Utente 425XXX
Buongiorno, da un anno a questa parte ho problemi di microcircolazione alle estremità del corpo, mani e piedi risultano sempre freddi, ghiacciati, anche se non di colore bianco cadaverico. I piei sono quelli che danno meno fastidio, ma le mani sono costretto a metterle spesso sotto l'acqua calda per lenire il fastidio. Allo stesso tempo sto avendo problemi di erezione, o meglio problemi nel avere erezioni complete.
Inizialmente ho fatto un esame reumatologico per le mani, rimandandomi successivamente ad una Videocapillaroscopia e ad esami del sangue specifici anche per scongiurare malattie autoimmuni.
Esami del sangue ed emocromo tutti nella norma, ANA - Anticorpi Antinucleo ifi - ANTI-ENA - ANTICARDIOLIPINA, ANTI-BETA2 GLICOPROTEINA 1 Igm tutti Negativi.
Per quanto riguarda la Videocapillaroscopia risulta anche qui tutto nella norma, non ci sono segni di sclerodermia, anche se da referto cito : "Plesso venoso subpapillare non visibile, Flusso non valutabile."
Dopo tutto questo i miei disturbi ci sono ancora, a questo punto che altri esami potrei fare per capire effettivamente il problema ?
Un ’ ecocolordoppler arterioso potrebbe essere utile ?
Grazie per la vostra disponibilità,
Marco

[#1] dopo  
Dr. Mauro Granata

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
La sensazione di freddo alle estremità ricorre frequentemente nella raccolta anamnestica dei soggetti che si rivolgono al medico. Quando questa si associa a disturbi della microcircolazione è opportuno procedere ad una valutazione specialistica, tanto più quando la sintomatologia si manifesta anche in altri distretti vascolari. Un consulto angiologico, attraverso l'esecuzione di esami ematochimici e strumentali, contribuirà a chiarire la natura del suo disturbo e la strada terapeutica da intraprendere. Cordialità.
Mauro Granata