Utente 351XXX
Buongiorno, riassumo brevemente: tutto cominciò tre anni fa con un dolore acuto all'intestino, poi passato all'inguine,, poi al bacino come avessi un cilicio....
Oggi mi ritrovo con dolori sia all'intestino (altezza appendice) sia al bacino posteriore.
DIAGNOSI: dopo tutti gli accertamenti :Sacroileite- probabile S.A.
CURA:dopo avere provato quasi tutti i fans e la salazopirina senza alcun effetto sono in terapia con farmaci biologici (4 iniezioni, per ora, senza alcun beneficio) anche le infiltrazioni (acqua fresca).
Premetto che gli indici flogistici sono neg. La colonoscopia neg. HLAB27 neg.
anche il reumatologo è rimasto un po' perplesso...
Vi chiedo cortesemente: come è possibile tutto ciò? Ma soprattutto esiste qualcosa che mi possa far lenire i dolori.
Grazie infinitamente

[#1] dopo  
149046

Cancellato nel 2014
La risposta clinica ai farmaci biologici in paziente con sacroileite da spondiloartropatia non sempre è rapida, a volte si ottiene solo dopo alcune settimane/mesi. Solo dopo un determinato periodo di tempo senz aalcuna risposta si può concludere per un "fallimento" del farmaco biologico prescritto. La gestione ottimale della malattia è basata oltre che su farmaci anche sulla fisioterapia sotto la guida dello specialista Reumatologo e Fisiatra.
cordiali saluti

[#2] dopo  
Utente 351XXX

Grazie per la risposta celere colgo l'occasione per chiederLe:
ho notato che coincidenza del flusso mestruale i dolori si attenuano(>flusso-dolore)(>>flusso 0 dolore) la domanda da ignorante sorge spontanea. C'è relazione con gli ormoni?Considerando gli indici di cui sopra negativi e quest'ultima coincidenza possiamo ancora parlare di una malattia autoimmune?Può essere un altra causa la mia sacroileite?
Grazie.. .comprendete il mio stato d'animo