Utente 243XXX
Salve, sono una ragazza di 23 anni e da qualche giorno avverto un fastidioso dolore ai piedi, è iniziato con un dolore localizzato al tallone, poi nei giorni è diventato un dolore più diffuso, che in alcuni momenti si sposta alle caviglie, in altri alla pianta del piede, inoltre non sono dei picchi acuti ma come se fosse indolenzito. Premetto che sono solita indossare in estate scarpe molto basse, il classico sandalo spianato, e mi sono accorta in questi mesi di aver usato anche scarpe consumate ormai, e scarpe troppo larghe, che non mi fasciavano il piede, avendole usate soprattutto durante il mio lavoro di volantinaggio, che mi porta a camminare molto. Può essere stato causato da questo il dolore? inoltre lo sento meno quando cammino e di più dopo ore di riposo. di cosa si può trattare? lunedì devo partire e questo mi preoccupa un po. Grazie per la vostra attenzione

[#1] dopo  
Dr. Mauro Granata

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
La talalgia è un disturbo molto comune generato il più delle volte da condizioni intercorrenti e benigne come per esempio l'uso di scarpe non adatte che provocano il risentimento dei legamenti o delle borse sierose plantari. Talvolta invece il dolore al tallone può rappresentare l'esordio di malattie infiammatorie nell'ambito di quelle che vengono definite Spondiloentesoartriti sieronegative. Considerando l'imminenza delle sua partenza le consiglio al momento di affrontare il problema con una terapia sintomatica a base di antinfiammatori, ricorrendo ad una visita specialistica reumatologica al suo ritorno. Cordialità.
Mauro Granata

[#2] dopo  
Utente 243XXX

La ringrazio dottore per la sua risposta. Nel frattempo quale antiinfiammatorio e' più indicato???

[#3] dopo  
Dr. Mauro Granata

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
Tra FANS tradizionali e Coxib questi ultimi sono più indicati perché a parità di efficacia presentano minori rischi di tossicità gastrointestinale. Il suo medico di famiglia procederà con la prescrizione. Saluti cordiali.
Mauro Granata