione imfiammatoria leucocitaria e granulocitaria della lamina propria con rilevante quota di granulociti eosinofili. Quadro istologico che appare compatibile con una enterite eosinofila. ho riferito di avere fatto un anno prima una tac per i miei dolori articolari da cui si evinceva una sacroileite. I medici mi hanno detto di rivolgermi ad un reumatologo con urgenza perchè la malattia infiammatoria aveva procurato danni extraintestinali. A novembre ho rifatto una Tac lombosacrale: note spondilosiche diffuse iniziali con osteofisi anteriore tra L3-L4-L4e L5.Sensibile sclerosi e disomogeneità delle superfici articolari delle sacroiliache(sacroileite avanzata). Devo rivolgermi ad un reumatologo,anche perchè comincio a zoppicare (a volte) ma ho timore di assumere immunosoppressori o farmaci biologici per le controindicazioni. Cosa ne pensa del quadro clinico? Ho il Chron? Ho malattie reumatiche? Sono solo quelli i farmaci a disposizione per la cura della mia malattia e se si hanno controindicazioni? Grazie

[#1] dopo  
Dr. Pietro La Porta

20% attività
0% attualità
0% socialità
ACIREALE (CT)
ENNA (EN)
CALTAGIRONE (CT)
ASSORO (EN)
PETRALIA SOPRANA (PA)

Rank MI+ 20
Iscritto dal 2010
Dal quadro clinico descritto é molto probabile che Lei sia affetto da spondiloartrite sieronegativa correlata a M. Di Crohn. Consulti uno specialista reumatologo, se la diagnosi dovesse essere confermata non esiti ad iniziare il trattamento farmacologico. Le terapia "biologiche" oggi sono abbastanza ben tollerate... Non esiti a farsi curare. In bocca al lupo
Dr. Pietro La Porta

[#2] dopo  
Utente 341XXX

Egr. dottore, la ringrazio per la risposta. Ho prenotato una visita a Benevento da un reumatologo (studio privato) fra due mesi. Farò sapere gli sviluppi.