Utente 409XXX
Buonasera a tutti.
vi espongo la mia situazione, purtroppo molto complessa.
Ho 29 anni e da un paio d'anni ho continui dolori al bacino. ho consultato diversi ortopedici e fisioterapisti ma non hanno saputo aiutarmi.
i miei sintomi sono: dolore forte alla regione sacrale( proprio le ultime vertebre) e alle anche, questo dolore insorge dopo pochi minuti di cammino o se sto in piedi ma anche se sto seduta a lungo. Di notte c'è ma molto più lieve rispetto al giorno.
Oltre a questo ho :
-dolori ai glutei
-dolore all'inguine
-dolori ai gomiti
- ho avuto una forte tendinite dei flessori del polso
- ho dolori al ginocchio sinistro e alla caviglia
- sciatica che arriva fino al ginocchio
- a volte dolore forte allo sterno
- soffro di disfunzione dell'ATM.
- da 3 mesi si è aggiunta la diarrea.
ho consultato una reumatologa che mi ha detto di pensare alla spondiloartrite sieronegativa perché gli esami sono tutti negativi e mi ha prescritto una RMN del bacino da cui si evidenzia un versamento endoarticolare bilaterale ma le articolazioni sacroiliache non sono infiammate.
per questo motivo lei ha detto di non essere più sicura della diagnosi e mi ha prescritto la colonscopia e l'esame per l'HLA.
voi cosa ne pensate? potrebbe essere una spondiloartrite in fase ancora precoce e per questo le sacroiliache sono ancora sane? il versamento comunque c'è.
I dolori diventano sempre più forti, non posso più neanche fare una passeggiata...
Grazie a chiunque voglia darmi un parere.

[#1] dopo  
Dr. Mauro Granata

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
Il versamento articolare e le diarrea potrebbero far pensare ad una forma enterocorrelata. Corretta quindi l'indicazione agli esami posta dalla collega. Le spondiloartriti costituiscono un gruppo di malattie eterogeneo che condividono lo stato infiammatorio delle articolazioni. L'esecuzione delle indagini prescritte permetterà di fare maggiore chiarezza sull'origine della sintomatologia. Saluti cordiali.
Mauro Granata